TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 26/08/2007 Pegah Emambakhsh potrebbe essere accolta in Italia (Mauro W. Giannini, http://www.osservatoriosullalegalita.org)

    Ricerca personalizzata

    L'eventualita' di accogliere in Italia Pegah Emambakhsh - la donna lesbica iraniana cui la Gran Bretagna non ha concesso asilo - e' stata prospettata ieri dal ministro per i diritti e le pari opportunita' Barbara Pollastrini.

    La ministra ha affermato di essere colpita "dalla vicenda drammatica di Pegah Emambakhsh, la donna iraniana che un eventuale provvedimento di espulsione dalla Gran Bretagna potrebbe riconsegnare alle autorità iraniane, con rischi evidenti per la sua vita".

    Pollastrini ha sottolineato "Con la stessa sensibilità e attenzione il caso è seguito dal Presidente del Consiglio, Romano Prodi, con il quale ho parlato anche in queste ore" ed ha aggiunto che "E' un dovere compiere ogni verifica e ogni passo quando in gioco sono i diritti umani e la sicurezza di una persona".

    Il ministro ha garantito che "Il Governo a tali principi si atterrà in modo serio e coerente. Per quanto mi riguarda se fosse necessario, ciò non deve escludere la possibilità di accogliere Pegah nel nostro Paese".

    Sono in atto in tutto il mondo azioni per chiedere al governo di Londra di non espatriare la donna. Il 27 agosto si manifestera' a Roma davanti all'ambasciata britannica.

    23/08/2007 Iran : Gran Bretagna rimpatria lesbica che rischia lapidazione (Gabriella Mira Marq http://www.osservatoriosullalegalita.org)

    Se deportata in Iran rischia la tortura e la lapidazione in quanto lesbica.

    Una donna iraniana, Pegah Emambakhsh, che aveva richiesto asilo in Gran Bretagna nel 2005, e' poi stata arrestata il 13 agosto 2007, con la prospettiva di un veloce rimpatrio.

    In questi giorni e ore si sono moltiplicati le iniziative di solidarieta' e gli appelli al governo britannico e alle ambasciate britanniche di tutto il mondo da parte di organizzazioni gay e non per evitare una misura che condurra' quasi certamente alla lapidazione della quarantenne.

    Sembra che il governo britannico, in spregio alle Convenzioni internazionali, abbia deciso non solo il rimpatrio, ma anche di anticiparlo a queste ore.

    Le lettere di supporto per Pegah Emambakhsh dovrebbero essere trasmesse a:

    Rt. Hon. Jacqui Smith MP, Home Secretary, 2, Marsham St, London, SW1P 4DF.

    fax: + 44 (0) 207 035 3262 or +44 (0) 207 035 2362

    email: homesecretary.submissions@homeoffice.gsi.gov.uk

    Gli organizzatori della campagna di sostegno suggeriscono preferibilmente di inviare un fax, piu' evidente e imbarazzante.

    Indicare chiaramente ‘The personal attention of The Home Secretary’.

  • Archivio Diritti Umani
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO