TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 06/11/2009 Sentenza crocifisso. Verso una continua violazione del nostro essere Europa (www.aduc.it)

    Ricerca personalizzata

    Comunicato 

     

    Alla levata di scudi dei sostenitori della presenza del crocifisso nelle aule scolastiche, dopo la sentenza della Corte di Starsburgo, ha fatto eco il capo del Governo, Silvio Berlusconi: "La decisione viene da una commissione soltanto del Consiglio d'Europa, a cui partecipano piu' di quaranta stati, tra cui stati che non sono nella Ue, compresa la Bielorussia. La sentenza non e' vincolante, quindi non c'e' nessuna possibilita' di coercizione nei confronti del nostro Paese che ci impedisca di tenere i crocifissi nelle aule. Ora il governo fara' ricorso: una volta accettato sara' discusso nella Grande camera che poi decidera': qualunque possa essere la decisione non ci sara' capacita' coercitiva".
    Il capo del nostro Governo non ha detto le cose come stanno. Lo precisa Emmanuela Bertucci, legale dell'Aduc:
    1) quello del caso di specie e' un giudizio vero e proprio, conclusosi con sentenza che condanna, accerta l'avvenuta violazione dell'art. 2 del primo Protocollo addizionale e art. 9 della Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo, e condanna l'Italia al pagamento alla reclamante di 5.000 euro di danni morali;
    2) non e' vero che viene da una commissione composta da 40 Stati... viene da una Camera, composta da sette giudici:
    Françoise Tulkens (Belgio), Presidente,
    Ireneu Cabral Barreto (Portogallo), giudice
    Vladimiro Zagrebelsky (Italia), giudice
    Danute Jociene (Lituania), giudice
    Dragoljub Popovic (Serbia), giudice
    András Sajó (Ungheria), giudice
    Isil Karakas (Turchia), giudice
    3) L'Italia ha 3 mesi per proporre appello alla Grand Chamber, decorsi inutilmente i quali la sentenza e' definitiva.
    4) e' vero che la sentenza e' per un verso carta straccia, nel senso che l'Italia deve pagare alla signora i suoi 5.000 euro, ma non e' obbligata a togliere il crocifisso, la sentenza non obbliga l'Italia a farlo, ma accerta che il comportamento e' in violazione della Convenzione.
    Lo scenario possibile e' questo: l'Italia continua a tenere i crocifissi, i singoli continuano ad adire la corte dei diritti dell'uomo e ogni volta l'italia verra' condannata dalla Corte dei diritti dell'uomo al pagamento dei risarcimenti del danno.

    http://www.aduc.it

  • Archivio Chiesa
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO