TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 05/10/2007 Nasce un sito Internet italiano per evangelizzare con i fumetti cristiani (Silvia Salvati, http://www.korazym.org)

    Ricerca personalizzata

    L’avvento di Internet ha portato a tante novità nel mondo cattolico e la rete è diventata un ottimo mezzo per l’annuncio del vangelo. Però, quello dei fumetti on line sembrava essere un ambito difficilmente sfruttabile. Almeno fino ad oggi.

    Ci sono diversi modi (anche non convenzionali, come sanno i lettori di Korazym.org) per testimoniare la propria fede. Filippo Tommasi ne ha scelto uno davvero originale per l’annuncio: il mondo dei fumetti. Cosa che non ci può che fare piacere, visto che di evangelizzazione in luoghi (e con metodi) non convenzionali parliamo di continuo e speriamo di poter continuare a parlarne. L’avvento di Internet ha portato una ventata di novità nel mondo cattolico. Dalle prediche on line a "Dio dopo Internet", la rete è diventata un ottimo mezzo per la diffusione del credo cristiano. Ma quello dei fumetti on line sembrava essere un ambito, se non precluso, comunque difficilmente sfruttabile dal mondo cattolico. Almeno fino ad oggi.

    Il mondo del fumetto si sa, fa presa su giovani ma non solo. Ma c’è chi pensa che all’interno di questo mondo vi sia poco spazio per la fede cristiana. Esistono persino fumetti islamici, ma di cristiani se ne vedono pochi. In Italia, l’unica casa editrice che abbia preso in considerazione i fumetti con tematiche religiosi, è la Periodici San Paolo, pubblicando di tanto in tanto storie a fumetti tratti da personaggi della Bibbia.

    Nel 2005 il presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali affermava che è possibile trovare Dio in Internet e se è possibile trovare Dio in Internet, allora la Chiesa ha il dovere di partecipare a questo areopago per annunciare Dio, ha proposto l’arcivescovo John P. Foley. "Internet può essere una nuova strada verso Dio - ha sostenuto -, una chiamata per la Chiesa ad interrogarsi sulle opportunità dei nuovi mezzi per informare, educare, pregare ed evangelizzare, per portare in ogni luogo la Parola di Dio, per raggiungere anche chi vive nella solitudine e che forse non aprirebbe mai la porta della sua casa". Mons. Foley l’ha affermato intervenendo il 6 giugno 2005 a Roma all’incontro su "Internet e la Chiesa cattolica in Europa", promosso dal Consiglio delle Conferenze episcopali europee (Ccee). "La Chiesa, in quanto portatrice della Rivelazione di Dio, - ha osservato - ha il compito di comunicare la Parola e deve incoraggiare l’uso di Internet per il bene comune, per lo sviluppo della pace e della giustizia, nel rispetto della dignità personale e con spirito di solidarietà". Per questo motivo, ha proseguito, la rete è "l’areopago del nostro tempo, lo strumento per diffondere il messaggio cristiano, ma occorre educare al suo impiego poiché, come in ogni realtà che ci circonda, l’elemento positivo si contrappone a quello negativo, creando confusione e falsi valori". "Sì, Dio può trovarsi anche nella rete - ha sottolineato -. E tra i milioni di persone che ogni giorno navigano in Internet, molti possono imbattersi in parole di speranza, confrontandosi con altre esperienze culturali e spirituali, abbattendo le barriere ideologiche, sino a scoprire nuovi orizzonti". Se "Dio continua a dialogare con l’umanità attraverso la Chiesa", ha continuato, allora "la Chiesa deve assumersi la propria responsabilità di fronte ai nuovi mezzi di comunicazione". A questo proposito, mons. Foley ritiene necessari "precisi criteri di discernimento e con intento pedagogico, perché sia coloro che operano nel settore, sia coloro che usufruiscono della rete sappiano scegliere e con maturità in un contesto di informazione e disinformazione sempre più ampio e confusionario". La conclusione di monsignor Foley è stata chiara: "è impossibile rimanere a guardare un mondo che cambia tanto velocemente e bisogna ricordare che la voce di Dio può elevarsi al di sopra di tante altre voci, perché da sempre parla all’uomo e cerca di raggiungerlo con ogni mezzo possibile, a volte anche inimmaginabile".

    Ecco allora che Antonio Amico e Filippo Tomassi, maestro d’arte, fumettista e editore di diverse testate, cristiane appunto, già fondatori dell’Associazione "La Fionda di Davide" (che si adopera a tutelare i diritti dei giovani, ma soprattutto dei bambini) hanno deciso di colmare questo vuoto inaccettabile ed hanno aperto da poco un sito Internet dedicato al fumetto cristiano, andando a intercettare quello che i due sentono come un vuoto all’interno del panorama italiano, ovvero la mancanza di storie che portino avanti gli insegnamenti di Gesù. L’intenzione dei due è quella di rendere il sito un punto di incontro per tutti coloro che vivono il fumetto sulla propria pelle, sia come lettori che come autori, e che cerchino uno scambio di esperienze con altri fedeli nonché la possibilità di diffondere il messaggio evangelico grazie all’uso del fumetto. Toma - è il nome d’arte di Filippo Tommasi - spiega di aver creato il sito Internet Fumetticristiani.it "per consentire a qualunque cristiano abbia un talento di scrittore, illustratore, sceneggiatore, disegnatore di approfittare di questo spazio per contribuire alla diffusione del messaggio evangelico in modo alternativo". Sul sito non è solo possibile visionare fumetti e illustrazioni, ma anche scaricare sfondi e desktop ed essere informati su eventi e pubblicazioni in uscita. L'augurio di tanto inchiostro per Toma sulla strada della nuova avventura.

    Da anni Toma si occupa sia di fumetti, che di diffusione della parola di Dio, ed ha quindi pensato che, visto il momento particolarmente favorevole del settore, non si poteva non lanciare il genere Gospel. "Quello che intendo io per Gospel - precisa Toma - non è prettamente o solamente affrontare determinate tematiche in termini religiosi o dottrinali. Considerata la formazione culturale, fondamentalmente cattolica, degli italiani, ritengo che bisogna avvicinarsi ad essi con approcci più morbidi e carismatici, senza per questo rinunciare al rigore e alla verità enunciata da Dio con le sacre scritture". Insomma un modo nuovo per arrivare ai credenti, meno dottrinale e rigoroso ma di sicura efficacia, soprattutto nei confronti dei giovani che tanto amano il genere.

    C’è un vuoto, anzi … c’era
    di Toma aka Filippo Tommasi

    Carissimi amici e amiche, voglio intanto presentarmi con il mio nome d’arte: Toma.

    Questo è lo pseudonimo che ho adottato sin dai miei primi approcci al mondo dell’arte. Sono stato da sempre appassionato di fumetti, fin dalla mia tenera età quando iniziavo ad esplorare questo mondo fantastico, attraverso le simpaticissime avventure di Paperino e Topolino. Poi, crescendo, il passaggio ad altre testate (molto in voga a quei tempi) come L’Intrepido e Il Monello è stato, per così dire, fisiologico. Erano gli anni del boom dei fumetti per adulti, che in casa mia non sono mai entrati, ma, la mia curiosità adolescenziale, anche se con velata timidezza e vergogna, cercava sempre di stanare dai reconditi nascondigli nelle abitazioni dei miei amici, più emancipati verso certi tipi di letture. In realtà, al di là dei contenuti trasgressivi e volgari, le storie e le illustrazioni non brillavano certo per bellezza e trasporto. Però quella era, in un certo senso, il primo passo (cioè la gavetta) per poter accedere con onore, ai più blasonati ed interessanti miti di casa Bonelli.

    Senza dubbio quello di Tex è stato un fenomeno culturale e sociologico senza precedenti, che si divideva una grossa fetta di lettori con il suo socio, quasi coetaneo Zagor, di carattere più leggero e scanzonato, incontrastato re dell’avventura, a metà tra western e fantasy, magnificamente condito dalle esilaranti gag del suo imbranato partner Cico. A più di cinquant’anni dalla sua creazione, Tex continua a suscitare una grande attrazione anche tra i più giovani, provocando, spesso, dibattiti e riflessioni popolari addirittura anche in materia di politica e costume.

    Da allora la Casa Editrice Sergio Bonelli, come tante altre, sono cresciute, altre sono sparite. Decine e decine di nuovi personaggi si sono imposti con successo nel panorama fumettistico nostrano ed internazionale. I Giapponesi con i loro Manga hanno letteralmente e prepotentemente invaso i mercati di tutto il mondo; la Walt Disney ha migliorato ed incrementato le proprie testate con nuove proposte dirette anche ad un pubblico più maturo; altre case editrici che sembrava dovessero soccombere alla preponderanza di questi giganti, con grande impegno e sacrificio, sono riusciti a riesumarsi e a contendere con autorità, come l’Eura Editoriale, una parte anche se piccola del pubblico dei fumettari; la Marvel forte della sua mentalità aziendale, sforna storie e personaggi a tutto spiano, avvalendosi anche di preziose collaborazioni italiane, anche se da qualche anno ha cominciato ad accusare un inspiegabile ed allarmante calo di vendite. Ma sono tante e tante altre le realtà editoriali in crescita; per non dimenticare una delle istituzioni nazionali, nel campo: Il Giornalino.

    Dalla prima apparizione del pupetto americano Yellow Kid, sulle pagine del quotidiano New York World, nel 1895, per mano del disegnatore Richard F. Outcault, migliaia di disegnatori, sceneggiatori e soggettisti, in tutto il mondo si sono sbizzarriti nel creare personaggi, storie e miti, spaziando dal genere western a quello fantascientifico, passando per i tetri horror e i lussuriosi fumetti per adulti e finire nei più leggeri fumetti umoristici o satirici. Non mancano nell’elenco i generi storici, di guerra, supereroi, fantasy, polizieschi, manga ed  underground. Le matite  e i pennelli di grandi e piccoli artisti dei comics hanno praticamente soddisfatto le esigenze e le aspettative di tutti coloro che, attraverso la magia di strisce e balloons, hanno cercato di provare  e ricercare emozioni e sensazioni che spesso neanche un libro o un film riescono a dare.

    Con l’avvento di Internet, la diffusione di fumetterie e librerie specializzate nonché la creazione di  numerose scuole di fumetto, questo settore ha raggiunto straordinari livelli di qualità e diffusione, rispondendo a tutte le domande sia dei più avvezzi cultori che degli occasionali lettori di fumetti … mi chiedo, ma siamo sicuri che risponde proprio a tutte le domande?

    In effetti, un genere che non ha avuto, a mio parere, un’adeguata visibilità e riconoscimento è stato il cosiddetto genere Gospel. Mentre nell’ambito musicale, tale genere, sebbene relegato ad una platea di nicchia, gode comunque di reverenziali e onorevoli attenzioni e riconoscimenti per aver gettato le basi di quello che sarebbe diventato poi il rinomato Jazz, nel fumetto questo genere non ha avuto più degna sorte. In Italia, l’unica casa editrice che abbia preso in considerazione tale genere, è la Periodici San Paolo, pubblicando di tanto in tanto storie a fumetti tratti da personaggi della Bibbia.

    Quello che intendo io per Gospel,  però, non è prettamente o solamente affrontare determinate tematiche in termini religiosi o dottrinali, così come invece adottato drasticamente dalla nota Chick Publications americana. Considerata la diversa formazione culturale, fondamentalmente cattolica, degli italiani, ritengo che bisogna avvicinarsi ad essi con approcci più morbidi e carismatici, senza per questo rinunciare al rigore e alla verità enunciata da Dio  con le sacre scritture.

    E in questo, ho riscontrato un VUOTO, almeno per quanto riguarda la nostra Nazione. Aldilà della mancanza di fumetti tematici ho scoperto, casualmente, che non esisteva neanche un sito web sull’argomento. Così, con un po’ di coraggio e la benedizione di Dio, ho deciso di aprire questo sito Web, non per un auto-celebrazione ma per consentire a chiunque, cristiano/a, abbia un talento di scrittore, illustratore, sceneggiatore, disegnatore, ect., ad approfittare di questo spazio per contribuire alla diffusione del messaggio evangelico in modo alternativo. In questo sito troverete varie pagine dove potrete, visionare fumetti e illustrazioni; scaricare illustrazioni o desktop; essere informati su eventi e pubblicazioni in uscita; ottenere utili consigli mediante il corso di fumetto; poter pubblicare on-line i vostri lavori; partecipare ai vari blog; e tante altre iniziative che scoprirete con il tempo. Inoltre mi avvarrò del mio amico Ink, che mi aiuterà ad accompagnarvi in questo mondo fantastico e divertente.

    Questo è il mio primo passo, quindi invito tutti voi, interessati al fumetto, sotto ogni aspetto ad unirvi a me al grido di battaglia e che Dio benedica questo progetto!

    Toma

    www.korazym.org
    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio Chiesa
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO