TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 09/10/2007 I festeggiamenti per l’VIII centenario della conversione di Francesco e del suo arrivo a Gubbio (2) (Loris Lauretano, http://www.korazym.org)

    Ricerca personalizzata

    La Città di Gubbio, nelle sue componenti civili e religiose, è al centro in questi giorni di alcuni eventi mediatici unici e di altissimo profilo. "Questo ci inorgoglisce e ci rende consapevoli - commentano il sindaco Goracci e l’assessore Menichetti".

    La Città di Gubbio, nelle sue componenti civili e religiose, è al centro in questi giorni di alcuni eventi mediatici unici e di altissimo profilo. "Questo ci inorgoglisce e ci rende consapevoli - commentano il sindaco Orfeo Goracci e l’assessore alla Cultura Renzo Menichetti - dell’importanza crescente del valore di una città come Gubbio, del suo messaggio di pace e dialogo nel mondo, della capacità di essere punto di riferimento per laici e credenti, grazie ad iniziative di spessore che in questi anni sono state realizzate".

    Le immagini scattate dai fotoreporter Paolo Cocco e Giancarlo Giuliani per non dimenticare papa Giovanni Paolo II, un concerto e tante altre iniziative per ricordare la sua umanità e i suoi insegnamenti. Così la Città di Gubbio dal 6 ottobre al 4 novembre vuole rendere omaggio a un papa molto legato all’Umbria di san Francesco. Non è un caso, infatti, che la rassegna delle più belle immagini di ventisette anni di pontificato, intitolata "Totus Tuus", sia stata inaugurata proprio alla vigilia della chiusura dell’Ottavo centenario della conversione e della venuta a Gubbio di san Francesco.

    Nella puntata di ieri abbiamo parlato delle trasmissioni in diretta su Rai Uno dalla seconda patria di san Francesco della puntata di sabato di "A Sua Immagine" e della Santa Messa televisiva la mattina di domenica 7 ottobre.

    Inoltre, abbiamo offerto alcune foto della solenne Concelebrazione Eucaristica di domenica sera, sempre nella chiesa di San Francesco, presieduta dal cardinale Ennio Antonelli, già vescovo di Gubbio con l’attuale vescovo di Gubbio mons. Mario Ceccobelli e il vescovo emerito di Gubbio mons. Pietro Bottaccioli. Oggi e nei prossimi giorni parleremo di ulteriori eventi, che si sono svolti proprio nello scorso fine settimane, sempre in occasione dell’Ottavo centenario della conversione del Poverello e del suo arrivo a Gubbio.

    È stato il concerto finale a coronare una giornata ricca di appuntamenti e di emozioni. L'’appuntamento è stato ospitato la sera di sabato 6 ottobre nella splendida chiesa di San Pietro con l’ottima esecuzione dei musicisti del Teatro dell’Opera di Roma con l’artista eugubina Barbara Agostinelli (violino) e con Rita Cammarano (soprano), Achille Gallo (pianoforte) e Andrea Bergamelli (violoncello), per rendere omaggio a papa Giovanni Paolo II.

    Hanno eseguito Tema da "Schindler’s List" per violino e pianoforte di John Williams, Trio n.1 op.8 in si maggiore. Allegro con brio. Scherzo. Allegro molto. Adagio. Allegro di Johannes Brahms, Qui Sedes per soprano, violino, violoncello e pianoforte di Gaetano Donizetti, con l’aggiunta per un bis di un Ave Maria. Un gioco di luci hanno creato una vera e propria  scenografia luminosa, curata da Giancarlo Ferranti. Una platea attenta, ricca di autorità con importanti nomi del foto-giornalismo, che così ha voluto rendere omaggio al lavoro del fotoreporter Giancarlo Giuliani e alla figura del fotoreporter Paolo Cocco scomparso 2 anni fa, che aveva fatto della sua passione per gli scatti un dono a coloro che volevano farsi raccontare del Santo Padre Giovanni Paolo II, e al papa stesso che ha segnato la storia del mondo negli ultimi decenni. Tra i presenti mons.

    Mario Ceccobelli e mons. Pietro Bottaccioli, rispettivamente vescovo e vescovo emerito di Gubbio; l'ambasciatore di Giappone presso la Santa Sede Kano Gunkatsu; l'assistente della Sala Stampa della Santa Sede Vik van Brantegem; il corrispondente di Reuters Phil Pullella; il fotoreporter Giancarlo Giuliana e moglie: le signore Giuseppina e Stefania Cocco (rispettivamente mamma e moglie di Paolo Cocco) con la figlia Sofia; il pittore Cesare Ragni dell'Associazione Maggio Eugubino; l'ing. Alessandro Agostinelli. Ha introdotto la serata Renzo Menichetti, assessore alla Cultura di Gubbio, nonché maestro della cappella musicale della cattedrale di Gubbio.

    Gubbio - cittadina mai visitata da Karol Wojtyla, ma che era molto legato all’Umbria di san Francesco di Assisi - è considerata la seconda patria del Poverello assisano. Non è un caso dunque, che l’esposizione delle più belle immagini di papa Giovanni Paolo II, intitolata Totus Tuus, sia inaugurata sabato 6 ottobre 2007, proprio alla vigilia della chiusura dell’Ottavo centenario della conversione e della venuta a Gubbio di san Francesco nelle sale espositive di Palazzo Ducale a Gubbio.

    L’evento "Totus Tuus. Giovanni Paol II" è un’iniziativa dell’Associazione Paeseinphoto e dell'Associazione Italiana Fotografia Infrarosso di Gubbio, con l’incontro-dibattito all’ITIS, la mostra fotografica al Palazzo Ducale, il catalogo della mostra e il concerto nella chiesa di San Pietro organizzati dall’Associazione Paeseinphoto di Gubbio e dall'agenzia eugubina phplus italian photographers di Paolo Tosti e Daniele La Monaca. La manifestazione ha ottenuto il patrocinio di Reuters, Agence France Presse, Famiglia Cristiana, Comune di Gubbio e diocesi eugubina, ed è inserito dei festeggiamenti dell'Ottavo centenario della conversione di Francesco e del suo arrivo a Gubbio. L'evento ha suscitato il coinvolgimento finanziario di partner locali e nazionali, quello di media regionali e nazionali ed è supportata - dal punto di vista della comunicazione - dalle agenzie Reuters, Catholic Press Photo, Agence France Presse e phplus, dal settimanale paolino Famiglia Cristiana, dalla televisione trg, dai giornali locali Il Giornale dell’Umbria e Corriere dell’Umbria, 50&Più Fenacom e dal nostro quotidiano non profit on line Korazym.org.

    Paeseinphoto è eventi in fotografia. Associazione culturale ma anche Festival internazionale di fotografia, occasione d’incontro, momento di svago, luogo di ritrovo con la natura, trampolino per un’ascesi ed un ritorno a sé. Questo e altro. Tutto ciò che ogni singolo studente, insegnante, giovane, adulto, appassionato e esperto del settore può provare nei giorni trascorsi nelle campagne e nelle città dell’Umbria, con una macchina fotografica nella mano e un buon bicchiere di vino nell’altra. Da Costacciaro a Gubbio alle bellezze dell’intera alta Umbria; campagna e città, tradizione contadina e modernità, scuola e divertimento. I workshop che i grandi nomi della fotografia contemporanea propongono sono il fiore all’occhiello di Paeseinphoto.

    Main sponsor della mostra "Totus Tuus" è Colacem per la Cultura. Sponsor sono Park Hotel ai Cappuccini, Donati, Cis - Centro italiano servizi, Agenzia Fortis, Edilceramica Eugubino, rm & partners, Rosati, Euristica, apm, Center Office, Redil, Motette, Urbani, Libreria Fotolibri, Ipermercatone, Cooprogeti, Edeilferamelli, C.V.R. La mostra ha ottenuto inoltre lo sostegno di Fondazione Cassa Risparmio Perugia, Umbria Incoming Service, Ceramiche Andrea Baffoni e Ceramiche G. Rampini e la collaborazione di Associazione Industriali di Perugia - Sezione turismo, Confcommercio, Confesercenti, C.N.A., Confartigianato, C.A.S.A., C.I.A. e Coldiretti.

    La mostra fotografica Totus Tuus, rassegna interamente dedicata al pontificato di papa Giovanni Paolo II, raccontato dalle immagini scattate dai fotoreporter Giancarlo Giuliani e Paolo Cocco per ricordare papa Giovanni Paolo II, resterà aperta fino al 4 novembre 2007.

    La presentazione della mostra fotografica "Totus Tuus. Giovanni Paolo II" su Korazym.org: A Gubbio, una mostra sugli incontri di Wojtyla con i poveri e con i potenti del mondo

    Sempre nell’ambito delle iniziative legate alla rassegna fotografica - organizzata non solo per ricordare papa Giovanni Paolo II, ma anche il fotoreporter dell’Agence France Presse, Paolo Cocco, prematuramente scomparso a 34 anni - la mattina di sabato 6 ottobre nell’aula magna dell’ITIS-Istituto Tecnico Industriale Sperimentale in via Bottagnone a Gubbio, un incontro-dibattito su "Professione giornalista e reporter" con Alberto Bobbio, capo della redazione romana di Famiglia Cristiana; Giancarlo Giuliani, fotoreporter dell’agenzia fotografica Catholic Press Photo; Vincenzo Pinto, fotoreporter dell’Agence France Presse; Philip Pullella, corrispondente in Italia e in Vaticano di Reuters; Stefano Rellandini, fotoreporter di Reuters; Vik van Brantegem, assistente della Sala Stampa della Santa Sede.

    Insieme agli studenti hanno dibattuto sulla professione del fotoreporter, moderati da Elisa Neri, giornalista di TRG. Quindi, un momento anche questo, dedicato a papa Giovanni Paolo II, dove fotografia, musica, didattica e cultura si sono fusi insieme, unicamente per il desiderio di rendere omaggio la grande figura di un uomo e di un papa indimenticabile che ha segnato la storia; ma anche per ricordare il collega Paolo Cocco, che è ancora viva nella memoria, a due anni dalla sua morte per un incidente stradale, nella solennità dell’Ascensione del Signore. Aveva appena scattato le sue immagini in occasione della prima visita di papa Benedetto XVI a Castel Gandolfo.

    Nelle prossime puntate su Korazym.org: il concerto, la mostra fotografica, l'incontro-dibattito, la Città di Gubbio.



    http://www.korazym.org
    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio Chiesa
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO