TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 02/08/2006 La Casa Bianca sta allestendo con Israele il “Ritrovamento” delle Armi di Saddam in Siria? (Movimento Solidarietà, http://www.movisol.org)

  • Pagina Guerra
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Iraq
  • Problemi del Mondo
  • Ricerca personalizzata

    L'Executive Intelligence Review (EIR) sta indagando sulle informazioni ottenute da una qualificata fonte israeliana secondo cui l'Amministrazione Bush starebbe esercitando pressioni su Israele affinché si presti ad una nuova “sorpresa d'ottobre”, un episodio capace di influenzare decisamente le elezioni.

    Si tratterebbe di trafugare e stoccare armi di distruzione di massa nel territorio siriano e farle poi passare per le “introvabili” armi di Saddam Hussein, che il dittatore iracheno avrebbe nascosto in Siria, ovviamente con la complicità del governo del Presidente Assad.

    Chiaramente, qualora tale schema dovesse passare, costituirebbe agli occhi dell'opinione pubblica, da una parte la giustificazione postuma della guerra in Iraq, dall'altra la scusa per effettuare un “cambio di regime” in Siria.

    I componenti di queste armi di sterminio sarebbero già da mesi al sicuro in un magazzino situato nel deserto del Neghev, in Israele, e l'Amministrazione Bush starebbe sollecitando il governo Olmert affinché provveda a farli trasportare oltre il confine siriano, nel contesto delle operazioni dell'invasione del Libano.

    Secondo la stessa fonte gli ambienti più sani della coalizione governativa israeliana stanno facendo pressioni su Olmert affinché non si presti al disegno della Casa Bianca, ma intanto aspetti del piano vengono comunque portati avanti. L'uccisione deliberata di osservatori ONU che stazionavano nella zona, potrebbe essere parte dei preparativi allo schema criminale.

    Nei particolari del piano, le armi di sterminio verrebbero “trovate” dai militari USA che operano al confine tra Iraq e Siria, proprio in tempo per ribaltare le sorti delle elezioni parlamentari americane di medio termine che si terranno a novembre e che per ora si prospettano un fiasco completo per i Repubblicani e per l'Amministrazione Bush.
    Lyndon LaRouche ha dichiarato che se Israele si presta ad un tale gioco, il suo errore di calcolo potrebbe condurre alla terza guerra mondiale.


    Un altro espediente che alla Casa Bianca starebbero concertando per sopravvivere alle prossime elezioni, spiega la stessa fonte, è un immediato rafforzamento del contingente militare USA in Iraq in modo che si possano ottenere dei risultati tanto validi da consentire il ritiro delle truppe, da annunciare sempre in tempo per influenzare l'esito del voto di novembre.


    Si considera a tal fine l'opportunità di spostare in Iraq truppe ben collaudate di stanza nella Corea del Sud, in modo da effettuare una “offensiva estiva”. Questo andrebbe molto bene anche a Tony Blair, il quale è stato recentemente sollecitato ad aumentare il contingente inglese in Iraq, ha spiegato la fonte.


    Riscontri di altre possibili “sorprese d'ottobre” vengono anche da fonti di alto livello dell'Intelligence USA. Il Pentagono avrebbe avuto una serie di contatti con il faccendiere e trafficante d'armi iraniano Manucher Ghorbanifar, (che fu implicato nelle truffe dell'Iran-Contra) per servirsene in un altro allestimento di un “ritrovamento” di armi di sterminio, trasportate stavolta direttamente in Iraq con gli stessi scopi.


  • Pagina Guerra
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Iraq
  • Problemi del Mondo
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO