TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 28/03/2008 'Laureati e non', 2 anni dopo, sempre lui (Antonio Di Pietro, http://www.antoniodipietro.com)

    Ricerca personalizzata

    silviocraxi.jpg

    Berlusconi, le sue televisioni e i suoi giornali in questi giorni stanno conducendo una campagna denigratoria fatta di menzogne e calunnie volte a screditare la mia persona e l'Italia dei Valori.
    Riporto alcune frasi di Silvio Berlusconi intervistato da Il Tempo il 27 marzo 2008. Ricordo al suo direttore Giuseppe Sanzotta che Silvio Berlusconi non è premier.

    Il premier abbozza una smorfia. «Mio padre - dice - me l'ha raccontata e fa più o meno così. Sa cosa fa il figlio di un criminale quando cresce? Ha solo due alternative di lavoro. O fa criminale. Oppure fa il pm». Risata (omissis)
    Torna ad attaccare Antonio Di Pietro. «Di Pietro mi fa orrore - esordisce - ma non perché è brutto, non sa coniugare i verbi, non conosce i congiuntivi, o per la laurea presa grazie ai Servizi. Uno che parla come lui, infatti, non può averla presa normalmente». Un tripudio. Berlusconi ripensa ai suoi studi e racconta: «Quando davo gli esami io e prendevo trenta e lode nel mio palazzo c'era il coprifuoco per farmi studiare. A Montenero di Bisaccia, invece, nessuno sapeva che Di Pietro si stava laureando. Non lo sapevano nemmeno i suoi genitori». «Di Pietro mi fa orrore - prosegue Berlusconi - perché ha mandato in galera italiani senza prove. Un uomo che non rispetta gli altri è un uomo che fa orrore».

    Sulla questione “laurea”, il cavallo di battaglia utilizzato ciclicamente in tutte le campagne elettorali da Silvio Berlusconi, ho già risposto il 30 gennaio 2006 su questo blog:

    Laureati e non

    L’attuale presidente del consiglio, durante un incontro con Rutelli, ha messo in discussione il fatto che io abbia realmente conseguito la laurea e ha affermato in seguito che i suoi avversari politici non sono, quasi tutti, neppure laureati.
    Io parlo con i fatti, non con menzogne o allusioni.
    Lo dimostra la laurea in giurisprudenza conseguita il 19 luglio 1978.
    Lo stesso anno in cui il presidente del consiglio (ora ex) si iscrisse alla P2.
    Un metro di giudizio basato sulla laurea in politica non può essere assoluto. La laurea è un valore. Ma altrettanto lo sono l’onestà politica e la capacità di governare, assenti nel centro destra.
    Voglio anche ricordare all'ex presidente del consiglio che il suo ex sodale Bettino Craxi non era laureato.

    http://www.antoniodipietro.com
    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio Giustizia
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO