TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 16/02/2006 Usa, è Boom dell' Eolico (www.nuovaecologia.it)

  • Pagina Petrolio
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Ambiente
  • Pagina Inquinamento
  • Ricerca personalizzata

    Boom del vento in Usa. Negli Stati Uniti l'eolico edizione 2005 straccia ogni record con una crescita del 35%. In tutto 2.500 i Mw installati lo scorso anno per un totale di 9.149 Mw complessivi in tutto il Paese. La nuova potenza del 2005 ha creato investimenti pari a 3 miliardi di dollari con un coinvolgimento di 22 Stati. E il 2006 si prevede ancora migliore con una stima di nuove installazioni per 3000 Mw di potenza.

    «Bush si è accorto delle rinnovabili e, pur non avendo sottoscritto il protocollo di Kyoto, anche lui ora raccoglie questa sfida», commenta l' Associazione nazionale energia del vento (Anev) rendendo noti i dati Usa raccolti dall'Awea (American wind energy association).

    In particolare, oltre 2,3 milioni di famiglie americane (con consumi medi di oltre 10.000 Kwh/anno) usufruiranno dell'energia pulita dall'eolico evitando l'emissione di oltre 15 milioni di tonnellate di Co2 nell'atmosfera. Come sempre, ha riferito l'Awea, la prima della classe per potenza installata è la California (2.150 Mw al 2005) seguita dal Texas (1.995 Mw e altrettanti in cantiere per il 2006) e la stessa associazione ha riferito che l'industria eolica sta creando nuovi opportunità di lavoro in aree altrimenti depresse creando un flusso pari a 5 milioni di dollari verso i proprietari dei terreni coinvolti.

    Un impulso all'industria eolica Usa, sottolinea quindi l'Anev, «derivante dalle disposizioni del Congresso che hanno esteso i crediti a tale fonte e dalla contestuale presa d'atto formale del beneficio di tale fonte rinnovabile slegata da ogni combustibile». «Le recenti crisi energetiche – conclude l'Anev – hanno convinto anche il Governo Bush, che pure non ha ratificato il Protocollo di Kyoto, a ricorrere con decisione all'incentivazione delle fonti rinnovabili per andare verso una maggiore indipendenza energetica. Tale politica sulle rinnovabili – conclude l’Anev – dimostra che tali fonti pulite possono contribuire realmente alla soluzione delle problematiche connesse alla produzione di energia elettrica, oltre che alla necessaria riduzione delle emissioni nocive»


  • Pagina Petrolio
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Ambiente
  • Pagina Inquinamento
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO