TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 04/02/2008 A Londra parte la maxi area verde (http://www.lanuovaecologia.it)

    Ricerca personalizzata

    Pedaggi salatissimi ai mezzi pesanti senza filtri antiparticolato e non in regola con le direttive Ue sulle emissioni. La misura in estate verrà estesa ai mezzi commerciali di medio peso. E da ottobre 2010 pagheranno anche furgoncini e minibus/ Vai al sito

    L'area metropolitana di Londra inizia da oggi la sua battaglia per diventare la meno inquinata d'Europa: prende il via, infatti, la "low emission zone" (zona a basse emissioni), che comprende tutta la metropoli e che imporrà pedaggi salatissimi - 200 sterline al giorno, quasi 300 euro - a tutti quei mezzi pesanti sopra le 12 tonnellate

    che non hanno filtri antiparticolato e non sono in regola con le direttive Ue sulle emissioni. I mezzi dagli Euro 3 in poi saranno in regola. Una misura che in estate verrà applicata anche ai mezzi commerciali di medio peso, sopra le 3,5 tonnellate. A ottobre 2010 inizieranno a pagare anche furgoncini e minibus.

    L'area interessata è immensa, 1.580 km quadrati, molto più dell'intera ex colonia di Hong Kong. La 'low emission zone' costa ai contribuenti 49 milioni di sterline, e userà una fitta rete di telecamere per 'spiare' i giganti della strada che sono sotto allo standard Euro 3 e che non hanno filtri antipolveri. Ma, dicono i favorevoli, farà risparmiare molti milioni in più al sistema sanitario, limitando le malattie dell'apparato respiratorio dei londinesi. Transport for London, l'agenzia cittadina dei trasporti, ha calcolato che in sei mesi entrano nell'area metropolitana 120.000 camion da oltre 12 tonnellate. Il 10% di loro non è in regola con gli standard Ue. Per entrare, questi potranno solo mettersi in regola, o pagare 200 sterline al giorno, che diventano 1.000 se non si paga il pedaggio.

    Il pedaggio frutterà alle casse cittadine 2-3 milioni all'anno, più un milione

    di multe per i morosi. Zone simili sono state attivate in altri paesi europei, come Germania, Olanda e Norvegia, ma da nessuna parte le dimensioni si avvicinano alla "low emission zone"' di Londra. «È la prima in Gran Bretagna e la più grande del mondo, e di gran lunga - ha detto una portavoce di Transport for London - L'aria di Londra è la peggiore del Regno e tra le peggiori in Europa. I livelli di polveri sottili in molte parti di Londra sono molto al di sopra degli standard Ue. Questa misura aiuterà le persone che soffrono di asma, di malattie cardiovascolari e tutte quelle malattie aggravate dall'inquinamento».

    Londra, com'è noto, ha già la congestion charge, la tassa per entrare in auto al centro, che però mira più a ridurre il traffico che l'inquinamento. Oltretutto, la zona della congestion charge è limitata a una larga parte del solo centro. Protestano i trasportatori della Freight Transport Association: «Capiamo che il sindaco ha il dovere di migliorare la qualità dell'aria di Londra, ma non pensiamo che questo piano funzionerà. In più costa alla nostra industria un sacco di soldi per mettersi in regola». Un filtro costa fino a 5.000 sterline.

    http://www.lanuovaecologia.it.it

  • Archivio Ambiente
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO