TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 01/03/2019 Brexit: sull’orlo del baratro ora tutto è possibile (Gianni De Fraja, www.lavoce.info)

    Ricerca personalizzata


    La Brexit continua a rimanere un rebus senza soluzione. Theresa May ha ora concesso al parlamento di votare su un rinvio dell’uscita definitiva dalla Ue. Ma così non si risolve nulla. E ai Comuni non c’è una maggioranza per una reale alternativa.

     

    Battaglie parlamentari

    La farsa continua nella camera dei Comuni a Londra. Emendamenti e mozioni che valgono meno della carta su cui sono stampati, decisioni parlamentari che vengono ignorate e dimenticate, un governo alle cui promesse nessuno crede più, i partiti principali che si dividono, urla insulti e lacrime al Consiglio dei ministri; il paese una vera “nave senza nocchiere in gran tempesta”.
    Dopo l’ennesima giornata campale, Theresa May, al cui confronto Madame Mao appare ormai come paradigma di buon senso e diplomazia, ha promesso che concederà al parlamento di votare su un emendamento che impegna il governo a chiedere a Bruxelles un’estensione del periodo di transizione prima dell’uscita dalla Ue, per ora in programma alla mezzanotte del 29 marzo. Estensione la cui durata rimane però nel vago: un’ora? Tre mesi, due anni? Mille anni? Ed estensione che comunque, a meno che non sia millenaria, in pratica non risolve nulla.

    Ricerca personalizzata

    Figura 1

    La figura 1, tratta dal sito della Bbc, illustra il problema: cosa succede se si si arriva in basso a destra e la Ue concede l’estensione? Si ritorna al punto di partenza? L’Unione europea per ora sembra disposta a concedere un’estensione fino al 1° luglio, data in cui si apre il nuovo parlamento europeo, ma non più in là.

    Eppur si muove

    Qualcosa però si muove nel Regno Unito. Fino a poco tempo fa, le posizioni sembravano rigide come in un braccio di ferro tra statue, ogni concessione era vista come una resa e un tradimento, dunque sempre meno probabile. Ma questa settimana sette deputati laburisti si sono dimessi in blocco dal partito e hanno formato un nuovo gruppo parlamentare; in due giorni si sono aggiunti un ottavo laburista e tre tory, rendendo il nuovo gruppo indipendente il quarto partito in parlamento, dopo i conservatori, i laburisti e i nazionalisti scozzesi. Con il loro minuscolo 1,7 per cento dei voti in parlamento hanno però costretto entrambi i leader dei maggiori partiti a concedere due cose che avevano giurato e promesso che non avrebbero mai concesso: l’una un rinvio della Brexit, l’altro l’appoggio formale a un nuovo referendum.

    Il leader laburista Jeremy Corbyn, infatti, ha prima cercato di imporre al governo di presentare alla Ue una nuova versione del trattato secondo la quale, in pratica, il Regno Unito avrebbe rinunciato alla partecipazione alle istituzioni europee in cambio del diritto di limitare la libertà di movimento (leggasi immigrazione), la vera e unica preoccupazione degli elettori laburisti pro-Brexit. Il suo emendamento è stato respinto. Corbyn si trova però tra l’incudine degli elettori “tradizionali”, anti-élite e anti-immigrazione, e il martello dei giovani, il cui entusiasmo gli aveva dato il relativo successo elettorale del 2017, mentre ora i sondaggi elettorali predicono un’emorragia di voti disastrosa. Ha così ascoltato la voce di moltissimi dei suoi colleghi e si è convinto a dare l’appoggio ufficiale al secondo referendum. Tuttavia, almeno una ventina di deputati laburisti, eletti in collegi pro-Brexit, temono una possibile rinascita dell’Ukip e preferiscono schierarsi contro il ritorno al voto per non rischiare di perdere il seggio alle prossime elezioni.
    La strategia di May rimane testardamente immutata: vede il rinvio come il modo di completare l’eliminazione, a una a una, di tutte le possibili alternative, finché, letteralmente sull’orlo dell’abisso, ogni deputato dovrà scegliere tra ingoiare il rospo e votare per il suo accordo con la Ue, o ingoiare il rospo e votare per il “no deal”.

    Gruppi pro e contro Brexit

    La maggioranza del paese è ora contro la Brexit. È successo sia perché i cambiamenti demografici e la distribuzione per età del voto sono tali per cui se anche tutti i votanti del 2016 votassero allo stesso modo, la Brexit sarebbe sconfitta, sia perché gli elettori che dichiarano di aver cambiato idea e di essere ora contro la Brexit sono molti di più di quelli che cambierebbero il voto dal “remain” al “leave”.
    Nonostante il cambiamento della posizione formale di Jeremy Corbyn, però in parlamento continua a non esserci un’alternativa che possa arrivare ai 310-315 voti necessari per modificare lo status quo. Se potessimo chiedere, in segreto, a ciascun deputato cosa preferirebbe tra le possibili alternative attuali – non vale quindi la risposta “tornare indietro nel tempo e non tenere il referendum” – penso che otterremmo numeri non lontani da questi.



  • La Voce Info

  • Archivio Il punto Lavoce Info
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO