TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 12/12/2006  Unioni di fatto. Fatto sta che finora… (http://www.korazym.org)

    Ricerca personalizzata

    Non c’è nessun motivo per strapparsi le vesti. Non ancora, quantomeno. Battibeccano pulpiti e scranni, ma sulle unioni di fatto tutto deve ancora essere deciso. L’importanza delle premesse e di un atteggiamento dialogante.

    Poche parole a volte possono bastare. Anche perché è assai poco saggio strapparsi le vesti prima ancora di aver capito se sia lecito e giusto farlo. Entro la fine del prossimo mese di gennaio, il Consiglio dei Ministri si esprimerà su un testo – redatto dai responsabili delle Pari Opportunità e della Famiglia (le onorevoli Barbara Pollastrini e Rosy Bindi) e vagliato dagli altri dicasteri interessati, dalla Giustizia all’Economia, agli Interni – sul tema delle unioni di fatto. Un testo che, se sarà avallato dal Consiglio dei Ministri, giungerà in Parlamento per guadagnarsi – in concorrenza con le proposte di legge alternative – i consensi dei deputati e dei senatori.

    I punti fermi finora sono due: il primo è che l’argomento è spinoso assai, e potenzialmente devastante per un fronte politico impegnato nella difficile costruzione di un partito unico (il futuro Partito Democratico); il secondo è che tutto dovrà ispirarsi al Programma elettorale, che su questo tema così testualmente recitava (e recita tuttora): “L'Unione proporrà il riconoscimento giuridico di diritti, prerogative e facoltà alle persone che fanno parte delle unioni di fatto. Al fine di definire natura e qualità di un'unione di fatto, non è dirimente il genere dei conviventi né il loro orientamento sessuale. Va considerato piuttosto, quale criterio qualificante, il sistema di relazioni (sentimentali, assistenziali e di solidarietà), la loro stabilità e volontarietà”.

    Ci sarà tempo per discuterne a lungo, man mano che prenderà effettivo corpo il testo su cui si concentrerà la discussione. In questi giorni nel frattempo, come si poteva immaginare facilmente, lo sport più praticato è quello di prendere posizione, assestarsi su un crinale e giocare di sponda con l’avversario di turno: come i soldati che scavano le trincee per prepararsi all’affondo o reggere a quello del nemico. Metafora bellica che volentieri avremmo evitato, se non fosse che da pulpiti e da scranni è proprio questo che ci è sembrato di intravedere.

    Adoperare ad uso proprio espressioni altrui risulta talvolta poco elegante, soprattutto quando se ne ricava l’impressione di “usare” - piuttosto che “omaggiare” - l’autore citato. Eppure le parole spese a suo tempo da un insigne giurista (nonché cardinale di Santa Romana Chiesa) restano di una chiarezza disarmante riguardo agli scopi e agli intenti: “Le unioni di fatto sono un fatto e dai fatti nascono diritti e doveri reciproci. Perciò è giusto e doveroso che lo Stato li regoli: ignorarli non mi sembra opportuno né concepibile secondo diritto. Ma la regolamentazione non deve creare equivoci, fare assomigliare le unioni di fatto ai matrimoni o essere un primo passo per un'equiparazione" (card. Mario Francesco Pompedda, già prefetto della Signatura apostolica).

    Fra quelle righe ci trovate tutto: l’unione che si configura come “fatto”, il “fatto” di doverci avere a che fare in quanto realtà sociale, i diritti e i doveri che ne derivano (oh si, anche i doveri, questi sconosciuti…), la regolamentazione statale e la peculiarità del matrimonio, che altra cosa è e altra cosa deve rimanere. Chiare le premesse, più facili i punti di incontro e le conclusioni. Assenti – o antitetiche – le premesse, inevitabile un clima di scontro che non porterà frutti. A giudicar la situazione, allo stato attuale non c’è motivo di strapparsi le vesti. E a ben vedere, sarà bene non strapparsele neppure dopo, ma semplicemente ragionare, proporre, dialogare, incalzare e mettere in evidenza ogni punto debole delle proprie e delle altrui posizioni. Non dovrebbe essere difficile a chi crede ancora alla forza delle proprie idee.

  • Bonus Bebè Archivio
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO