TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 27/08/2006 ONU rende noti Esiti Inchiesta 'Sex for Food'(Carla Amato, http://www.osservatoriosullalegalita.org)

    Ricerca personalizzata

    L'ONU ha reso noti venerdi' i risultati dell'inchiesta su 'sex for food', cioe' sulle accuse di sfruttamento sessuale di giovinette da parte di personale dell'ONU in missione di pecekeeping.

    Uno scandalo scoppiato nella Repubblica Democratica del Congo, dove a donne e ragazze veniva richiesto sesso in cambio di un po' di cibo (da cui il nome), ma verificatosi spesso con la stessa moneta di scambio anche in altre zone del mondo in cui vi erano missioni di caschi blu, come in Liberia. In Congo il Marocco aveva prontamente indagato e sanzionato i membri del suo personale militare responsabile degli abusi, mentre in Liberai l'ONU aveva indagato otto persone e sospeso un funzionario, l'unico trovato colpevole.

    Dopo lo scandalo congolese, le Nazioni Unite avevano varato una politica di "tolleranza zero allo sfruttamento ed abuso sessuale". Ora e' stato reso noto che dall'inizio del 2004 le Nazioni Unite hanno analizzato in totale accuse di sfruttamento o di abuso sessuale contro 313 membri delle missioni di mantenimento della pace, radiando conseguentemente 17 persone e rimpatriandone forzatamente altre 161.

    Il rapporto - riguardante il periodo fino al 23 agosto di quest'anno, indica che le inchieste condotte dai comandi delle diverse missioni o dall'ufficio di controllo dei servizi interni hanno riguardato personale militare e civile, ufficiali di polizia, volontari ONU e appaltatori, ma ha riguardato prevalentemente personale militare. Almeno 206 unita' militri hanno affrontato le indagini, e 144 di essi, compresi 7 comandanti, sono rimpatriati o trasferiti per i motivi disciplinari.

    Sugli 84 civili indagati 10 impiegati e 7 volontari sono stati espulsi, mentre altri sette volontari sono stati rimproverati severamente e il contratto di un appaltatore non e' stato rinnovato. 109 persone sono state invece sollevate da ogni addebito perche' innocenti o per mancanza di prove.

    Il rapporto conferma che il caso piu' grave e' stato quello della missione nella Repubblica democratica del Congo, MONUC, dove le indagini hanno riguardato 202 persone, principalmente militari, ma anche civili ed ufficiali di polizia. Alcune inchieste continuano in Congo, in Liberia ed in altri tre luoghi.

    L'ONU ha segnalato anche che alcuni Stati membri hanno condotto indagini contro i loro cittadini come conseguenza delle accuse, conducendo ad una gamma di ulteriori pene, compresa la detenzione, la radiazione dalle forze armate o l'abbassamento di grado.

  • Archivio Diritti Umani
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO