TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 07/03/2006 I progetti per la Difesa del Suolo. Alluvioni, un Satellite per l'Arno (www.lanuovaecologia.it)

    Ricerca personalizzata

    A 40 anni dalla storica esondazione, un sistema di quattro satelliti sorveglierà il bacino di 7000 chilometri quadrati. Si chiama Sar e individuerà i sintomi dei movimenti franosi
    300mila italiani a rischio

    Un satellite monitorerà il bacino dell'Arno contro il rischio frane. È quanto emerso in un incontro svoltosi a Firenze nel Salone dei 500 di Palazzo Vecchio a cui hanno partecipato anche il ministro dell'Ambiente Altero Matteoli, il segretario generale dell'Autorità di Bacino Giovanni Menduni, l'assessore regionale all' Ambiente Marino Artusa

    Firenze

    e il presidente di Anci Toscana Paolo Fontanelli.

    Grazie a un sistema di quattro satelliti il bacino del fiume verrà controllato in tutta la sua lunghezza per rilevare e prevenire possibili frane. «Abbiamo approvato alcuni progetti che i tecnici ci assicurano potranno mettere definitivamente in sicurezza l'Arno», ha detto il ministro Matteoli. «I primi finanziamenti – ha aggiunto Matteoli – ci sono e i lavori partiranno. Poi, negli anni, attraverso le varie finanziarie, ci sarà bisogno di trovare le risorse necessarie a completare le opere».
    Nel suo intervento il ministro ha sottolineato «che si tratta di un passaggio importante, che arriva a 40 anni dall' alluvione del ‘66 che provocò tanti danni a Firenze e non solo. La conoscenza dei fenomeni franosi nel territorio del bacino, rispetto soltanto a dieci anni fa è oggi aumentata e la ricognizione satellitare, condivisa con l'esperienza quotidiana delle amministrazioni locali, consentirà di determinare un quadro ancora più approfondito del rischio, fornendo le basi metodologiche e operative per l'aggiornamento dei Piani di assetto idrogeologico».

    Come spiegato da Menduni «il nuovo sistema satellitare permetterà di monitorare un' area di 7000 chilometri quadrati e produrre ogni mese immagini dettagliate del territorio grazie ad uno speciale sensore chiamato "Sar". Il sistema permette di controllare l'evoluzione del bacino e individuare facilmente i sintomi di possibili dissesti franosi».

  • 04/11/2006 Firenze Archivio Alluvione
  • Archivio Terremoti ed Altri Eventi Catastrofici
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO