TuttoTrading.it

05/06/2007  Ergastolo, una pena di troppo (Redazione, http://www.korazym.org)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Un gruppo di associazioni e partiti politici presenta la proposta di abolizione dell’ergastolo: mantenere la prospettiva del recupero del condannato diventa la priorità. Ma a questo deve legarsi un altro fattore: la certezza della pena.

Siamo stanchi di morire un pochino tutti i giorni. Abbiamo deciso di morire una volta sola, le chiediamo che la nostra pena  sia tramutata in pena di morte”: a chiederlo, con una lettera indirizzata al presidente della Repubblica, sono oltre trecento persone condannate all'ergastolo e detenute nelle carceri italiane. Una provocazione, naturalmente, che fa paradossalmente il paio con le richieste di commutazione delle pene capitali in ergastolo che troppo spesso – purtroppo – vengono negate.

La lettera che abbiamo presentato è in verità un appello, lanciato dall’associazione Antigone, dalla Sinistra europea e dal partito della Rifondazione comunista, e che ha ottenuto il sostegno di numerosi personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, da Ascanio Celestini a Sandro Curzi, da Erri De Luca a Leo Gullotta. “La questione dell’abolizione dell’ergastolo, una pena che esclude per il condannato la prospettiva di una nuova vita, è questione da sempre al centro delle battaglie progressiste, - scrivono i promotori - è un obiettivo irrinunciabile di civiltà giuridica, è il cardine di quel “diritto penale minimo e mite” che solo può invertire la spirale perversa che continuamente si crea tra le urla scomposte del giustizialismo, l’emarginazione di intere fasce sociali, la negazione dei diritti e della speranza”. 

Parole che sembrano lontane anni luce dal clima che si respira nel paese, o che pare respirarsi nel paese: allarme sicurezza ed emergenza immigrazione non cedono il passo ai temi dell’inclusione e della cittadinanza, e a distanza di mesi ancora in molti sono pronti a sparare a zero sul provvedimento di indulto approvato dal Parlamento e fortemente voluto dal ministro della Giustizia. Potrebbe insomma apparire decisamente fuori moda appoggiare la proposta di abolizione dell’ergastolo, eppure a ben vedere esso rappresenta un traguardo al quale la cultura giuridica di questo paese si sta avvicinando. Naturalmente, in questo quadro, il punto essenziale è soprattutto uno: la certezza della pena. In un paese in cui la giustizia arriva – se arriva – anche con decenni di ritardo, la certezza della pena racchiude ormai un valore immane: è per questo che dirsi d’accordo sull’abolizione dell’ergastolo significa al tempo stesso dirsi fiduciosi che la gestione delle pene detentive possa basarsi su criteri di certezza e di sicurezza. In caso contrario, saranno molti coloro che non si lasceranno convincere della bontà della proposta di abolizione dell’ergastolo.

  • Archivio Diritti Umani
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO