TuttoTrading.it



SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 13/01/2005 “Deep Impact” a Caccia di Comete (www.disinformazione.it)

    Ricerca personalizzata
    Tratto da “Il Gazzettino” 13/1/2005

    Lanciata dal Kennedy Center della Florida la sonda Deep Impact tra 6 mesi raggiungerà e bombarderà la cometa Tempel 1. La NASA afferma che si tratta di un semplice esperimento scientifico, e se invece ci fossero altre e più serie motivazioni?

    New York
    La caccia alla cometa è cominciata, con un lungo inseguimento che dalle paludi del Kennedy Center, in Florida, porterà tra sei mesi una sonda americana a cercare di eseguire un tiro a segno spaziale senza precedenti. La Nasa ha lanciato da Cape Canaveral la sonda Deep Impact e ora ne segue la corsa verso il proprio bersaglio: la cometa Tempel 1.
    Il corpo celeste ogni cinque anni e mezzo passa dalle parti del Sole. Di solito il suo è un tragitto indisturbato, ma stavolta la cometa rischia di uscirne con un cratere delle dimensioni del Colosseo. Se tutto andrà secondo i piani della Nasa, il 4 luglio Tempel 1 sarà colpita da una micro-sonda da 362 kg sparata da Deep Impact a 37 mila chilometri orari. Lo scopo è quello di studiare la materia di cui la cometa è costituita sotto il suo nucleo ghiacciato, alla ricerca delle tracce di sostanze che risalgono all'origine delle galassie.  Il lancio in Florida è avvenuto come da copione alle 19,47 (ora italiana), quando si sono accesi i razzi del gigantesco Delta 2 utilizzato per mettere in orbita una sonda incaricata di una missione hollywoodiana fin dal nome: Deep Impact era il titolo di un film del 1998, con Bruce Willis, dedicato al bombardamento di un meteorite. E il giorno dell'impatto coincide con l'Indipendence Day americano.

    «La parte più difficile e la sfida maggiore sarà l'incontro vero e proprio, perché stiamo facendo cose che non sono mai state fatte prima», ha detto Jay Melosh, un geologo planetario dell'Università dell'Arizona che fa parte del team della Nasa che ha messo a punto la missione.
    L'impresa, in termini spaziali, sarà una sorta di rapido blitz. «Dalla Florida centrale alla superficie di una cometa in sei mesi - secondo Rick Grammier, capo del progetto Deep Impact alla Nasa - dal punto di vista di una missione spaziale equivale quasi a una gratificazione istantanea».
    La "ferita" che la sonda deve infliggere alla cometa non dovrebbe creare grandi problemi a Tempel 1, visti i 6,4 chilometri di ampiezza della cometa a forma di cetriolo, scoperta nel 1867. Secondo i calcoli della Nasa, l'orbita della cometa non sarà modificata. Prima dell'impatto, una sofisticata macchina fotografica a bordo della sonda manderà a Terra immagini ravvicinate del nucleo della cometa fino a 3 secondi prima dell'esplosione, che verrà seguita e analizzata da tutti gli strumenti di rilevamento della Nasa, compresi i telescopi spaziali Hubble, Chandra e Spitzer. Ma anche gli astronomi dilettanti dovrebbero essere in grado di osservare l'evento, che avverrà a 133 milioni di chilometri dalla Terra. 
    Gli scienziati sperano che l'impatto permetta di capire meglio la composizione delle comete analizzando la nube che verrà provocata dall'impatto. Le "vagabonde dello spazio" portano con loro, secondo gli astronomi, gli ingredienti che hanno portato non solo alla formazione di stelle e pianeti, ma anche dell'acqua - e quindi della vita - sulla Terra.  

    Link ufficiale della sonda Deep impact: http://deepimpact.jpl.nasa.gov/science/tempel1.html  Link della NASA sui rischi d'impatto: http://neo.jpl.nasa.gov/risk

  • Archivio Astronomia
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti

    Clicca qui!

    VAI ALLA MAPPA DEL SITO