TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 29/07/2005 Il Tempo delle Regole - Chi deve vigilare sulle banche (Francesco Giavazzi, www.lavoce.info)

    Ricerca personalizzata

    L'opportunità che alle banche centrali siano affidati, oltre al compito di garantire la stabilità dei prezzi, altre responsabilità, in particolare per quanto riguarda la stabilità del sistema finanziario, è da sempre oggetto di analisi teoriche che sottolineano i benefici relativi di sistemi alternativi. Sebbene le banche centrali abbiano tradizionalmente avuto ampie responsabilità relativamente alla stabilità finanziaria, alcuni paesi, tra essi Gran Bretagna, Giappone e Germania, hanno recentemente ridefinito i compiti delle proprie banche centrali, limitandone la competenza alla politica monetaria in senso stretto. Questo è anche il principio ispiratore dei trattati europei: essi infatti, pur non escludendo l'attribuzione alla BCE di responsabilità relativamente alla vigilanza sulle banche (attribuzione per la quale sarebbe sufficiente una decisione unanime del Consiglio europeo), hanno per il momento limitato i compiti della banca alla politica monetaria in senso stretto.

    A favore della congiunzione tra politica monetaria e vigilanza si osserva che un compito importante della banca centrale è fornire il credito di ultima istanza e cioè evitare che una banca commerciale, la quale si trovi in una situazione di temporanea il liquidità, fallisca, trascinando con sé altre banche. Ma affinché il credito di ultima istanza non si risolva nel salvataggio indiscriminato di qualunque banca, è necessario che la banca centrale sia in grado di distinguere tra situazioni di liquidità e di insolvenza. Questo è tanto più facile, quante più sono le informazioni di cui la banca centrale dispone sulle singole banche: di qui l'opportunità che essa abbia accesso alle informazioni che derivano dall'azione di vigilanza.

    Chi al contrario ritiene che sia opportuna la separazione, osserva innanzitutto che l'argomento, appena citato non richiede che la banca centrale sia direttamente responsabile della vigilanza, ma semplicemente che abbia accesso alle informazioni di chi effettua la vigilanza: questo è ad esempio il sistema recentemente adottato in Germania. Contro la congiunzione tra politica monetaria e vigilanza si osserva che essa può dar luogo ad un conflitto di interesse: la banca centrale può essere portata a determinare la politica monetaria non, o non solo, con l'obiettivo di garantire la stabilità dei prezzi, ma con quello di evitare fallimenti bancari, ad esempio ritardando un aumento dei tassi dei interesse che danneggerebbe i bilanci delle banche.

    A fronte di queste opinioni vi è scarsa evidenza empirica. Gli studi tipicamente confrontano paesi con assetti istituzionali diversi, chiedendosi, ad esempio, se il tasso di inflazione sia sistematicamente più elevato nei paesi in cui la banca centrale ha anche compiti di vigilanza. Ma i risultati--che pure tendono a concludere che paesi in cui la banca centrale è responsabile per la vigilanza hanno in media tassi di inflazione un po' più elevati--sono difficili da valutare: ci possono infatti essere molti altri motivi che spiegano perché l'inflazione è più alta in questi paesi.

    Uno studio recente (1) supera queste difficoltà. Lo studio si concentra sugli Stati Uniti, dove le responsabilità di vigilanza sono attribuite a tre diverse istituzioni: la Fed, l'ufficio del Comptroller of the Currency e la Federal Deposit Insurance Corporation. Poiché, tra questi organismi, solo la Fed ha anche responsabilità per la politica monetaria, ci si può chiedere se quella banca centrale si comporti diversamente dalle altre due istituzioni nello svolgere l'attività di vigilanza. La risposta alla domanda se la politica monetaria influenzi le decisioni di vigilanza è positiva. La Fed, quando alza i tassi di interesse, cerca di mitigarne l'effetto sulle banche divenendo meno rigida, relativamente alle altre due istituzioni, nell'attività di vigilanza. Si noti, tuttavia, che questi risultati non consentano di essere "rovesciati", e cioè di concludere che, per converso, la vigilanza influenzi le decisioni di politica monetaria.

    A questa evidenza, che a mio avviso offre un argomento empirico nuovo a favore della separazione, è importante aggiungere un ulteriore elemento, che riguarda i rapporti tra banca centrale e governi. In Italia per molti anni, e oggi nel Sistema europeo delle banche centrali, non esiste una regola precisa che determini la quota dei redditi da "signoraggio" che la banca centrale trasferisce nelle casse dello Stato. Questo riduce la disciplina cui essa è sottoposta, e quindi rende meno gravi le conseguenze di un eventuale errore nel decidere se una banca è illiquida o insolvente. Se la banca era insolvente, e cioè fallita, e ciononostante la banca centrale l'ha salvata, il costo dell'errore non ricade sulla banca centrale, ma sui contribuenti, perché lo Stato riceverà un trasferimento minore dalla banca centrale. In una democrazia il Parlamento ha certamente il diritto di decidere di usare una parte del gettito fiscale per salvare una banca fallita, ma la banca centrale no. E invece così spesso accade. Ad esempio dovremo attendere gli studi degli storici economici per sapere quanto è costato ai contribuenti italiani il salvataggio dei banchi del sud: non gli aumenti di capitale con onere a carico dello Stato e autorizzati dal Parlamento, che sono stati modesti, ma i finanziamenti indiretti, avvenuti tramite il bilancio della Banca d'Italia.

    (1) Ioannidou, Vasso P. (2001), "Does monetary policy affect central the bank's role in bank supervison", CentER, Università di Tilburg

    Il tempo delle regole - Indice Generale dell' Articolo

  • 29/07/2005 Il Tempo delle Regole - Antonveneta, i paradossi di una battaglia
    Una vicenda anima in questi giorni la Borsa italiana: lo scontro per il controllo della banca Antoveneta. I dubbi riguardano in particolare le condizioni e il ruolo svolto dalla Banca Popolare di Lodi e dalle autorità di controllo e vigilanza...
  • 29/07/2005 I costi della mancata concorrenza
    Il tempo delle regole. Il possibile compromesso alla Camera…Nell’ ambito del dibattito sul risparmio, si sta delineando un compromesso sul ruolo della Banca d’ Italia: potrà tenersi il controllo di fatto del sistema bancario, vincendo così la concorrenza dell’Antitrust, in cambio di un qualche limite sul mandato del governatore
  • 29/07/2005 Settore Bancario, la Miglior Difesa è l'Attacco
    Il dibattito sui futuri assetti del settore bancario in Italia e sulla gli orientamenti in materia della Banca d’Italia è attualmente focalizzato sull’apertura del nostro mercato ai gruppi esteri. Minore attenzione viene data a quale debba essere il modello di specializzazione delle nostre banche, soprattutto quelle maggiori. Eppure, si tratta di una questione cruciale, tanto più in una fase in cui l’economia italiana soffre per la scarsa capacità competitiva...
  • 29/07/2005 Le Banche Estere sono Cattive?
    Nel tradizionale discorso al Forex il governatore della Banca d’Italia, Antonio Fazio, ha risposto alla lettera pubblica con la quale il commissario Parlamento europeo, il Consiglio dell’ Unione europea, la Commissione europea, la Corte di giustizia e la ......Ue al Mercato interno, Charlie McCreevy, aveva chiesto rassicurazioni sul suo impegno a favore di un sistema
  • 29/07/2005 Un Governatore è per sempre
    La pax bancaria, improvvisamente scoppiata fra Governo e via Nazionale con le dimissioni di Tremonti ha mandato in soffitta anche tutta la parte di riforma relativa all'architettura dei poteri di vigilanza e al mandato del Governatore. La riforma, se mai si farà, sarà realizzata a pezzi e bocconi, utilizzando i veicoli legislativi più...
  • 29/07/2005 Risposte lente e sbagliate
    Come negli Stati Uniti dopo Enron, la politica si è subito attivata per dare una risposta legislativa allo scandalo Parmalat. Non si può certo dire che alla velocità di reazione iniziale abbiano fatto seguito risultati altrettanto rapidi. Il rischio di far ancora peggio
  • 29/07/2005 Tre punti critici e un Ddl
    L'esame del disegno di legge per la tutela del risparmio inciampa di nuovo, con le dimissioni del relatore di maggioranza, in un clima rarefatto nel quale le truppe dei sostenitori sembrano ogni giorno assottigliarsi. Eppure, il provvedimento resta necessario e urgente. Sul fronte internazionale...
  • 29/07/2005 Se non ora quando?
    "La Banca motiva, da sempre, le sue decisioni. Sistematicamente, con la diffusione di relazioni e studi nelle sedi istituzionali, rende conto delle proprie analisi e del proprio operato". Con queste parole il governatore ha risposto, con encomiabile orgoglio istituzionale, a quanti giudicano inadeguata l'accountability della nostra banca centrale...
  • 29/07/2005 La tela di Penelope della tutela del risparmio
    La predisposizione definitiva del progetto di legge in materia di tutela del risparmio e disciplina dei mercati finanziari non si è ancora conclusa, dopo le emergenze di questo inverno sul caso Parmalat e Cirio. La duplice esigenza di assicurare una risposta rapida, ma anche organica e convincente, non ha quindi trovato ancora una sua composizione. ..
  • 29/07/2005 Gli obiettivi e gli strumenti
    Anche la saggezza proverbiale sa che "prendere due piccioni con una fava" è un esito di per sé non impossibile, ma comunque affidato a circostanze fortuite e fortunate...
  • 29/07/2005 Le qualità di un'Authority
    Il caso Parmalat rappresenta una grande opportunità e un grande rischio per l'ordinamento della finanza.. Opportunità e rischi. Nel corso della storia le crisi finanziarie, grandi o piccole che siano, sono sempre stati utili, anche se a volte tragici e costosissimi, stimoli per legislatori sonnolenti a occuparsi con più attenzione della tutela dei risparmiatori.
  • 29/07/2005 Come riordinare i controlli
    I fatti gravissimi della crisi Parmalat gettano nuovo discredito sul mercato finanziario e il sistema dei controlli dell'Italia, dopo il fallimento della Cirio e numerosi episodi di collocamento di strumenti finanziari discutibili presso i risparmiatori. Al di là delle responsabilità per ciascun episodio, che andranno...
  • 29/07/2005 Chi deve vigilare sulle banche
    L'opportunità che alle banche centrali siano affidati, oltre al compito di garantire la stabilità dei prezzi, altre responsabilità, in particolare per quanto riguarda la stabilità del sistema finanziario, è da sempre oggetto di analisi teoriche che sottolineano i benefici relativi di sistemi alternativi. Sebbene le banche centrali...
  • 29/07/2005 Le curiose idee del Governatore su banche e assicurazioni,
    Banche e assicurazioni (penso in particolare a quelle più attive nel settore delle polizze "vita") si distinguono per la caratteristica molto diversa dei loro bilanci. Le compagnie di assicurazione hanno una raccolta molto stabile, i premi, e impegni a lungo termine e poco liquidi: la scadenza di una tipica polizza vita...
  • 29/07/2005 Autorità indipendenti: hanno ballato una sola estate
    Sta avvicinandosi per le Autorità Indipendenti la fase del declino, dopo il ruolo di primo piano giocato negli anni Novanta? O siamo invece in una fase di utile ripensamento per riordinare e razionalizzare il quadro delle Agenzie oggi operanti in Italia? I segnali

  • Archivio Finanza
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO