TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 23/02/2007 Mettiamola fuorilegge. La pubblicità, non l’acqua in bottiglia (http://www.altreconomia.it/acqua/aderisci.php)

    Ricerca personalizzata

    Oggi le acque minerali sono uno dei maggiori inserzionisti pubblicitari in Italia: per convincerci a comperare “l’acqua da bere” nel 2005 gli imbottigliatori hanno acquistato spazi pubblicitari per 379 milioni di euro.
    Perché tanto sforzo? L’acqua in bottiglia ha un concorrente formidabile, che è l’acqua degli acquedotti: buona (poche le eccezioni), controllata (più dell’acqua in bottiglia, come hanno dimostrato diverse inchieste), comoda (arriva in casa), e poco costosa.
    Se le acque minerali non fossero sostenute da una pubblicità martellante, nessuno o pochi sentirebbero il bisogno di comperarle.
    Di fatto l’acqua in bottiglia fa concorrenza a un bene comune, lo ha riconosciuto anche l’Antitrust nel 2005 nel caso “Mineracqua contro Acea”. Solo che le forze in campo sono impari: contro i 379 milioni di euro che l’industria spende per sostenere l’acqua in bottiglia, gli acquedotti non investono una lira per pubblicizzare il proprio servizio.

    Senza pensare di ridurre la libertà di produrre e vendere acqua minerale, non si potrebbe invece legittimamente pensare di limitarne l’invadenza pubblicitaria?

    C’è già almeno un caso in cui non si può fare pubblicità di prodotti pur buoni: in quasi tutto il mondo è vietato promuovere latte in polvere per la prima infanzia (e ad altri prodotti di questo genere) perché fa concorrenza all’allattamento al seno, che è riconosciuto come “un bene primario”.
    Ma non c’è solo questo: in 14 regioni su 20 le aziende non pagano alcun canone per la quantità di acqua effettivamente prelevata e imbottigliata, ma solo un “canone di coltivazione”, in pratica l’affitto del terreno all’interno del quale si estrae l’acqua.
    E a fare affari d’oro sulla dabbenaggine dei nostri consumi sono i soliti noti: Nestlé, ad esempio, che vende nel mondo 19 miliardi di litri d’acqua e anche in Italia è leader del mercato. In Trentino imbottiglia tra i 90 e i 110 milioni di litri d’acqua (“Pejo fonte alpina”) ma paga al Comune di Peio meno di 30 mila euro l’anno. Uno scandalo.

    Per difendere l’acqua degli acquedotti (buona, controllata, comoda e poco costosa) e garantirle un futuro forse è necessario limitare l’invadenza pubblicitaria delle acque minerali.

    Mettiamola fuori legge. La pubblicità, non l’acqua minerale.
    Voi che ne dite?

    Se vi sembra un’ipotesi da approfondire e siete d'accordo con il nostro appello sostenetelo con il vostro nome.

    Alcuni commenti

    In Australia, terra vicina alla desertificazione, l'acqua del rubinetto, buonissima e che bevono tutti, te la danno per legge anche gratuitamente in ogni bar e ristorante! Una bottiglia intera fresca fresca! Solo qua con tutta l'acqua buona che abbiamo andiamo a pagarla!!
    barbara tonoli

    Ri-sottoscrivo l'appello con ri-confermata convinzione. Ho sempre bevuto acqua dal rubinetto dalla diga di Ridraculi: buona e ambientalista! Inoltro ad amici la campagna, come in precedenza. Ciao
    Angela Ottaviani

    Sarebbe opportuno far pagare alle aziende produttrici di acqua in bottiglia, non solo il canone, ma una quota supplementare su tutta l'acqua che prelevano per imbottigliarla, a danno dei cittadini (ved. caso Rocchetta. Tali quote dovrebbero poi essere impiegate per migliorare ed assicurare acqua potabile a tutti dal rubinetto di casa.
    Stefania Stefanelli

    utile sarebbe analizzare periodicamente le acque dei nostri rubinetti per ritornare a bere l'acqua corrente evitando l'enorme consumo di plastica derivante dall'acquisto di acqua in bottiglia che inevitabilmente subisce alterazioni chimiche.
    maria santoro

    Io bevo l'acqua del rubinetto; mi piacerebbe essere sicura che sia buona per la salute! Si potrebbe istituire un servizio d'informazione giornaliera che renda pubbliche le analisi dell'acqua.
    Gaia Giuntini

  • 16/04/2008 Usa, allarme sulle bottiglie di plastica «Sono tossiche». Sotto esame dalla Fda
    Contengono una sostanza, il Bpa, che potrebbe aumentare il rischio di tumori e causare problemi neurologici. MILANO - In America è ancora allarme sulla sicurezza delle bottiglie di plastica, che contengono una sostanza chimica, il bisfenolo A (Bpa), forse nociva: potrebbe infatti accelerare la pubertà, aumentare il rischio di tumori a seno e prostata, dare problemi neurologici. Bottiglie di plastica (Ap)...
  • 14/03/2007 Qualcuno vuol darcela a bere. Acqua minerale, uno scandalo sommerso
    È un momento caldo per l’acqua minerale. Mentre proseguono le inchieste della magistratura che coinvolgono alcune note marche, il ministero della Salute si appresta a sospendere le autorizzazioni di 86 aziende imbottigliatrici, perché le analisi non sono conformi con quanto previsto da un decreto del 2001...
  • 05/03/2007 La "campagna acqua"
    L'Acqua in quanto elemento essenziale alla sopravvivenza di tutte le forme di vita è un diritto. Dal riconoscimento che l'acqua in quanto elemento essenziale alla sopravvivenza di tutte le forme di vita è un diritto, un diritto umano e sociale, ed è responsabilità della collettività assicurare le condizioni per garantire tale diritto a tutti, nasce la: "CAMPAGNA ACQUA" di PACE E SVILUPPO...

  • Sostiene l' appello sul sito http://www.altreconomia.it/acqua/aderisci.php  

    http://www.altreconomia.it/acqua/aderisci.php

  • Archivio Acqua
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO