TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 15/11/2006 Nuovi moniti sull'esplosione del debito (Movimento Solidarietà, http://www.movisol.org)

  • Pagina Economia
  • Pagina Finanza
  • Pagina Risparmio
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Ricerca personalizzata

    12 novembre 2006 – Un articolo apparso il 7 novembre sul quotidiano londinese Guardian riferisce un allarme crescente tra le autorità monetarie britanniche sull'esplosione di un enorme “debito ad alto effetto leva” che potrebbe colpire i mercati finanziari innescata dalle scalate altamente speculative in cui si sono buttati gli hedge funds e i private equity funds. Il 6 novembre la Financial Services Agency (FSA) britannica ha pubblicato un documento sui mercati delle private equity che lancia un chiaro monito e rende noto che la FSA aprirà un nuovo ufficio incaricato di aumentare la vigilanza.
    L'articolo del Guardian ricalca un articolo pubblicano dalla rivista EIR due settimane fa sull'argomento del crac dovuto all'indebitamento ad alto effetto di leva degli hedge funds. L'EIR riferiva sull'incontro delle autorità monetarie avvenuto a New York il 27 settembre a cui parteciparono la stessa FSA, la Federal Reserve e la SEC. L'articolo del Guardian ricapitola i timori della FSA:
    1) le insolvenze delle private equities sono inevitabili e “potrebbero” minacciare il sistema
    2) In Inghilterra solo quest'anno i prestiti ad alto tasso d'indebitamento, o leva, nelle scalate ammontano a 68 miliardi di euro. L'80% di tale debito è quindi securitizzato, cioè convertito in titoli negoziabili, dagli hedge funds, inducendo tutti i detentori del debito a negare il rischio.
    3) I fondi in questione compiono acquisizioni con l'intento di saccheggiare e distruggere le imprese per ripagare la “leva” (il debito).
    4) Attualmente i capitali internazionali affluiscono più negli hedge funds e private equity funds che nei mercati azionari, con l'effetto di ridimensionarli. In tale contesto si fa riferimento all'insider trading.
    L'8 novembre la Banca Centrale Europea e le banche centrali dell'UE che non appartengono all'eurozona hanno diffuso un comunicato congiunto sulla stabilità bancaria dell'UE. Edgar Meister, dirigente del dipartimento di supervisione bancaria delle banche centrali dell'UE, ha sottolineato che l'indebitamento delle imprese dovuto alle acquisizioni condotte da private equities costituiscono una nuova forma di “rischio” alla stabilità bancaria europea.


  • Pagina Economia
  • Pagina Finanza
  • Pagina Risparmio
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO