TuttoTrading.it

23/01/2007 Pacs, vita e famiglia. Il cardinale Ruini apre il consiglio permanente della Cei (Mattia Bianchi, http://www.korazym.org)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Il punto sulla situazione nazionale e internazionale, ma anche una nuova occasione per ribadire la posizione dei vescovi rispetto a coppie di fatto, aborto ed eutanasia. È questo il cuore della prolusione del cardinale Camillo Ruini, che ieri pomeriggio ha aperto il Consiglio permanente della conferenza episcopale italiana, in programma a Roma fino al 25 gennaio. Un evento significativo per i vescovi, utile per definire il tema della 57ma assemblea generale di maggio, riflettere sul recente convegno ecclesiale di Verona e programmare le tappe dei prossimi mesi, a cominciare dall’agorà dei giovani, il grande incontro dei ragazzi italiani con il papa, previsto a Loreto, l’1 e 2 settembre.

IL GRAZIE AL PAPA. Il discorso del cardinale è iniziato con un ringraziamento a Benedetto XVI per la sua presenza al convegno di Verona, che “ha offerto la piattaforma fondamentale per la vita e la testimonianza delle nostre Chiese nei prossimi anni”, ma anche per gli interventi degli ultimi mesi, come il Messaggio per la Giornata mondiale della pace, specie per quanto riguarda la difesa del diritto alla vita e alla libertà religiosa, o il discorso al Corpo Diplomatico, in cui è stato denunciato lo “scandalo della fame”, “sempre più inaccettabile” in un mondo "che dispone dei beni, delle conoscenze e dei mezzi per porvi fine”.

IL CONVEGNO DI VERONA. Riflettendo sui contenuti emersi dal Convegno di Verona, il card. Ruini ha notato anzitutto che “l’articolazione in cinque ambiti di esercizio della testimonianza (vita affettiva, lavoro e festa, fragilità, tradizione, cittadinanza, ndr) ciascuno dei quali assai rilevante nell'esperienza umana e tutti insieme confluenti nell'unità della persona e della sua coscienza, hanno rappresentato una novità assai significativa e ricca di potenzialità per la metodologia e l'impostazione complessiva della nostra pastorale”. Ha poi notato che la stessa pastorale, “per l'attuale contesto sociale e culturale, e più profondamente per corrispondere meglio all'indole stessa dell'esperienza cristiana, deve essere caratterizzata da una primaria attenzione alla persona e alla sua concreta situazione di vita, con i rapporti, gli affetti, gli interessi, le attese, le difficoltà e le preoccupazioni che la formano e la plasmano. Si tratta ora di accompagnare e sostenere, con gradualità ma anche con convinzione, l'affermarsi e il diffondersi a livello capillare di una tale impostazione della pastorale, che sta già trovando da molte parti un'accoglienza favorevole”.

LA SITUAZIONE ITALIANA. Spazio poi ai grandi temi socio economici della vita del Paese, dove si registrano “ulteriori e significativi risultati positivi sul fronte dell'occupazione, sebbene purtroppo la percentuale dei senza lavoro sia ancora tripla nel Mezzogiorno rispetto al Settentrione”. In un contesto simile, diventa importante una politica familiare, “che si potrebbe ottenere, ad esempio, attraverso l'adozione del quoziente familiare”. Circa la realtà dell’immigrazione, il cardinale richiama l’invito del papa a non considerare gli immigrati “soltanto come un problema ma anche e soprattutto come una grande risorsa per il cammino dell’umanità”. E a proposito di criminalità, impossibile dimenticare Napoli e il Sud, con l’auspicio che “l'impegno per por fine a questa aberrante realtà sia costante e sappia andare alle radici”.

UNIONI DI FATTO E FAMIGLIA. Ruini è tornato anche a difendere la famiglia fondata sul matrimonio, spiegando la contrarietà dei vescovi al riconoscimento delle unioni di fatto. “Quelle tra persone di sesso diverso sono certamente in aumento, - ha detto - sebbene restino a livelli assai più contenuti che in altri Paesi, ma la grande maggioranza di loro vive nella previsione di un futuro possibile matrimonio, oppure preferisce restare in una posizione di anonimato e di assenza di vincoli”. Per quanto riguarda, invece, “le assai meno numerose coppie omosessuali – ha detto - in buona parte vogliono a loro volta rimanere un fatto esclusivamente privato e riservato; altre invece sembrano costituire il principale motore della pressione per il riconoscimento legale delle unioni di fatto, con cui intenderebbero aprire, se possibile, anche la strada per il matrimonio”. “Nel pieno e doveroso rispetto per la dignità e i diritti di ogni persona, - è il ragionamento di Ruini - va però osservato che una simile rivendicazione contrasta con fondamentali dati antropologici e in particolare con la non esistenza del bene della generazione dei figli, che è la ragione specifica del riconoscimento sociale del matrimonio”. Da qui, la sottolineatura del ruolo sociale della famiglia che la politica deve sostenere, rimuovendo “tutti quegli ostacoli di ordine pratico (a proposito dell'alloggio, del lavoro giovanile e della sua stabilità, delle strutture di accoglienza per i bambini più piccoli...), o anche giuridico e fiscale, che dissuadono le giovani coppie dal contrarre matrimonio e dal generare dei figli, senza per questo forzare in alcun modo la libertà delle scelte personali di ciascuno”.

EUTANASIA E DIFESA DELLA VITA. Dal presidente della Cei è arrivata poi una riflessione sui temi della vita, con la premessa che “è legittimo rifiutare l'accanimento terapeutico, cioè il ricorso a procedure mediche straordinarie che risultino troppo onerose o pericolose per il paziente e sproporzionate rispetto ai risultati attesi”. Tuttavia, “la rinuncia all'accanimento terapeutico non può giungere però al punto di legittimare forme più o meno mascherate di eutanasia e in particolare quell'abbandono terapeutico che priva il paziente del necessario sostegno vitale”. Ruini ha citato a questo punto il caso Welby, affermando che “la sofferta decisione di non concedere il funerale religioso nasce dal fatto che il defunto, fino alla fine, ha perseverato lucidamente e consapevolmente nella volontà di porre termine alla propria vita: in quelle condizioni una decisione diversa sarebbe stata infatti per la Chiesa impossibile e contraddittoria, perché avrebbe legittimato un atteggiamento contrario alla legge di Dio”. Dopo alcuni riferimenti alla situazione internazionale (compreso il caso Wielgus della Polonia), il presidente della Cei ha ricordato don Andrea Santoro, don Bruno Baldacci e suor Leonella Sgorbati, i tre italiani dei 24 martiri che nell’anno 2006 “hanno versato il loro sangue in terra di missione”.

  • Bonus Bebè Archivio
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO