TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 30/10/2006 Fao: «Troppa Fame nel Mondo». L'obiettivo è dimezzarla per il 2015 (www.lanuovaecologia.it)

  • Pagina Fame
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Problemi del Mondo
  • Pagina Bambini
  • Ricerca personalizzata

    Sono 854 milioni gli affamati. Presentati oggi i dati sullo Stato di Insicurezza Alimentare. I vertici dell'Agenzia: «È una triste verità»
    PDF: rapporto (in inglese)
    LEGAMBIENTE: «Clima non aiuta»

    Al mondo ci sono 854 milioni di persone che soffrono la fame. E questo numero non è mai calato dal 1990-1992. È la Fao a lanciare l'allarme con il Rapporto annuale sullo Stato di Insicurezza Alimentare nel mondo (Sofi), presentato oggi nella sede romana dell'agenzia delle Nazioni Unite. Le ultime rilevazioni della Fao si riferiscono al periodo 2001-2003 e tracciano un quadro a tinte fosche: sono ancora 854 i milioni di persone sottoalimentate nel mondo, di cui 820 milioni vivono nei Paesi in via di sviluppo, 25 milioni nei Paesi in transizione e 9 milioni nei Paesi industrializzati. Nel 1996, oltre 180 capi di Stato e di Governo avevano firmato la Dichiarazione di Roma in cui era contenuto l'ambizioso obiettivo di riuscire a dimezzare il numero degli affamati entro il 2015 e portarlo a 412 milioni.

    «A dieci anni di distanza, ci confrontiamo con una triste verità, non c'é nessun progresso verso quell'obiettivo», ha ammesso Jaques Diouf, direttore generale della Fao. Il calo da 823 a 820 milioni di persone localizzati nei Paesi in via di sviluppo «é da attribuire ad un errore statistico», ha aggiunto Diouf. Nessun progresso, dunque, anzi, se possibile, un peggioramento della situazione rispetto a dieci anni fa e le tendenze più recenti non lasciano spazio all'ottimismo, sottolinea la Fao che ha registrato un aumento di 26 milioni di persone sottoalimentate nel periodo 1995-1997 e 2001-2003, a seguito, invece di un netto calo di 80 milioni durante gli anni '80. Timido ottimismo quello di Diouf, secondo il quale «il mondo di oggi è più ricco di quello di 10 anni fa e le risorse alimentari sono più abbondanti - ha detto Diouf - manca la volontà politica di mobilitare queste risorse in favore degli affamati». A quattordici anni dal fatidico 2015, la Fao riconsidera le stime sul numero degli affamati, prevedendo che l'obiettivo del millennio potrebbe essere mancato, perché per quella data saranno ancora 582 i milioni di persone sottoalimentate, contro i 412 previsti.

    «Questa pubblicazione – ha sottolineato Diouf – ha evidenziato la discrepanza fra che cosa potrebbe e dovrebbe essere fatto e che cosa realmente si sta facendo per milioni di gente che soffre dalla fame». A preoccupare di più è la situazione dell'Africa, «la sfida più grande da affrontare», in particolare quella sub-Sahariana, dove il numero di persone sottoalimentate è passato da 169 milioni nel 1990-92 a 206.2 milioni nel 2001-03. Nell'Africa sub-Sahariana, l'Aids, le guerre e le catastrofi naturali sono stati ostacoli alla lotta contro il fame, in particolare nel Burundi, in Eritrea, in Liberia, in Sierra Leone e nella Repubblica democratica del Congo, Paese per cui si registrano le maggiori preoccupazioni dell'agenzia poiché dall'1998 al 2002 c'é stata una guerra e il numero di affamati é triplicato passando da 12 a 37 milioni di persone, cioé il 72% della popolazione.

    Per cambiare la situazione, la Fao insiste sull'esigenza di aumentare gli investimenti in agricoltura e nelle zone rurali, dove la fame si concentra. L'Africa centrale, poi, registra una punta di 46.8 milioni di persone sottoalimentate nel 2001-03, cioé il 56% della popolazione (la percentuale era del 36% nel 1990-92). L'Asia ed il Pacifico, così come l'America latina ed i Caraibi sono le uniche zone, secondo il rapporto Sofi, che hanno registrato una riduzione del numero e della percentuale assoluti di persone sottoalimentate.

    Se c'é una via d'uscita per questa situazione, secondo la Fao, è da ricercare nello sviluppo dell'agricoltura delle zone rurali, «il settore agricolo è spesso il motore dello sviluppo per le economie rurali – si legge nel rapporto – e l'aumento del rendimento agricolo può aumentare le derrate alimentari, ridurre il loro prezzo ma anche il mobilitare l'economia locale generando la richiesta di beni e servizi». Il rapporto, infine, pone l'accento sul "circolo vizioso della fame e della povertà», affermando che la fame non è solo una conseguenza
    della povertà ma è anche una delle cause, perché «nuoce gravemente alla salute ed al produttività delle persone».


  • Pagina Fame
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Problemi del Mondo
  • Pagina Bambini
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO