TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 04/12/2003 Mille euro per il secondo figlio nato entro il 2004

    Ricerca personalizzata

    In vigore dal 1 dicembre 2003 l’aiuto economico per le famiglie nelle quali sta per arrivare un nuovo bambino

    L’ aiuto economico previsto per le famiglie nelle quali, entro il 31 dicembre 2004, arriverà un nuovo bambino partirà il primo dicembre 2003 e durerà fino al 31 dicembre 2004.  Si tratta di un assegno di 1.000 euro concesso alle famiglie per ogni figlio nato o adottato, dopo il primo. (per un parte gemellare si considerano tutti i figli nati dopo il primo.Unici requisiti che la madre deve avere per ottenere l'assegno sono la cittadinanza italiana o comunitaria e la residenza italiana al momento del parto o dell'adozione.

    Gli uffici dell’anagrafe comunale avvieranno  la procedura  all'atto dell'iscrizione anagrafica del nuovo nato o adottato  provvedendo  a verificare il possesso dei suddetti requisiti e a trasmetterà, entro dieci giorni, le necessarie informazioni all'INPS ai fini dell'erogazione dell'assegno che l’ INPS provvederà  ad erogare  entro 30 giorni dalla data di ricezione dei dati trasmessi dai comuni.

    L’assegno non costituisce reddito a fini fiscali e previdenziali e può essere cumulato con analoghe provvidenze o indennità e con qualsiasi altro reddito.

     L'assegno, dunque,  al secondo figlio è concesso solo alle donne, italiane o comunitarie, residente in Italia al momento del parto, qualora nasca un  figlio dopo il primo,  tra il primo dicembre 2003 e il 31 dicembre 2004. (L'assegno è concesso anche per ogni figlio adottato, anche se primo, nel periodo in questione). E queste sono le ingiustizie segnalate dalle associazioni

    1)L' assegno  non viene concesso  alle donne extracomunitarie, neanche se il padre è cittadino italiano o comunitario, neanche se il figlio nato è italiano

    2)L' assegno  non viene concesso alle rifugiate politiche,

    3)L' assegno  non viene concesso se il figlio nasce morto

    4)L' assegno  viene concesso senza tener conto del reddito

    5)L' assegno viene concesso alle neocomunitarie solo se il figlio è nato dopo il primo maggio 2004

    6)L' assegno viene concesso  in caso di adozione, con riferimento alla data di passaggio in giudicato della sentenza del tribunale italiano

    7)L' assegno non viene concesso alla donna italiana iscritta all'AIRE  (l'anagrafe della popolazione italiana residente all'estero)

    8)L' assegno  non viene concesso al padre in seguito ad abbandono o morte della madreil

  • Bonus Bebè Archivio
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO