TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 04/01/2020 Guerra alla droga in Messico. I dieci Stati in cui i narcos hanno seminato il panico (www.aduc.it)

    Ricerca personalizzata





    Fino a novembre 2019, 31.688 persone sono state uccise in Messico, come rivelato dal rapporto del Segretariato esecutivo del Sistema di pubblica sicurezza nazionale (SESNSP).

    Giugno è stato il mese più violento nella storia del Paese con 2.543 casi, mentre il 1 dicembre è stato il giorno più sanguinoso con 127 omicidi.

    Durante la sua prima conferenza stampa di questo 2020, il presidente Andrés Manuel López Obrador ha affermato che l'80% delle uccisioni è concentrato in 10 Stati del Paese: Guanajuato, Tamaulipas, Jalisco, Michoacán, Stato del Messico, Guerrero, Bassa California, Chihuahua, Veracruz e Colima.

    Al contrario, Baja California Sur, Aguascalientes, Querétaro, Campeche e Yucatán sono gli Stati che hanno occupato gli ultimi posti della lista.

    Guanajuato Questo Stato è diventato un vero inferno. Oltre ad essere il luogo con il più alto numero di omicidi intenzionali, sono state uccisi dozzine di agenti di polizia, i femminicidi sono aumentati, mentre un numero elevato di imprese e società ha chiuso a causa di estorsioni e per il pizzo della criminalità organizzata, coinvolgendo anche l'economia statale.

    La violenza subita in questa terra del Bajío messicano, governata da Diego Sinhué del PAN, è principalmente dovuta a due ragioni: il sanguinoso confronto tra il cartello Jalisco Nueva Generación (CJNG) guidato da Nemesio Oseguera "El Mencho" e il cartello di Santa Rosa de Lima (CSRL), diretto da José Antonio Yépez Ortiz, alias “El Marro; così come la lotta del governo federale contro il furto di carburante, chiamata anche "huachicoleo", l'attività principale di "El Marro". Fino a novembre 2019, 3211 persone sono state uccise a Guanajuato. Proprio quel mese è stato il più violento con 346 omicidi, il che rappresenta, in media, 11,53 persone uccise ogni giorno.

    Bassa California In questo Stato del nord del paese, 2.657 persone sono state vittime di omicidi intenzionali fino a novembre 2019, per cui è al secondo posto per numero di omicidi. Di questi, 1.985 si sono verificati a Tijuana.

    Secondo le autorità, la maggior parte di questi omicidi è dovuta alla lotta tra spacciatori.

    Tuttavia, la città è impantanata in una sanguinosa lotta tra il cartello di Sinaloa (CDS) e il cartello di Jalisco Nueva Generación (CJNG) per controllare "la piazza".

    La città di confine ha vissuto per decenni la violenza generata dal traffico di droga e dalla criminalità organizzata. Per anni è stato il territorio del cartello di Tijuana o dei fratelli Arellano Felix, fino a quando la morte e la cattura dei loro capi ha fatto calare la loro influenza e capacità d’azione.

    Ciò ha portato a una relazione del Consiglio dei cittadini per la sicurezza pubblica e la giustizia penale del Messico, pubblicata nel 2018, che considera Tijuana come il comune più violento del mondo, principalmente per il traffico di droga. Dal 2000 a circa 2015, il cartello di "El Chapo" Guzmán e "El Mayo" Zambada controllavano la distribuzione e la vendita delle droghe, nonché la loro esportazione, oltre all'intera rete criminale della città.

    L'anno seguente, i media locali hanno fatto sapere di una possibile alleanza tra ciò che era rimasto del gruppo criminale comandato da Arellano Felix e il cartello di Jalisco Nueva Generación. Da quell'anno, personaggi dei narcos si sono fatti vedere in giro per la città, dove furono affisse minacce contro i membri del cartello di Sinaloa, minacce firmate dal CJNG e dal cartello di Tijuana.

    Con questa unione e lasciando una scia di sangue, è così che è emerso il cartello di Nueva Generaciòn di Tijuana, comandato da Héctor Manuel Morales Guzmán, detto anche "El Gallero", che è stato identificato come un gruppo di "El Mencho", che cerca di impadronirsi della piazza.

    Stato di Messico

    Secondo il segretariato esecutivo del sistema di pubblica sicurezza nazionale, il terzo Stato con il maggior numero di omicidi illeciti è quello del Messico, che è governato dal PRI Alfredo del Mazo, cugino dell'ex presidente Enrique Peña Nieto.

    In questo Stato adiacente a Città del Messico, 2.603persone sono state assassinate fino a novembre 2019. Tuttavia, a luglio 2019, l'organizzazione messicana Evalúa ha indicato che le figure criminali di Edomex sono le meno affidabili nel Paese, poiché le autorità del luogo hanno riportato meno omicidi di quanti in realtà ne sono stati commessi.

    Nel suo studio, Evalua ha affermato che esiste una grande differenza tra i decessi per omicidio colposo pubblicati dal National Institute of Statistics and Geography (INEGI) e i casi registrati dal Segretariato esecutivo del National Public Security System (SESNSP).

    Questo è il motivo per cui lo Stato di Messico ha ottenuto un punteggio globale nell'indice delle statistiche criminali di 2,5 su 10; cioè, è quello che la maggior parte di omicidi col "trucco".

    Jalisco

    Secondo il segretariato esecutivo del sistema di pubblica sicurezza nazionale, 2.465 persone sono state uccise a Jalisco.

    È uno degli Stati prioritari per i cartelli della droga in Messico per la sua posizione geografica, le opportunità di investimento, l'esistenza di spiagge, montagne e grandi città che rendono più facile per i gruppi criminali operare e nascondersi dalle autorità.

    Ma è anche la culla del cartello di Jalisco Nueva Generación, che è diventata l'organizzazione criminale più pericolosa in Messico e persino in altre parti del mondo.

    A causa del livello di violenza con cui agisce, il governo degli Stati Uniti la considera al pari del gruppo terroristico dello Stato islamico (ISIS).

    Jalisco è stato teatro di sanguinosi attacchi, omicidi e sparizioni di dozzine di persone, che lo hanno portato ad essere uno degli Stati più pericolosi nel Paese per diversi anni.

    Il primo giorno del 2020, a Tonalá, Jalisco, è stato registrato un attacco a due funzionari della sicurezza dello Stato. Padre e figlio, rispettivamente di 52 e 23 anni, erano a una festa fuori casa, quando un gruppo di persone è arrivato sul posto ed ha sparato loro.

    Gli agenti hanno respinto l'aggressione e ferito uno degli sicari. L'uomo più anziano lavora nella polizia municipale nel settore degli affari interni, mentre il figlio lavora nella Procura della Repubblica.

    Per diversi anni, il governo di Jalisco è stato accusato di avere legami con il traffico di droga. Si dice che l'ex procuratore Luis Carlos Nájera, l'ex governatore Aristotele Sandoval e persino l'attuale presidente Enrique Alfaro siano collegati al crimine organizzato.

    Secondo la giornalista Anabel Hernández, dal 2018 il Dipartimento di giustizia del governo degli Stati Uniti (DOJ) indaga su Alfaro per i suoi presunti legami con il cartello di Jalisco Nueva Generación. L'indagine americana rivela che Alfaro avrebbe "ricevuto denaro in cambio di sicurezza e che li ha lasciati lavorare".

    Il 15 agosto, un video con un uomo incappucciato che affermava di essere Nemesio Oseguera Cervantes "El Mencho", leader del CJNG, veniva trasmesso attraverso i social network, e vi si accusava il governatore Enrique Alfaro di rompere un presunto accordo tra i due per controllare la piazza.

    Chihuahua Un'altro Stato fortemente colpito dalla violenza, principalmente quella generata dal traffico di droga e dalla criminalità organizzata, è il Chihuahua.

    Nello Stato di confine, 2.379 omicidi sono stati commessi secondo il SESNP. Chihuahua è uno dei tre Stati situati nel cosiddetto "Triangolo d'oro" messicano, noto a livello internazionale per avere una delle più alte concentrazioni di marijuana e coltivazioni di papavero.

    Negli ultimi anni, questo Stato di confine governato da PAN Javier Corral ha dovuto far fronte ad una rinascita di crimini violenti. Secondo il procuratore generale, vi sono due cartelli di grandi dimensioni che vi operano: il Pacifico (Sinaloa) e il Juárez, ma negli ultimi mesi il cartello di Nueva Generaciòn Jalisco (CJNG) è entrato nella disputa sul territorio.

    Ciudad Juárez, la città di Chihuahua e Madera, sono alcuni dei comuni più colpiti dalla violenza. Centinaia di esecuzioni, sparatorie, narcoblocchi e persino massacri hanno avuto luogo nelle loro strade.

    Il 4 novembre si è verificato uno degli attacchi più brutali che hanno colpito la società messicana e il mondo: tre donne e sei bambini (due dei quali molto piccoli), membri della famiglia messicano-americana Lebarón, massacrati su una strada sterrata a Bavispe, Sonora, situata ai confini con lo stato di Chihuahua.

    Michoacán Michoacán è uno degli Stati in cui il CJNG ha il suo braccio forte. Questo territorio, situato sulla costa occidentale del Messico, è uno dei principali punti di produzione e distribuzione di droghe, in particolare metanfetamine e altre sostanze sintetiche, anche se negli ultimi anni, oltre all'estorsione, sono proliferati i rapimenti.

    Fa anche parte della Terra Caliente ed ha uno dei principali porti marittimi (Lázaro Cárdenas), quindi la sua importanza per la criminalità organizzata è prioritaria.

    Le maggiori azioni criminali sono quelle del cartello Jalisco Nueva Generación, Los Viagras, La Nueva Familia Michoacana e alcuni gruppi di autodifesa come quello guidato da Juan José Farías Álvarez, alias "El Abuelo".

    Secondo il rapporto SESNP, al 30 novembre 2019, sono 1.820 gli omicidi registrati.

    Dall'inizio della cosiddetta "guerra alla droga" lanciata dall'ex presidente Felipe Calderón, il Michoacán è stato, purtroppo, il protagonista di alcuni degli episodi più violenti in Messico.

    Il 15 settembre 2008, nel mezzo della celebrazione del Grito de la Independencia, nella piazza principale di Morelia, sono esplose due granate, con un bilancio di otto morti e più di cento feriti.

    L'incidente aveva scioccato il Paese e, sebbene ci furono degli arresti, che anni dopo, con la verifica delle prove sono stati rilasciati, le vittime dell'attacco (a quasi undici anni di distanza) non hanno avuto giustizia. Alcuni degli atti più violenti commessi nel 2019 sono stati la comparsa di 19 corpi in diverse parti del comune di Uruapan, sei di essi sono stati appesi a un ponte stradale e altri sono stati trovati smembrati (8 agosto), nonché l'incursione di diversi dozzine di uomini del cartello di Nueva Generaciòn di Jalisco nel comune di Tepalcatepec in cerca di "El Abuelo" (13 agosto), con una scia di nove morti e 11 feriti.

    Oltre all’imboscata del CJNG alla polizia di stato ad Aguililla, che ha causato 13 morti tra gli uomini in divisa (12 novembre); così come l'incursione di un convoglio dello stesso cartello nella città di Zamora dove ha bruciato case, automobili e ucciso due persone (27 dicembre).

    Guerrero

    Guerrero è uno Stato che si distingue per la violenza del traffico di droga, che l'ha trasformato in un cimitero. 1.711 persone vi sono state uccise fino a novembre 2019.

    È un altro Stato combattuto sangue e fuoco dal CJNG poiché è considerato un punto strategico per la produzione e il trasferimento di droghe sintetiche.

    La Costa Grande è la zona di trasferimento di droga più importante. Comprende 26 Comuni, tra cui Chilpancingo, Tixtla, Chilapa, Atoyac de Álvarez, Benito Juárez, Petatlán, José Azueta (Zihuatanejo), Coyuca de Benítez, Tecpan de Galeana, Eduardo Neri, Heliodoro Castillo, Ahuacuotzingo e Olinalá. Questo è il motivo principale per cui l'area è soggetta a sanguinose lotte tra i cartelli.

    Un altro punto importante per il narco (per la sua posizione) è la zona della Terra Calda Guerrerense, integrata dai comuni di Arcelia, Ajuchitlán del Progreso, Coyuca de Catalán, Cutzamala de Pinzón, Pungarabato, San Miguel Totolapan, Tlalchapa, Tlapehuala e Zirándaro . La regione è considerata altamente pericolosa. Il caso di Acapulco potrebbe essere il più noto.

    Gli scontri violenti, le esecuzioni, gli attacchi e le sparatorie nel mezzo della costa e intorno al porto per mano del crimine organizzato hanno seminato centinaia di cadaveri, e molte persone disperse o ferite.
    Ricerca personalizzata

    Lo spargimento di sangue è il motivo per cui, per anni, i governi degli Stati Uniti e di altri Paesi hanno allertato i loro cittadini ad evitare di visitare il porto, il che ha portato a una crisi economica che ha moltiplicato la povertà.

    La presenza della polizia militare e statale non è riuscita a contenere le sparizioni e le esecuzioni che stanno diventando sempre più brutali.

    Veracruz

    Con 1.495 omicidi fino a novembre 2019, Veracruz è diventato un altro degli Stati più violenti del Paese. In questa terra sono stati commessi alcuni dei massacri più brutali.

    Il 19 aprile 2019 nel comune di Minatitlan, decine di persone stavano festeggiando un compleanno, quando persone armate hanno preso d'assalto la festa e sparato ai partecipanti. 14 persone furono massacrate, incluso un bambino di appena un anno. Dopo l'omicidio, il governo ha inviato centinaia di elementi della Guardia nazionale appena creata, che finora non è riuscita a contenere la lotta tra gruppi criminali.

    Quattro mesi dopo, il 27 agosto, il Bar "White Horse" situato nel comune di Coatzacoalcos, è stato attaccato da un gruppo di civili armati, che hanno anche lanciato bombe Molotov per bruciarlo, causando la morte di 27 persone e ferendone altre 9.

    Tamaulipas

    Sebbene in questo Stato siano stati segnalati 790 omicidi fino a novembre 2019, è uno dei più violenti, principalmente a causa della lotta tra i cartelli del Golfo e del Nordest, che per un paio d'anni si sono contesi il controllo del traffico di droghe in quella zona di confine.

    La città di Nuevo Laredo è una delle aree più devastate dalla violenza, principalmente generata dal Northeast Cartel (CDN), un gruppo che è diventato una delle principali minacce alla sicurezza pubblica nel nord del Messico, a causa del suo potere di fuoco e i metodi molto violenti ed eclatanti che usa per intimidire i suoi rivali.

    Nelle sue strade sono frequenti le sparatorie e la presenza di numerosi convogli etichettati con l'acronimo dell'organizzazione guidata da Juan Gerardo Treviño Chávez, alias "El Huevo" e dal cosiddetto "Troop of Hell", braccio armato della CDN.

    L'azione più recente ha avuto luogo durante le vacanze di Capodanno: uno scontro tra presunti sicari del cartello del Nord-Est ed elementi della polizia di stato di Tamaulipas che è durato circa cinque ore, lasciando sul terreno nove morti e centinaia di persone in preda al panico che cercavano rifugio in cortili o dove capitava.

    Tramite Twitter, il governatore Francisco Cabeza de Vaca si è congratulato con la polizia di Stato per aver fatto fronte ai criminali ed ha ftto sapere che non si arrenderà né abbasserà la guardia prima degli attacchi del cartello del Nord-Est.

    Colima

    In pochi anni, lo stato di Colima, situato nella regione occidentale del Messico, è passato da essere lo Stato più sicuro del Paese a diventare il primo nella classifica degli omicidi rispetto al numero dei suo residenti.

    Questa situazione è recente, e lo ha portato, negli allerta del governo degli Stati Uniti per i suoi cittadini, a collocarsi al livello 4 di massima violenza, simile a quello della Siria.

    Il segretariato esecutivo del sistema di pubblica sicurezza nazionale ha riferito che fino a novembre 2019, ci sono stati 680 omicidi, che rappresentano un tasso di 70 omicidi per centomila abitanti.

    Questi numeri sono quasi quattro volte superiori alla media nazionale di 19 omicidi per 100 mila abitanti, secondo i dati del Segretariato esecutivo. Le autorità attribuiscono la situazione allo scontro tra i Cartelli Sinaloa (CDS), Jalisco Nueva Generación (CJNG) e il resto dei Cavalieri Templari e La Familia Michoacana. I cartelli hanno reso Manzanillo, Tecomán, Armería e Ixtlahuacán i Comuni più violenti dello Stato.
    Ricerca personalizzata

    Manzanillo, oltre ad essere una delle destinazioni turistiche più popolari, è uno dei porti più importanti del Paese.

    Non solo la merce proveniente da varie parti del mondo entra ed esce, ma è anche un punto strategico nel percorso utilizzato dai gruppi criminali per il trasferimento di droga e denaro.

    (Articolo pubblicato su Infobae del 04/01/2020)



  • ADUC - avvertenze

  • Archivio Avvertenza ADUC
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO