TuttoTrading.it

09/02/2007  Diritti: e ora DICO che tocca alla famiglia (Redazione, http://www.korazym.org)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Le prime impressioni sugli ambiti interessati dal provvedimento: il tentativo di evitare ogni equiparazione con il matrimonio. Ingiustificato stracciarsi le vesti, ma doveroso ora aiutare davvero chi sposandosi ha scelto di pronunciar l’unico e solo "si".

Alla fin fine, la montagna pare avere partorito un topolino. Ma poiché anche i topolini possono fare paura, la realtà è che siamo solo al primo passo di una storia con la quale – è il caso di dirlo – conviveremo ancora a lungo. Il disegno di legge sui “Diritti e doveri delle persone stabilmente conviventi” è stato approvato dal Consiglio dei Ministri e arriverà presto in Senato per essere discusso e votato dall’Aula di Palazzo Madama. I pacs all’italiana si chiamano “Di.co” – nuovo acronimo che considera i Di(ritti) dei Co(nviventi), perdendo però per strada i Do(veri), che pure appaiono nel titolo della legge – e rappresentano il punto d’arrivo di un dibattito interno ad una maggioranza di centro-sinistra chiamata a conciliare posizioni per lo più inconciliabili. L’impresa non è riuscita alla perfezione (la contrarietà dell’Udeur è chiara, evidente e destinata a durare) ma ha portato comunque ad un compromesso che al tempo stesso accontenta e scontenta tutti, con l’ottimismo però a prevalere sulla delusione per quanto sperato e non (ancora) ottenuto.

Sul testo piomberanno presto una valanga di emendamenti, e ben difficilmente sarà approvato in questa versione. Se sarà approvato, visto che – con la defezione dell’Udeur e l’eterogeneità delle decisioni dei senatori a vita - la maggioranza di centrosinistra non ha in Senato i numeri per approvarla. Voti che potrebbero però arrivare da singoli esponenti dell’opposizione, dando al testo un si trasversale. E oltre al merito, anche decisioni e strategie squisitamente politiche, legate alla tenuta del governo Prodi, alla coesione dell’opposizione e al gioco di sponda fra centristi dei due schieramenti, determineranno il risultato finale.

Sulle singole disposizioni contenute nel testo, ascolteremo in questi giorni i pareri e i giudizi di chi certamente ha competenze maggiori delle nostre: il tributarista e l’avvocato, l’esperto in diritto di successione e quello in diritto di famiglia ci consentiranno di scoprire pregi e difetti della proposta appena presentata. Ad una prima occhiata, non sembrano intravedersi particolari cataclismi: fra successione nel contratto di affitto, assistenza sanitaria in caso di malattia, concessione degli alimenti alla parte più debole, agevolazione nei ricongiungimenti lavorativi e reversibilità della pensione, le uniche norme di una qualche rilevanza anche nei confronti di soggetti terzi sono la partecipazione all’eredità e l’assegnazione delle case popolari (con una formula peraltro alquanto ambigua, per cui le Regioni dovranno “tener conto” delle coppie conviventi, e “tener conto” può voler dire molte cose…). Presi singolarmente, si tratta di provvedimenti che per la gran parte già oggi possono essere regolati con scritture private o per le quali sarebbero state sufficienti apposite modifiche al codice civile, e che per il resto introducono delle novità che possono anche essere ritenute opportune di fronte a convivenze stabili. Le “coppie di fatto” sono un “fatto”, e da essi sorgono diritti e doveri: in sé non è uno scandalo che uno Stato scelga di regolare i rapporti fra questi soggetti. Insomma, nel merito non ci pare davvero il caso di stracciarsi le vesti.

Resta tutto il discorso, assai delicato, del “modello sociale”, dell’esempio proposto alle nuove generazioni. A tal proposito, i “Di.co.” – anche in un mondo che rifiuta l’ottica dell’impegno di vita “per sempre” - non sembrano capaci di suscitare la benché minima emozione: sono una scelta “al ribasso” non nel senso politico del termine, ma in quello socio-personale, come progetto di vita. Cosa mai ci si potrebbe attendere d’altronde da un modello che prevede, in caso di dichiarazione all’anagrafe non contestuale, l’obbligo di avvisare l’altro convivente “mediante lettera raccomandata con avviso di ricevimento”? Qualcuno potrebbe obiettare che è proprio questa carenza di impegno concreto e di prospettiva futura un ottimo motivo per opporsi ai “Di.co”; se non fosse che queste differenze marcano indubbiamente ciò che è stato chiesto a gran voce, e cioè un confine netto con il matrimonio, anche per ciò che riguarda eventuali riti para-matrimoniali con anelli, riso, confetti e firma solenne, prima del ricevimento in ristorante.

Certamente la novità più rilevante dei Dico è la loro apertura a qualsiasi tipo di legame affettivo e alle coppie dello stesso sesso. I toni di tracotante rivendicazione assunti – e non da oggi – dagli esponenti autoproclamatisi rappresentanti unici del mondo omosessuale non aiutano a comprendere la reale portata del provvedimento che, limitato agli ambiti definiti nel testo, appare quanto meno doveroso analizzare con attenzione. Non è né saggio né giusto negare a priori che uno Stato possa, o perfino debba, concedere ad essi facoltà e diritti.

Ciò detto però è anche doveroso ricordare che – fuor di retorica - il futuro della società e dell’intero paese non è nelle mani dei “Dico”, ma in quelle di chi sceglie di sposarsi e di vivere il matrimonio. I figli sono il bene essenziale e più importante per il futuro, e questa è una evidenza che a molti non piacerà, ma che è quanto mai opportuno rammentare. E’ la famiglia fondata sul matrimonio a restare il cardine della società, ed è inconcepibile che, mentre si allargano i diritti di chi sceglie di evitare un impegno “per sempre”, ben poco venga fatto per chi della propria esistenza e della propria vita ne fa un progetto sociale condiviso e trasparente, assumendo responsabilità che non possono essere sciolte con l’invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno. Mentre il nostro tasso di natalità si muove appena appena dai minimi termini, la vicina Francia – quella dei famigerati pacs – culla bambini a più non posso, con un baby boom che ha portato i transalpini alla fatidica soglia dei due figli per donna. Il tutto grazie a politiche familiari serie ed efficaci volute da governi di destra e di sinistra: politiche che invece in questo paese si continuano a rimandare alle calende greche. Questo non è più accettabile, questo è il vero scandalo: altro che pacs, “dico” e contrattini vari che in sé stessi fanno ben poca paura.

L’auspicio ora è che non si instauri una lotta muro contro muro fra favorevoli e contrari: i “Dico” forse non la meritano. Nei toni e nelle reazioni si utilizzino argomentazioni ragionevoli per sostenere l’opportunità o l’inopportunità della scelta legislativa proposta dal governo. E vedremo con il tempo se si sarà trattato di qualcosa di epocale, di misero o semplicemente di superfluo.

  • Archivio DICO
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO