TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 19/03/2006 Le più alte Grida di Dolore... (http://kelebek.splinder.com, visto su www.comedonchisciotte.it)

    Ricerca personalizzata

    Nel 2002, gli Stati Uniti avevano (1) 7,982 testate nucleari pronti all'uso, e altri 2,700 di riserva. Ricordiamo che novanta di queste bombe pronte all'uso si trovano sul territorio italiano. (2)

    Le zone chiuse degli Stati Uniti, riservate esclusivamente alla cura di tali missili, occupano un'area un po' maggiore del Distretto della Colombia e degli stati del Massachusetts e del New Jersey messi insieme.

    Aggiungiamo che gli Stati Uniti sono anche l'unico paese al mondo ad aver mai usato una bomba atomica. Anzi, due.

    Nessuno sa di quante armi nucleari disponga invece Israele. Certamente abbastanza per distruggere ogni città tra il Pakistan e il Marocco nell'arco di una mezz'ora.

    Adesso, come tutti sanno, si parla della possibilità che l'Iran si costruisca degli impianti nucleari a scopo civile, e qualcuno dice che l'Iran intenderebbe segretamente passare da lì a costruirsi anche una bomba atomica. Un'intenzione smentita dai diretti interessati. Per la cronaca, l'ultima volta in cui l'Iran ha attaccato un proprio vicino è stato nel 614 dopo Cristo, in una guerra sanguinosa contro l'Impero bizantino. Pare che la colpa fosse proprio dei persiani, quella volta. Però la guerra successiva, sette anni dopo, fu voluta dai bizantini.

    Cosa dicono gli Stati Uniti a proposito della sospetta intenzione iraniana?

    Ieri, il presidente Bush ha presentato il rapporto (3) intitolato National Security Strategy, in cui si ribadisce la "doctrine of pre-emption". Tradotto dal Newspeak orwelliano, significa che gli Stati Uniti, come i vichinghi di una volta, si arrogano il diritto di attaccare chiunque, in qualunque parte del pianeta. Per colpire una "minaccia prima che si materializzi", cioè prima che esista. Quello che Romano Prodi più italianamente riassume nel concetto di "si può fare". (4)

    Lo stesso giorno, l'ambasciatore americano presso le Nazioni Uniti, John Bolton - un signore che aveva svolto un ruolo chiave (5) nell'invenzione delle "armi di distruzione di massa" di Saddam Hussein - ha fatto una dichiarazione alla televisione ABC che nel suo surrealismo compendia molti aspetti dei nostri tempi, dalla paranoia come metodo alla violenza come prassi. Preparando il terreno alla guerra "preventiva" minacciata da Bush, Bolton dice dell'Iran (6):

    "Proprio come l'11 settembre, ma con armi nucleari stavolta, questa è la minaccia. Credo che questa sia la minaccia. Si tratta, mi sembra, semplicemente di guardare in faccia la realtà. Non è una bella realtà, ma è la realtà, e se non l'affronti, potrà diventare ancora più antipatica".
    Samuel Johnson [1], scrittore inglese, aveva riassunto perfettamente il metodo, alla fine del Settecento, parlando degli indipendentisti americani dei suoi tempi:

    "Come si spiega che le più alte grida di dolore per la libertà le udiamo levarsi dai cacciatori di negri?"

    Fonte: http://kelebek.splinder.com/
    17.03.06

    NOTE:

    1 http://www.nrdc.org/nuclear/nudb/datainx.as
    2 http://www.kelebekler.com/occ/atomiche.htm
    3 http://breakingnews.iol.ie/news/story.asp?j=176259254&p=y76z5996x
    4 http://kelebek.splinder.com/1142415227#7458392
    5 http://en.wikipedia.org/wiki/John_R._Bolton
    6 http://www.msnbc.msn.com/id/11849446/

  • Archivio Hiroshima
  • Archivio Guerra e Terrorismo
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO