TuttoTrading.it

 Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • M5S TDG
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading.
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics




    eXTReMe Tracker




    contatore visite
  • 25/05/2008 Scetticismo dei consumatori sull'accordo Abi-Governo (Adiconsum)

    Ricerca personalizzata

    Secondo i consumatori l' intesa Abi-Governo sulla rinegoziazione dei mutui non piace in quanto ritengono si tratti di una sanatoria mascherata del decreto Bersani, ripetutamente violato dalle banche e con la quale si rischia di pagare interessi aggiuntivi del 10-20%. Secondo Paolo Landi di Adiconsum, si rischia di essere indotti ad una scelta sbagliata. Non si tratta, infatti, di una trasformazione da tasso variabile a tasso fisso ma solamente di una offerta di una rata più bassa con la differenza che verrà addebitata al cliente in un apposito conto di finanziamento accessorio e addebitata alla fine del mutuo con un tasso pari all'Irs a 10 anni +0,50%.

    Alla scadenza del mutuo si rifaranno i conti: se i tassi saranno aumentati o si saranno mantenuti stabili (superiori a quelli del 2006) il mutuo sarà allungato fino a coprire il nuovo debito.

    Se i tassi dovessero scendere al di sotto di quelli del 2006 si potrebbe risparmiare qualcosa, come avviene per i mutui a tasso variabile.

    Vi sono i 20 milioni di euro previsti in Finanziaria per i mutui a favore delle famiglie disagiate che dovranno essere utilizzati. Dall'opposizione, Antonio Di Pietro, leader dell'Italia dei valori, è tranchant: «Per i mutui a tasso variabile ancora una bufala del Governo. Quello che Tremonti cerca di vendere come una sua conquista non è altro che uno specchietto per le allodole».

    Secondo Zadra i clienti delle banche hanno ora una serie straordinariamente ricca di opportunità: possono rinegoziare secondo questo modello oppure possono trovare banche che seguono altri modelli di rinegoziazione (operativi da un anno). Possono restare col mutuo che hanno oppure spostarsi in un'altra banca, perchè dal 1 giugno sarà totalmente attiva la portabilità gratuita».

    Mutui: consumatori pronti per una class action contro ABI e banche (Adusbef e Federconsumatori)

    L'Adusbef e Federconsumatori attaccano la convenzione sulla rinegoziazione dei mutui che considerano una sanatoria mascherata del decreto Bersani che le banche hanno ripetutamente violato e parlano di una class action contro Abi e banche su surroga, portabilita', simmetria dei tassi.

    Le associazioni invitano i cittadini a non cadere nella trappola riguardante la bufala del decantato risparmio annunciato da Tremonti per televisione e che, prevedono, si trasformera' in un boomerang per governo e per il ministro dell'economia Tremonti. Non esiste alcuna convenienza per i 3,2 milioni di cittadini indebitati a tasso variabile per precise responsabilita' delle banche, ad aderire all'accordo truffa Governo-Abi che ha vergognosamente decantato risparmi di 850 euro l'anno a famiglia, del tutto ingannevoli e destituiti di ogni fondamento matematico, alla luce dei calcoli effettuati, che aggiunge la beffa al danno, sfidano quindi governo, Abi e banche, a provare i risparmi promessi di 850 euro l'anno. Le banche ci guadagnano due volte, sia fidelizzando il cliente sia con l'allungamento della vita residua del debito, incamerando maggiori interessi e maggiori commissioni sulle rate.

    Segue su adusbef.it

    Segue su federconsumatori.it

  • Archivio Rinegoziazione mutui
  • Archivio Casa Condominio
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO