TuttoTrading.it

 Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • M5S TDG
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics
  • 24/06/2005 Le coppie che donerebbero gli embrioni alla ricerca (www.aduc.it)

    Ricerca personalizzata

    Il 77,7% delle coppie che conservano embrioni opterebbe per la donazione alla ricerca scientifica, per la distruzione o per il dono ad altre coppie.
    Tutte possibilita' precluse dalla legge 40 sulla procreazione medicalmente assistita. Lo rivela uno studio condotto su 849 coppie italiane da Monica Cattoli della clinica Tecnobios di Bologna. I risultati dell'indagine sono stati presentati alla 21esima conferenza della Societa' Europea di Riproduzione Umana ed Embriologia, in corso a Copenhagen.
    Il 66% delle coppie vorrebbe che gli embrioni fossero distrutti, il 4,3% li donerebbe alla ricerca, mentre il 7,4% preferirebbe donarli ad altre coppie. Da un'altra ricerca presentata al congresso danese emerge che il trasferimento di 3 embrioni simultaneamente ha ridotto le chance di ottenere gravidanze portate a termine dal 38,7% al 30,2%. Lo studio e' stato condotto da Laura Rienzi, del dipartimento di medicina riproduttiva dell'European Hospital di Roma. La differenza e' ancora piu' marcata laddove si disponeva di oltre 6 embrioni ('freschi' e crioconservati) da impiantare: 48,9% contro 26,6%.
    Una riduzione statisticamente significativa delle gravidanze dopo l'introduzione della legge 40, e' stata rilevata anche da Filippo Ubaldi dell'European Hospital.
    Un ulteriore studio, condotto da Diane Neubourg del Centre for Reproductive Medicine di Anversa, in Belgio, ha messo invece in evidenza come i figli della provetta nati da trasferimento singolo di embrione (non simultaneo di piu' embrioni), sono sani come quelli nati senza l'intervento della provetta. Secondo lo studio, che ha analizzato 251 gravidanze, il peso alla nascita, la gestazione e il tasso di prematuri erano, nel caso del trasferimento singolo, uguali a quelli delle gravidanze non assistite. L'unica differenza significativa e' stata rilevata per l'incidenza di ipertesi: 7,6% contro 4,6%.

  • Archivio cellulestaminali
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO