TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 16/03/2008 Per tutti coloro che non vogliono andare a votare o che annulleranno la scheda... (http://www.beppegrillo.it)

    Ricerca personalizzata



  • 04/04/2008 Diritto di NON VOTO
    Il 18 ed il 19 aprile del 1993 attraverso lo strumento del Referendum i cittadini furono chiamati ad esprimersi sull' abrogazione della legge elettorale per il Senato per introdurre il sistema maggioritario. La maggioranza degli Elettori Italiani (82,70%) scelse chiaramente un sistema maggioritario volto a dare maggioranze parlamentari stabili ma nel 2005 il governo Berlusconi annullo questo referendum per sostituirlo con una legge elettorale vergognosa...

    E' importante sapere che se votate scheda bianca o nulla perchè non vi sentite rappresentati da nessun partito, in realtà, farete decidere agli altri.

    Infatti anche se i voti bianchi o nulli non entrano nel calcolo del premio di maggioranza, favorirete quelli che sono andati a votare regolarmente. ESISTE UN’ARMA LEGALE CONTRO QUESTA LEGGE INDECENTE E ANTIDEMOCRATICA!

    Di seguito i riferimenti legali.

    Tutto si basa su un uso “puntiglioso” della legge: Testo Unico delle Leggi Elettorali D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 - Art. 104 - Par. 5

    5) Il segretario dell’Ufficio elettorale che rifiuta di inserire nel processo verbale o
    di allegarvi proteste o reclami di elettori è punito con la reclusione da sei mesi a
    tre anni e con la multa sino a lire 4.000.000.

    Illustro nei dettagli il sistema da usare:

    1) ANDARE A VOTARE, PRESENTARSI CON I DOCUMENTI + TESSERA ELETTORALE E FARSI VIDIMARE LA SCHEDA

    2) ESERCITARE IL DIRITTO DI RIFIUTARE LA SCHEDA (DOPO VIDIMATA), dicendo: “Rifiuto la scheda per protesta, e chiedo che sia verbalizzato”

    3) PRETENDERE CHE VENGA VERBALIZZATO IL RIFIUTO DELLA SCHEDA

    4) ESERCITARE IL PROPRIO DIRITTO DI METTERE A VERBALE UN COMMENTO CHE GIUSTIFICHI IL RIFIUTO (ad esempio “Nessuno dei politici inseriti nelle
    liste mi rappresenta”)

    COSI' FACENDO NON VOTERETE, ed eserviterete il vostro diritto di NON VOTO

    Attenzione, le schede bianche e nulle non influiscono sul premio di maggioranza per cui anche questo modo di rifiuto del voto non dovrebbe influire sul premio di maggioranza che viene assegnato in base alle schede valide.

    L’attuale legge elettorale (c.d. “Porcellum” – L. 270/2005 che modifica il D.P.R. 361/1957), prevede, infatti, che i calcoli per l’assegnazione dei seggi (e quindi anche del premio di maggioranza) vengano effettuati sulla base dei "voti validi espressi" (vedi art.1 comma 12 della legge stessa). Risulta pertanto palese che con tale termine il legislatore si riferisce ai soli voti validi, ritenendo le schede nulle e bianche insignificanti ai fini dei conteggi.


    Inoltre, il nostro ordinamento in merito alla possibilità di “rifiuto del voto”, non prevede alcuna fattispecie di tal genere. Si potrebbe, per analogia, far rientrare questo tipo di “rifiuto” all’interno dei casi di “voto fuori dalla cabina” (vedi art.62 D.P.R. 361/1957) e di “artificioso indugio nell’espressione di voto” (vedi art.46 del T.U. n.570 del 1960 ovvero art. 44 D.P.R. 361/1957): in entrambi i casi, comunque, si tratterebbe di voto nullo che non influirebbe sul premio di maggioranza.

    Ulteriore conferma è il fatto che queste schede, insieme con quelle deteriorate, verranno inserite dal presidente del seggio in un apposito plico, parificandole così alle schede nulle.

    Infine, in merito alla richiesta di inserimento in calce al verbale di seggio, di un commento dell’elettore “rifiutante”, è bene non creare confusione: se da una parte vi sono norme che regolano le modalità di espletamento del voto, ve ne sono delle altre che regolano il “buon funzionamento del seggio”. L’art.104 del D.P.R. 361/1957, unico riferimento giuridico a cui rimandano i sostenitori di questa proposta, rientra in quest’ ultima categoria: prevede la possibilità, per l’elettore, di ottenere dal segretario di seggio la verbalizzazione di proteste o reclami relativi esclusivamente alle modalità di espletamento delle votazioni.  

    In sostanza la possibilità di inserire a verbale proprie considerazioni non ha alcun collegamento con il rifiuto della scheda ma è un diritto concesso agli elettori di segnalare alcuni "malfunzionamenti", di carattere procedurale, all'interno dei seggi. La norma in questione manifesta la chiara volontà del legislatore di garantire che anche l’elettore, oltre alle forze dell’ordine preposte, possa effettuare un controllo sulla regolarità delle operazioni di voto. Peraltro, bisogna sottolineare come la legge sancisca espressamente l’obbligo dell’elettore di tenere un comportamento che, all’interno delle regole descritte, non pregiudichi il normale svolgimento delle operazioni di voto (oltre alle norme suddette, si rinvia, per esempio, all’art. 102 comma 2 D.P.R. 361/1957).

    Se queste schede di rifiuto dovessero essere veramente tante, cosa mai successa nelle elezioni italiane, ci sarebbe qualche problema nell'assegnare i seggi vuoti e i mass-media sarebbero obbligati a parlarne ma questo astensionismo passivo non fa percentuale di media votanti e riguardo alle elezioni legislative il nostro sistema di attribuzione non prevede nessun quorum di partecipazione. Si esprime, pero', il dissenso per queste elezioni private del diritto di scelta

    Anche le schede bianche e quelle nulle non vanno ad influire sul cosiddetto premio di maggioranza che spetta al vincitore delle elezioni.

    L' elettore puo' recarsi al seggio e, una volta fatto vidimare il certificato elettorale, avvalersi del diritto di rifiutare di votare chiedendo i di far mettere a verbale tale opzione; è possibile inoltre riportare in calce al verbale una dichiarazione in cui si esprime il motivo del rifiuto come riportato in questo articolo

  • 04/04/2008 Diritto di NON VOTO
    Il 18 ed il 19 aprile del 1993 attraverso lo strumento del Referendum i cittadini furono chiamati ad esprimersi sull' abrogazione della legge elettorale per il Senato per introdurre il sistema maggioritario. La maggioranza degli Elettori Italiani (82,70%) scelse chiaramente un sistema maggioritario volto a dare maggioranze parlamentari stabili ma nel 2005 il governo Berlusconi annullo questo referendum per sostituirlo con una legge elettorale vergognosa...

    Questi i riferimenti legislativi riportati Istruzioni del Ministero dell’Interno



    “Accedono alla ripartizione le coalizioni che abbiano raggiunto complessivamente, sommando le cifre elettorali nazionali di tutte le liste componenti, il 10 per cento del totale dei voti validi, [...]

    Sono ammesse, altresì, le singole liste non collegate che abbiano ottenuto almeno il 4 per cento dei voti validi nazionali, nonché liste collegate a coalizioni non ammesse, ma che abbiano raggiunto singolarmente tale soglia [...]

    Tra le coalizioni e le singole liste ammesse sono ripartiti complessivamente 617 seggi [...] utilizzando la formula proporzionale dei quozienti interi e dei più alti resti. Ciò si verifica se, al termine di questa operazione, una delle coalizioni o delle liste singole abbia ottenuto almeno 340 seggi (corrispondenti circa al 55 per cento dei seggi da assegnare); in caso negativo, la quota di maggioranza (340 seggi, appunto) viene attribuita alla coalizione o alla lista singola con la maggiore cifra elettorale nazionale.

    Si procede, di conseguenza, alla ripartizione dei restanti 277 seggi tra le altre coalizioni o liste singole.I seggi conquistati da coalizioni sono poi ripartiti, sempre sul piano nazionale, tra le liste componenti. A ciascuna ripartizione interna sono ammesse le liste che abbiano ottenuto almeno il 2 per cento dei voti e la maggiore tra le liste eventualmente sotto tale soglia [...] Anche in tal caso, viene utilizzata la formula dei quozienti interi e dei più alti resti. I seggi complessivamente spettanti a ciascuna formazione politica sul piano nazionale sono poi suddivisi tra le 26 circoscrizioni, in rapporto alla distribuzione territoriale dei voti delle coalizioni e delle singole liste.[...]“

    Lo stesso vale  per il Senato. In ogni caso si parla  solo ed esclusivamente di voti validi. Le schede nulle e bianche non  vengono prese in considerazione nell’assegnazione dei seggi.

    Rifiutare la scheda nel seggio elettorale serve solo ad esercitare il  Diritto di NON VOTO

    Attenzione:  se si vuole annullare il proprio voto, non votare scheda bianca  per evitare eventuali brogli elettorali.

    Riferimento legislativo:

    Legge 21 dicembre 2005 n.270



    http://www.beppegrillo.it
    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio ELEZIONI PORCATA volute da Berlusconi
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO