TuttoTrading.it

05/04/2005 Anbi: I Fiumi Italiani vanno curati (www.lanuovaecologia.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Bisogna dare spazio ai corsi d'acqua. La ricetta dell'Associazione nazionale bonifiche e irrigazione. Il presidente Gargano: «Si spende meno in prevenzione che non per riparare i danni»

«Occorre dare maggiore diffusione ai principi della riqualificazione fluviale e dell'ingegneria naturalistica. In caso di piena, solo realizzando opportune aree di espansione fluviale è possibile difendere i centri abitati. Le stesse aree, in situazioni non di emergenza, diventano importanti zone umide, utili sia per l'habitat che per il tempo libero». È quanto indicato da Massimo Gargano, presidente dell'Anbi-associazione nazionale bonifiche e irrigazioni, in seguito all'esondazione del fiume Elba che ha provocato danni nell'Europa centro-orientale. Per Gargano è «l'ennesima conseguenza di concezioni idrauliche che necessitano di urgenti correttivi. Appena si presenta l'occasione il fiume si riappropria degli spazi che l'uomo gli ha sottratto con la forza, costringendolo entro limiti innaturali».

Anche il territorio italiano è soggetto agli stessi pericoli. Da anni i Consorzi di bonifica insistono per creare vasche di laminazione delle piene a monte dei centri urbani a rischio. Però servono, insiste Gargano, «adeguati finanziamenti».

L'Anbi sottolinea come nel nostro Paese vengano destinate meno della metà delle risorse spese per riparare i danni post-emergenze: nel periodo 991/2005 sono stati stanziati 5.300 milioni dallo Stato, mentre solo nel periodo 1993/2003 si sono verificati eventi alluvionali per un danno economico di 10.400 milioni, oltre a 343 vittime

Articoli Correlati

  • 05/04/2006 Europa sott' Acqua. Maltempo in Germania e Ungheria
    Il Danubio a Budapest ha raggiunto quasi il livello della banchina di pietra alta dieci metri: la piena del fiume trascina alberi, travi, flaconi di plastica...
  • 05/04/2005 Anbi: I Fiumi Italiani vanno curati
    Bisogna dare spazio ai corsi d'acqua. La ricetta dell'Associazione nazionale bonifiche e irrigazione. Il presidente Gargano...
  • 05/04/2006 Frane, 300.000 Italiani a Rischio
    Rischio alluvione per il 7,1% del territorio. Presentati i dati di Legambiente...
  • 05/04/2006 Bertolaso: Più rischi ma meno Disastri
    Il Capo della Protezione civile precisa: «raddoppiano gli eventi calamitosi ma non le sciagure...
  • 07/03/2006 I progetti per la Difesa del Suolo. Alluvioni, un Satellite per l'Arno
    Alluvioni, un Satellite per l'Arno.A 40 anni dalla storica esondazione, un sistema di quattro satelliti sorveglierà il bacino di 7000 chilometri quadrati. Si chiama Sar e individuerà i sintomi dei movimenti franosi...
  • 03/03/2006 Dossier Difesa del Suolo
    La Difesa del Suolo di Legambiente

  • 04/11/2006 Firenze Archivio Alluvione
  • Archivio Terremoti ed Altri Eventi Catastrofici
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO