Il Governo approva il decreto sul riconoscimento dei diritti civili alle coppie di fatto

TuttoTrading.it

08/02/2007 Il Governo approva il decreto sul riconoscimento dei diritti civili alle coppie di fatto (http://www.canisciolti.info)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Dopo mesi di scontri e battaglie di principio il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge sul riconoscimento dei diritti civili alle coppie di fatto. Per non confonderla con i francesi 'Pacs', la legge si chiamerà '''Dico', ovvero diritti delle persone stabilmente conviventi", ha annunciato la ministra delle Pari opportunità Barbara Pollastrini.

''Netto dissenso'' al ddl messo a punto dalle ministre competenti Bindi-Pollastrini è stato ribadito dal ministro della Giustizia, Clemente Mastella che non ha partecipato al Consiglio dei ministri. Un 'no' che, precisa il Guardasigilli, non ha ''nulla a che vedere con il mio sostegno e la mia fiducia al governo''.

Soddisfatto il vicepremier e leader della Margherita Francesco Rutelli. "Si tratta di una scelta alta di riconciliazione del Paese e nella società, un riconoscimento giusto verso i piu' deboli che convivono, e nessun rischio di fare in Italia un matrimonio di serie b". Prima del disco verde ufficiale il segretario dei Ds Piero Fassino aveva parlato di ''un'intesa equilibrata, ragionevole e molto positiva".

Un'intesa che sarebbe stata raggiunta con la modifica dell'art.1, ovvero con l'eliminazione della dichiarazione congiunta delle coppie di fatto davanti all'anagrafe, su cui la Margherita era stata inflessibile.

Nel ddl governativo all'esame del Consiglio dei ministrinon c'è più la dichiarazione congiunta delle coppie di fatto di fronte all'anagrafe. La dichiarazione congiunta è stata sostituita con una dichiarazione contestuale dei conviventi: insomma, non verranno registrati all'Anagrafe come coppia, ma ciascuno farà una dichiarazione di convivenza per certificare il suo stato. Questa modifica riguarda il discusso art. 1, sul quale si erano concentrate le critiche dei teodem.

Il titolo del ddl Bindi-Pollastrini è 'Diritti e doveri delle persone stabilmente conviventi'. Nell'art. 1 che è stato modificato si dice, appunto, che i conviventi possono fare una dichiarazione contestuale e nel caso in cui non sia "resa contestualmente da entrambi i conviventi, il convivente che l'ha resa ha l'onere di darne comunicazione mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento all'altro convivente". Per quanto riguarda le successioni il ddl governativo stabilisce che ci deve essere una convivenza di almeno 9 anni, per la successione del contratto di locazione di 3 anni, per le agevolazioni in materia di lavoro sempre 3 anni. Per il nodo pensioni, il ddl governativo rinvia la questione alla riforma della normativa previdenziale.

"Quando abbiamo visto che Rutelli ha parlato di una intesa molto soddisfacente, abbiamo capito che le cose si mettevano male -dice Vladimir Luxuria- e infatti non c'è più nel testo la dichiarazione congiunta, non c'è scritto in nessuna parte del ddl che si parla di unioni civili. Quello resta solo il titolo che c'è sul programma di governo, ma nel ddl non se ne fa menzione". E Titti De Simone (Prc) rincara: "faremo una battaglia in Parlamento".

08/02/2007 Prodi accelera sui Pacs e si va verso un accordo nella maggioranza (http://www.canisciolti.info)

Prodi accelera sulle unioni civili e pensa a stringere i tempi per l'approvazione di un disegno di legge sui diritti delle convivenze di fatto. A Palazzo Chigi si è appena concluso un vertice tra il presidente del consiglio e i ministri Rosy Bindi, Barbara Pollastrini, Giuliano Amato, Clemente Mastella, Massimo D'Alema e Francesco Rutelli per mettere a punto il testo da portare all'esame del Consiglio dei ministri.

Favorevole all'intesa sul tema il ministro della Giustizia Clemente Mastella. "Prima si fa e meglio è", ha sintetizzato lasciando la riunione di Palazzo Chigi. E farlo presto significa, per il Guardasigilli, "evitare inutili tensioni". Ma sul tema resta tutto il suo dissenso: "Anche se la mia collaborazione istituzionale è corretta e garantita, le mie posizioni sul problema restano quelle di prima: non ho cambiato opinione o idea".

L'incontro si svolge dopo che ieri la Margherita, su proposta di Francesco Rutelli, ha raggiunto un accordo a favore dell'ultima stesura del ddl illustrata da Rosy Bindi. Un testo che distingue bene i diritti e doveri delle persone che convivono dall' impossibile creazione di un 'simil-matrimonio'. "Ci siamo impegnati nel programma dell'Unione ad approvare una normativa su prerogative e responsabilità di chi convive, soprattutto a tutela del convivente più debole, in una società in cui cresce la frammentazione", ha detto Rutelli.

Il tema delle unioni di fatto ha acceso il dibattito nellla Margherita: gli ex del partito popolare hanno presentato un documento più che avallato da Franceschini, Soro e Marini. Il testo ha raccolto rapidamente 60 firme, non solo di 'ex Ppi': oltre ai mariniani Oliverio e Ladu, hanno firmato anche i parisiani Monaco, Magistrelli, Procacci e Treu. Nel partito di Rutelli molti si sono poi attestati su posizioni laiche, come Paolo Gentiloni.

A spingere per un accordo nella Margherita è anche il segretario di Rifondazione Comunista Giordano. "Rutelli dovrebbe lavorare per convincere i suoi e farne rientrare il dissenso".

  • Archivio PACS e DICO
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO