TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 30/01/2008 LIBERALIZZAZIONI. Ricerca Prometeia: con più concorrenza riduzione dei prezzi al consumo dell’1.7% (BS, http://www.helpconsumatori.it)

    Ricerca personalizzata

    Energia elettrica, telecomunicazioni, servizi finanziari e distribuzione commerciale: le liberalizzazioni, a regime, potrebbero produrre "una riduzione del livello dei prezzi al consumo dell'1.7 per cento e un incremento del livello del Pil della stessa misura dell'1.7 per cento". La riduzione dei prezzi al consumo interesserebbe soprattutto beni alimentari e prodotti energetici. È quanto sostiene la ricerca "Concorrenza in Italia: benefici per famiglie e imprese. Una simulazione", realizzata da Prometeia per Indicod-Ecr, associazione di categoria che raggruppa aziende industriali e distributive che operano nel settore dei beni di largo consumo. La ricerca è stata presentata oggi a Milano nell'ambito del convegno "Concorrenza come motore della crescita".

    La ricerca simula dunque gli effetti di una maggiore liberalizzazione dei mercati dell'energia elettrica, delle telecomunicazioni, dei servizi finanziari e della distribuzione commerciale e dei carburanti sull'economia italiana. Il tutto a partire da un assunto: "in Italia i mercati dei beni e servizi si sono mossi nella direzione di una riduzione degli ostacoli alla concorrenza, ma con un passo più lento e quindi con un ritardo che diventa sempre più evidente. Lo scopo di questo lavoro è di misurare i costi per l'economia italiana di questo ritardo. Costi che vengono sopportati direttamente dai consumatori, per i quali il potere d'acquisto è compresso da un livello dei prezzi più elevato di quanto potrebbe essere, e costi che sopportano le imprese, direttamente, a causa di maggiori oneri per gli input materiali (energia e servizi alle imprese), e, indirettamente, per maggiori salari conseguenti al più elevato costo della vita. Infine, costi di tipo macroeconomico che conseguono alla minore capacità di penetrazione delle nostre esportazioni sui mercati esteri e alla minore sollecitazione agli investimenti in capacità produttiva e innovazione tecnologica, che un ambiente più concorrenziale determinerebbe".

    L'effetto a regime delle liberalizzazioni, rileva dunque la ricerca, avrebbe un impatto positivo sul Pil, sui consumi, sugli investimenti. Complessivamente, le liberalizzazioni potrebbero produrre a regime "una riduzione del livello dei prezzi al consumo dell'1.7 per cento e un incremento del livello del Pil della stessa misura dell'1.7 per cento - si legge nella ricerca - Il maggiore livello del Pil è spiegato per più della metà dall'incremento del livello dei consumi e per il rimanente quasi totalmente dal maggiore livello degli investimenti (un piccolo contributo viene anche dalle maggiori esportazioni, che risultano più competitive)". La riduzione finale dei prezzi al consumo, aggiunge la ricerca, si concentrerebbe soprattutto sui beni alimentari e sui prodotti energetici. "Il più alto potere d'acquisto delle famiglie e i maggiori investimenti stimolano un aumento del livello di occupazione dello 0.6 per cento e un livello di salario nominale di circa otto decimi di punto più basso, ma più elevato di nove decimi in termini reali rispetto all'ipotesi di assenza delle liberalizzazioni".

    http://www.helpconsumatori.it

  • Tutto sul Decreto Bersani e le Liberalizzazioni
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO