TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 15/02/2006 Usa, proposto bando per Sostanza chimica usata nel Teflon (http://www.rsinews.it, visto su www.disinformazione.it)  

    Ricerca personalizzata

    DuPont aderisce alla proposta dell’Environmental Protection Agency ma subito scoppia la polemica

    Il 25 gennaio, con una decisione inattesa, salutata con entusiasmo dagli ambientalisti, l’Environmental Protection Agency (EPA) statunitense ha invitato DuPont e altre sette imprese a cessare l’utilizzo di una sostanza chimica tossica, l’acido perfluoroctanico (PFOA), nei loro processi industriali.
    Il PFOA viene utilizzato da DuPont per realizzare il Teflon, che si trova non solo nelle pentole ma anche nei tessuti da abbigliamento e da arredamento, oltre che come componenti di farmaci, schiume antincendio, lubrificanti, adesivi, cosmetici, insetticidi, rivestimenti per tappeti e mobilio.

    Il Teflon è al centro di una class action promossa nel luglio scorso, perché la sostanza viene usata per realizzare una pellicola nelle pentole antiaderenti, con rischi per i consumatori, che non ne sono avvertiti.
    La compagnia chimica è stata oggetto di altre controversie con i residenti prossimi ad un suo impianto nel West Virginia e con la stessa EPA, per mancate informazioni.
    Ora l’EPA ha invitato DuPont, 3M/Dyneon, Arkema, Asahi, Ciba, Clariant, Daikin e Solvay Solexis, a ridurre l’Utilizzo del PFOA del 95% entro il 2010 e ad eliminarlo entro il 2015, non solo negli Usa ma ovunque operino.

    DuPont ha dichiarato immediatamente la propria adesione al programma proposto dall’EPA, affermando di aver già ridotto del 94% le emissioni di PFOA dai propri processi produttivi e che intende raggiungere il 98% entro la fine del 2007.
    Nell’aderire all’iniziativa dell’EPA, DuPont ha tenuto a sottolineare che, “anche se le attività di valutazione di rischio non sono ancora completate e le nuove informazioni potranno mutare il quadro attuale, l’EPA non dispone di alcuno studio che colleghi specificamente gli attuali livelli di esposizione al PFOA a effetti sulla salute umana”.
    Ma la questione dei rischi del Teflon è riesplosa ieri, quando l’EPA ha diffuso il parere di un comitato scientifico consultivo della stessa Agenzia, che sta conducendo una revisione sulla sicurezza del Teflon, che ha concluso, a maggioranza, che esso è “probabilmente cancerogeno” per gli esseri umani.

    Immediata la reazione di DuPont, che si è schierata a fianco dei membri del comitato consultivo che si sono dissociati dalla relazione finale.
    Al contrario, l’Environmental Working Group (EWG), in prima linea nella battaglia sui rischi del PFOA, ha chiesto all’EPA di escludere da ogni comitato consultivo due membri legati all’industria chimica, essendo consulenti scientifici dell’American Council on Science and Health (ACSH).
    In Italia, l’annuncio dell’EPA ha indotto l’associazione dei consumatori Codacons a chiedere al ministro della Salute di intervenire per tutelare la salute dei cittadini, procedendo al sequestro di 150 milioni di pentole al Teflon.


  • 15/02/2006 Produttori Teflon: nessun Rischio dalle Pentole

  • Archivio Ambiente
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO