TuttoTrading.it



SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 18/04/2007 INQUINAMENTO. "Usala meno, comprala meglio": Rapporto Legambiente su impatto di furgoni e auto (VC, www.helpconsumatori.it)

    Ricerca personalizzata

    Honda Civic e Toyota Prius sono le meno inquinanti. Seguite da Citroen C1, Peugeot 107 e la Toyota Aygo. Nessuna italiana tra le prime dieci, ma la Fiat ha una buona rappresentanza tra le monovolume più rispettose dell'ambiente. tra i furgoncini commerciali fino a mille chili di carico, i migliori sono il Fiesta Van CNG Gas della Ford, il Fiat Panda Van 1.2, e il Combo Opel 1.6 CNG Gas. Questi i risultati di "Usala meno, comprala meglio" il primo rapporto italiano sull'impatto globale di furgoni e automobili curato da Legambiente e dall'associazione svizzera traffico e ambiente (Ata), realizzato con il contributo di SEP e di City Logistic Expo di PadovaFiere.

    Legambiente e Ata hanno messo sotto la lente ben 500 modelli - i più diffusi in commercio oggi in Italia - tutti Euro4 e 160 furgoni commerciali. Fra i 18 parametri di analisi c'è il consumo di carburante, la rumorosità, le emissioni di gas serra (CO2) e quelle inquinanti con impatto sanitario che hanno portato a stilare una vera e propria classifica dei modelli più o meno virtuosi, giungendo alla conclusione che non tutti gli Euro4 sono uguali.

    Dalla ricerca emerge che il panorama italiano delle auto in commercio non è così roseo. Su 465 automobili euro 4 analizzate solo 90 (57 benzina, 30 diesel e 3 gas) possono fregiarsi delle 5 stelle (il massimo della ecocompatibilità) mentre ben 184 (105 a benzina, 78 diesel e 1 gas)modelli ottengono solo 1 o 2 stelle, dimostrando scarce performanches ambientali. Sugli 86 furgoncini presi in esame solo 3 (1 a benzina e 2 a gas) conquistano le 5 stelle mentre la stragrande maggioranza, 70 (15 benzina e 55 diesel), hanno solo 1 o 2 stelle.

    Ma perché una classifica italiana delle 4 ruote? Per scegliere i veicoli che inquinano meno, anche se Legambiente è convinta che la vera mobilità sostenibile si ottiene innanzitutto privilegiando i mezzi pubblici, gli spostamenti a piedi e in bicicletta e le altre possibilità che prescindono dal possesso di un'auto come il car-sharing o il car-pooling. Una guida affidabile all'acquisto, dunque, anche per quanti vogliono sfruttare le opportunità contenute nell'ultima Finanziaria che incentiva il passaggio a modelli più ecologici.

    Alla luce della ricerca Legambiente propone

    • Al governo

    - Subito i FAP obbligatori per legge
    - più soldi al TPL locale, al trasporto su ferro e al cabotaggio. Serve una legge speciale.
    - La finanziaria stanzia 90 milioni di Euro annui per un triennio per la mobilità sostenibile in città. - - Una bazzecola se si considera che per costruire una linea tramviaria in una città media (come Padova) il costo si aggira sui 100 ml di euro.
    - Incentivi per la rottamazione auto più mirati su categorie di auto meno inquinanti.
    - Tassare i SUV e i mezzi più inquinanti.
     

    • Agli enti locali

    - Road pricing e altre forme di tariffazione del traffico urbano per limitarlo e nel contempo finanziare le alternative all'auto.
    - Pm10, maggiore serietà nelle limitazioni invernali della circolazione. Non esentare i diesel (anche euro 4) senza Filtri anti-particolato. Controlli più stretti.
    - I fondi locali destinati ad incentivare le rottamazioni sarebbero in più utili per potenziare il TPL, car sharing, car pooling e piste ciclabili

  • Archivio Auto
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti

    Clicca qui!

    VAI ALLA MAPPA DEL SITO