TuttoTrading.it

Seveso disastro - Che cosa è il disastro di Seveso (Da Wikipedia, l'enciclopedia libera)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

« ...voi, che vivete tranquilli nella vostra coscienza di uomini giusti,

che sfruttate la vita per i vostri sporchi giochetti

allora, allora ammazzateci tutti! (Antonello Venditti, Canzone per Seveso)

Il disastro di Seveso, o della nube di diossina, fu una catastrofe industriale avvenuta nell'estate del 1976 nel comune di Seveso, in Brianza, causata da una fuga del composto chimico siglato TCDD, una tra le più pericolose diossine conosciute, che intossicò la popolazione locale, inquinò aria, terreni e cose, e che uccise migliaia di animali. Decine di migliaia di animali furono soppressi in seguito per stroncare sul nascere il rischio di propagazione della contaminazione chimica.

 

I fatti

Verso le 12:37 di sabato 10 luglio 1976 nello stabilimento della società ICMESA di Meda, confinante con Seveso, un reattore chimico destinato alla produzione di triclorofenolo, un componente di diversi diserbanti, perse il controllo della temperatura e si scaldò oltre i limiti previsti.

La causa prima fu probabilmente un arresto volontario della lavorazione, senza azionare il raffreddamento della massa e quindi senza contrastare l'esotermicità della reazione; inoltre l'acidificazione del prodotto veniva fatta dopo la distillazione, e non prima. L'apertura delle valvole di sicurezza (dischi di rottura tarati per 3,5 bar effettivi) evitò l'esplosione del reattore ma l'alta temperatura causò una modifica della reazione con una massiccia formazione di 2,3,7,8-tetraclorodibenzo-p-diossina (TCDD), sostanza comunemente nota come diossina, una delle sostanze note maggiormente tossiche. La TCDD venne rilasciata (in quantità non definita, tra 300 g e 30 kg) e trascinata verso sud dal vento in quel momento prevalente (in diverse condizioni meteorologiche si sarebbe potuta colpire un'area di 30.000 abitanti). Si è quindi formata una nube tossica che ha colpito i Comuni di Meda (dove era localizzata la fabbrica), Seveso, Cesano Maderno e Desio. Seveso è stato il Comune più colpito essendo immediatamente a sud della fabbrica. Le prime avvisaglie furono l'odore acre e le infiammazioni agli occhi. Pur non essendoci stati morti, circa 250 persone riscontrarono la cloracne (dermatosi provocata dall'esposizione al cloro e ai suoi derivati, che crea lesioni e cisti sebacee), mentre gli effetti sulla salute generale sono ancora oggi oggetto di studi. È infatti opinione della popolazione locale che sia aumentata la percentuale di tumori nella zona.

Dopo l'incidente di Seveso, tre zone a decrescente livello di contaminazione (A, B, e R) sono state delimitate sulla base delle concentrazioni di TCDD nel suolo. 15.5–580.4 μg/m3 in zona A, 1.7–4.3 μg/m3 in zona B, e 0.9–1.4 μg/m3 in zone R. [1]

Le abitazioni comprese nella zona A, la più colpita, furono demolite e il primo strato di terreno venne rimosso. Gli abitanti della zona A vennero evacuati dopo ben 16 giorni e ospitati in apposite strutture alberghiere. La zona A venne presidiata per impedire a chiunque di entrare. Dopo 10 anni, in questa zona è sorto il "Bosco delle Querce". Invece le zone B e la zona di rispetto furono tenute sotto controllo (divieto di coltivazione e di allevamento). La popolazione venne avvisata dell'evento solo dopo 8 giorni.

 

Alcune conseguenze a lungo termine

Ricerche effettuate verso la fine degli anni '90 sulla popolazione femminile mostrano, a venti anni di distanza, una relazione tra esposizione alla TCDD in periodo prepuberale e alcuni disturbi.
Tra gli studi più recenti, si rileva come ancora a 25 anni di distanza dal disastro, gli effetti, misurati su un campione statisticamente ampio di popolazione, 1772 esposti ed altrettanti controlli, siano elevati. Nello studio, in sintesi, la probabilità di avere alterazioni neonatali ormonali conseguenti alla residenza in zona A delle madri è 6.6 volte maggiore che nei controlli. Le alterazioni ormonali vertono sul TSH, la cui alterazione, largamente studiata in epidemiologia ambientale, è causa di deficit fisici ed intellettuali durante lo sviluppo [2].
 

 

Seveso e la legislazione sull'aborto

Immediatamente dopo l'avviso iniziarono a circolare voci di possibili malformazioni dei feti e molte donne gravide abortirono presso ospedali o cliniche anche di altri Stati Europei.

Nonostante allora in Italia l'aborto fosse vietato, qualche decina di aborti fu praticata anche in Italia, in particolare presso la clinica Mangiagalli di Milano, e in due casi presso l'ospedale di Desio.

All'epoca non si praticavano diagnosi prenatali e le analisi compiute a Lubecca sui feti abortiti dimostrarono che erano tutti sani.

 

Testimonianze sull'evento

A questa triste vicenda si è ispirato il cantautore Antonello Venditti per scrivere una delle sue canzoni più belle, Canzone per Seveso, pubblicata nell'ottobre del 1976 nell'album Ullalla, che analizza i fatti accaduti tentando di individuarne le cause profonde. Testimonianza degli avvenimenti avvenuti nel primo anno dopo la fuga si possono trovare in "Visto da Seveso" di Laura Conti, consigliere regionale della Lombardia ai tempi del disastro, edito da Feltrinelli nel 1977.

Filmato sull'evento "Seveso, 1976": http://www.margheraonline.it/video/pp-seveso.avi

 

Note

  1. ^ di Domenico A, Silano V, Viviano G, Zapponi G. 1980. Accidental release of 2,3,7,8-tetrachlorodibenzo-p-dioxin (TCDD) at Seveso, Italy. VI. TCDD levels in atmospheric particles, Ecotoxicol Environ Saf. 4:346–356.
  2. ^ [1] Andrea Baccarelli1, Sara M. Giacomini, Carlo Corbetta, Maria Teresa Landi, Matteo Bonzin, Dario Consonni, Paolo Grillo, Donald G. Patterson Jr., Angela C. Pesatori, Pier Alberto Bertazzi , Neonatal Thyroid Function in Seveso 25 Years after Maternal Exposure to Dioxin


Link originale

  • Glossario di TuttoTrading
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO