TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 25/11/2006 Al via processo per morte durante disintossicazione (www.aduc.it)

  • Pagina Droga
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Farmacologia
  • Farmacovigilanza
  • Ricerca personalizzata

    E' iniziato a Bologna davanti al giudice monocratico di Bologna Meri De Luca (Pm d'udienza Stefano Garuti) il processo sulla vicenda della morte di un giovane di 27 anni di Saronno (Varese) che mori' in una clinica bolognese dove si stava sottoponendo ad una cura disintossicante dalla cocaina basata sulla sedazione. A causare la morte fu, secondo le indagini, una contaminazione del dispositivo utilizzato per il trattamento sedativo. L'inchiesta sul decesso, condotta dal Pm Lucia Musti della Procura di Bologna, ha portato al rinvio a giudizio per omicidio colposo di due medici e un' infermiera che si occupavano del trattamento disintossicante del ragazzo.
    A mettere in moto le indagini, condotte dal Nas dei carabinieri di Bologna, fu un esposto presentato dal padre del giovane all'indomani della morte, avvenuta il 9 aprile 2003. La famiglia del ragazzo, Fabrizio R., e' assistita dall'avvocato Busignani del foro di Varese. Imputati sono un medico anestesista, di 54 anni; il medico ricoverante, di 54; e una infermiera. L'anestesista e' assistito dall' avv.Fabio Bazzani di Modena e dal collega Maurizio Merlini di Bologna, l' infermiera dall'avv.Enza Vergine, l'altro medico dagli avv. Aldo Savoi Colombis e Roberto Landi.
    Secondo l'accusa, non furono adottate tutte le cautele previste da una rigorosa procedura che va seguita nell' applicazione del trattamento disintossicante. Un trattamento basato su una sedazione continua che alla lunga toglierebbe il bisogno della droga. Per la sedazione farmacologica veniva usato l'anestetico Propofol, ad alto rischio infettivologico poiche' preparato in forma di emulsione in olio di soia, glicerolo e lecitina. Il ventisettenne mori' per un collasso cardiaco irreversibile dovuto al passaggio nella circolazione del sangue di microrganismi, derivati dalla contaminazione del dispositivo infusionale utilizzato per la somministrazione prolungata del Propofol. Ieri in aula e' iniziata l'audizione dei testi. L' udienza e' stata aggiornata al 22 marzo.


  • Pagina Droga
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Farmacologia
  • Farmacovigilanza
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO