TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 02/06/2006 Salviamo la Costituzione (www.verdi.it)

    Ricerca personalizzata

    Si apre la corsa per il referendum del 25 e 26 giugno. Bonelli: "Aboliamo una riforma sciagurata". L'appello dei comitati. Pubblicazione in edicola con Manifesto e Liberazione

     

    Dopo le amministrative, anche se in numerosi centri urbani si andrà al ballottaggio tra poco più di una settimana, si apre la corsa verso il referendum, che si terrà il 25 e 26 giugno, sulla riforma costituzionale varata dalla precedente maggioranza di centrodestra.

     

    Un referendum che “spacca la Cdl”, rileva il capogruppo alla Camera dei Verdi Angelo Bonelli. “La pessima riforma costituzionale votata sotto il ricatto della Lega – dice Bonelli - sta spaccando il centrodestra, indeciso sulla linea da tenere al referendum. La dimostrazione che si tratta di una riforma scritta male che avrebbe effetti devastanti per il Paese”.

     

    "I Verdi - prosegue Bonelli - voteranno no per difendere la Costituzione e l'unità del Paese. Se la riforma dovesse essere approvata creerebbe innumerevoli problemi istituzionali e dividerebbe il Paese".

     

    Ma saranno i cittadini a giudicare "con il loro voto la superficialità e l'arroganza - conclude l'esponente del Sole che ride - con cui il precedente governo ha approvato questa sciagurata riforma".

     

    Il centrosinistra si sta mobilitando per affrontare la prossima scadenza referendaria. Una mobilitazione chiesta a gran voce dai comitati referendari guidati dall’ex capo dello Stato Oscar Luigi scalfaro di cui è portavoce Franco Bassanini. “A questo punto è necessario che scendano in campo in modo massiccio e impegnato anche i partiti dell’Unione, dopo che Prodi ha dato dei messaggi e delle indicazioni molti forte e chiare per respingere col voto referendario questa sgangherata riforma costituzionale”, ha detto Bassanini in un’intervista all’Unità.

     

    Bassanini ritiene importante per la vittoria “tenere insieme tutti quella che contrastano" la riforma della Cdl "indipendentemente dalle idee che hanno sulle riforme future. Il comitato promotore del referendum – dice - non può che comprendere gli uni e gli altri: chi vuole tenere la Costituzione com’è, chi vuole cambiarla, chi vuole aggiornarla e riformarla solo in alcuni punti”. Di come eventualmente cambiare e aggiornare la Carta se ne parlerà da dopo il 27 giugno.

     

    Materiali e appuntamenti referendari sono disponibili sul sito del comitato, dovè scaricabile anche il controdecalogo firmato dal costituzionalista Leopoldo Elia contrapposto a quello dell’ex ministro Roberto Calderoli.

     

    Anche la stampa di sinistra si dà da fare per cominciare una più fitta opera di sensibilizzazione e informazione dell’opinione pubblica. Domani il Manifesto e Liberazione usciranno in edicola accompagnati da uno stesso testo scritto da diversi costituzionalisti, da Gaetano Azzariti a Francesco Bilancia e Maurizio Oliviero.

     

    Scelgo la Costituzione - No alla Controriforma, è il titolo della pubblicazione.  "L'informazione è importante per rimettere in ordine la Costituzione che è stata violata dalla controriforma", spiega Gabriele Polo. "Dobbiamo vincere il referendum e poi almeno tenercela questa Costituzione fino a quando avremo una Costituzione Europea degna di questo nome". "L'informazione è compito anche dei giornali - osserva la vicedirettrice di Liberazione Simonetta Cossu - quello che sarà in edicola vuole essere un libretto di istruzioni per l'uso".


    "Dobbiamo impegnarci immediatamente in una grande discussione di massa e mobilitarci contro questa controriforma costituzionale che ha un'impostazione autoritaria, accompagnata da una ipotesi di frantumazione del corpo sociale del paese”, dice Franco Giordano, leader del Prc.

     

    Per il segretario dei Ds Piero Fassino è importante convincere anche gli elettori del centrodestra sulla necessità di dire no alla riforma della Cdl: “Noi lavoreremo per chiedere il no al referendum e lo chiederemo anche agli elettori del centrodestra, perché non c'è un meccanismo di sovrapposizione tra il voto politico e il voto sulle riforme costituzionali".

     

    Necessario votare no anche per il governatore del Friuli Venezia Giulia Riccardo Illy che ha espresso preoccupazione sui contenuti della riforma per quel che riguarda il rafforzamento dei poteri dell'esecutivo: attribuire il potere "al presidente del consiglio di sciogliere il parlamento", ha detto, potrebbe portare "al rischio di trasformare la Repubblica parlamentare in un premierato. Uno stravolgimento che può portare a derive pericolose di tipo autoritario" stravolgendo “il principio dei pesi e contrappesi previsti dalla Costituzione

  • 20/05/2006 Tutto sul Referendum Costituzionale del 25 Giugno
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO