TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 15/01/2009 Firenze, lezioni di droga in classe "Riduzione del danno", genitori infuriati (http://www.aduc.it)

    Ricerca personalizzata

    LA REPUBBLICA - Istruzioni per l'uso di cocaina, cannabis, alcol, funghi allucinogeni, ecstasy: "Fai attenzione alle dosi, la prima volta prendi al massimo la metà di quella degli altri, non puoi sapere come reagirai. Se il bruciore della cavità nasale è forte, o il naso sanguina, o si formano croste, smetti di sniffare...". O ancora: "È meglio sospendere o evitare l'uso di cannabis se essa amplifica o causa sensazioni negative". Oppure: "Le bevande alcoliche sono usate per disinibirsi, superare gli imbarazzi, sentirsi più carichi, avere più coraggio con l'altro sesso, divertirsi con gli amici...". Distribuiti dagli operatori di strada ai giovani dei rave, delle grandi feste, dei concerti, e mirati alla riduzione del danno da assunzione di sostanze altrimenti senza controllo, i depliant colorati del progetto Extreme della Asl di Firenze sono finiti in una scuola. Ed è esplosa la protesta.

    Continua:
    http://www.repubblica.it/2009/01/sezioni/cronaca/firenze-lezione-di-droga/firenze-lezione-di-droga/firenze-lezione-di-droga.html

    16/01/2009 Ancora polemiche a Firenze per 'riduzione del danno' nelle scuole (http://www.aduc.it)

    E' ancora polemica a Firenze per dei depliant distribuiti ai ragazzi di alcune classi del liceo scientifico 'Rodolico', che mirano a ridurre il danno derivante dall'assunzione di sostanze stupefacenti. I depliant, distribuiti generalmente dagli operatori di strada ai giovani dei rave, delle grandi feste, dei concerti, fanno parte del progetto 'Extreme' della Asl di Firenze, ma sono finiti in una scuola. I ragazzi, scrive l'edizione fiorentina de 'La Repubblica', hanno fatto vedere il materiale ai genitori, e sono scoppiate le polemiche.
    Nei volantini, sull'uso di cocaina, ecstasy e funghi allucinogeni, si legge: 'Fai attenzione alle dosi, la prima volta prendi al massimo la meta' di quella degli altri, non puoi sapere come reagirai. Se il bruciore della cavita' nasale e' forte, o il naso sanguina, o si formano croste, smetti di sniffare'. O ancora: 'E' meglio sospendere o evitare l'uso di cannabis se essa amplifica o causa sensazioni negative'. Oppure: 'Le bevande alcoliche sono usate per disinibirsi, superare gli imbarazzi, sentirsi piu' carichi, avere piu' coraggio con l'altro sesso, divertirsi con gli amici'. 
    Il dirigente scolastico Alfonso Bajo si e' detto 'all'oscuro', annunciando 'l'avvio di un'indagine interna', mentre il Dirigente scolastico regionale ha gia' inviato un ispettore. 'E' vero, quel materiale non doveva entrare nelle scuole', conferma la coordinatrice del dipartimento dipendenze della Asl, Paola Trotta.
    Quella che sarebbe stata seguita al Rodolico, in realta', 'non risponde ai criteri della nostra prevenzione primaria'.
    E mentre la Societa' della salute, che coordina Asl e Comune sul fronte socio-sanitario, ha chiamato a rapporto gli attori della vicenda, e annuncia un prossimo protocollo di intesa per coordinare le troppe competenze sui progetti nelle scuole su stili di vita e salute, i genitori chiedono che 'al Rodolico sia chiamato ora un esperto vero, che rimedi ai danni provocati ai nostri ragazzi'.

    'L'episodio avvenuto al liceo scientifico del Galluzzo e' due volte grave: prima di tutto perche' e' stata impartita agli studenti una surrettizia lezione di antiproibizionismo con relative istruzioni per l'uso, dando evidentemente per scontato che la maggioranza dei ragazzi si droghi; e poi perche', a quanto pare, questo sconcertante episodio e' avvenuto senza che ne' il preside, ne' il vicedirigente della succursale ne sapessero nulla, e per di piu' senza che in aula ci fossero insegnanti'. Lo afferma, in una nota, il deputato del Pdl, Riccardo Mazzoni, sulla distribuzione di depliant sulla riduzione del danno, al liceo scientifico Rodolico di Firenze.
    'Altro che progetto salute e prevenzione: qui siamo di fronte a un corto-circuito di omissioni e di irresponsabilita' - prosegue Mazzoni - visto che la stessa Asl ora sostiene che il materiale distribuito da due fantomatiche operatrici di strada della Coop-Cat doveva restare lontano dalle scuole. Il dirigente scolastico regionale Angotti ha correttamente attivato un'ispezione regionale, ma del caso andra' investito anche il ministro Gelmini con un'interrogazione urgente che presentero' domani stesso alla Camera'.
     
    "Quanto avvenuto a Firenze e' gravissimo, si e' entrati nelle classi di minori con informazioni parziali, errate e pericolose. Un'emergenza sociale e sanitaria com'e' quella relativa all'uso massiccio di droghe pesanti e leggere alla quale assistiamo nel nostro paese e che coinvolge sempre piu' i giovanissimi, non va alimentata fornendo allucinanti 'consigli' su come drogarsi 'limitando i danni', ma va affrontata spiegando ai ragazzi realmente a cosa si va incontro: dipendenza e danni all'intero organismo". Lo dichiara Maria Rita Munizzi, presidente del Moige (Movimento Italiano Genitori) e membro della consulta Antidroga presso il Consiglio dei Ministri.
    "Appoggiamo pienamente i genitori degli alunni del Rodolico - conclude la Munizzi - affinche' a questi ragazzi venga fornita il prima possibile la giusta e corretta informazione".
     
    Dichiarazione di Benedetti e Cellai (An-Pdl), del Consiglio regionale della Toscana
    Si sono affidati alla Asl e alla Società della Salute si sono ritrovati sui banchi di scuola dei ragazzi pile di vademecum sul modo meno peggiore per assumere cocaina, cannabis, droghe sintetiche e alcolici. E’ accaduto in un liceo scientifico fiorentino proprio lunedì scorso. E oggi il caso, riportato dalle cronache fiorentine, ha fatto sobbalzare sulla seggiola il Presidente di Alleanza Nazionale verso il Pdl in Regione Toscana Roberto Benedetti e il suo Vice Marco Cellai (Commissione IV – Sanità). «Vergognoso», hanno esclamato insieme. «Vogliamo che l’assessore Rossi riferisca in aula nel prossimo consiglio per chiarire i contorni dell’accaduto e, più in generale, per spiegare a tutti come vengono affidati e svolti i servizi di prevenzione del Dipartimento dipendenze della Asl 10 di Firenze».
    «Il governo regionale – affermano i due esponenti di An-Pdl – evidentemente prigioniero di allucinanti proposte come quella di istituire le stanze del buco e di un retaggio mentale che divide droghe pesanti e droghe leggere, alla fine, anziché mettere in campo ogni energia possibile per contrastare il dilagante uso di cocaina, nuove droghe e cannabis, permette che si entri impunemente nelle scuole per insegnare come assumere queste sostanze in modo meno dannoso possibile. E’ un fatto increscioso e inaccettabile – attaccano – per il quale debbono assolutamente essere individuati e sanzionati i responsabili. Non è pensabile che le famiglie toscane al mattino non si sentano tranquille nemmeno nel mandare i loro ragazzi a scuola, senza potersi fidare neppure delle istituzioni. E ora, chi e come rimedierà al danno provocato?»

    http://www.aduc.it

  • Archivio Droga
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO