TuttoTrading.it



SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 26/12/2006 m.o.: Morti più americani in Iraq che nell'attacco dell'11/9 (http://www.canisciolti.info/)

    Ricerca personalizzata

    Il macabro record e' stato battuto: in Iraq sono morti piu' americani che negli attacchi dell'11 settembre. L'uccisione di tre soldati statunitensi in un attentato a nord-ovest di Baghdad ha fatto superare la soglia delle 2.973 vittime degli attentati a New York e Washington proprio nel pieno delle feste di Natale e del ripensamento della politica americana che in gennaio dovrebbe portare a una nuova strategia della Casa Bianca in Iraq.

     

    Le famiglie delle vittime dell'11 settembre hanno reagito in modo composito: secondo alcuni, come Adele Weltyu, madre di un vigile del fuoco morto nel crollo delle Torri Gemelle, e' la prova che la guerra e' stata solo un errore. Secondo altri, come il sergente in congedo Tim Summer, che a Ground Zero perse il cognato, si tratta di un prezzo che vale la pena pagare. "E' una dato che alla stampa non sfuggira'" ha commentato Eric Davies, docente di scienze politiche al Middlebury College del Vermont, "e con il quale l'opinione pubblica non potra' fare a meno di fare i conti. Il problema e' che l'Iraq e' una questione politica che diventa sempre piu' ampia e nei confronti della quale Bush ha sempre meno credito".

    Una settimana fa un sondaggio della Cnn aveva rivelato che solo il 28 per cento degli americani sostiene ancora la politica della Casa Bianca in Iraq e che il 70 per cento ne e' delusa. Il presidente ha trascorso il Natale a Camp David prima di raggiungere il suo ranch a Crawford, in Texas, dove mettera' a punto la nuova strategia. "Come quella in Afghanistan e quella contro il terrorismo" ha detto Anthony Cordesman, autore di un bollettino di analisi militare sull'Iraq, "la guerra in Iraq e' lunga e puo' essere persa con una sorprendente velocita'. Per vincerla ci vogliono pazienza, ostinazione, tempo e risorse". Ma intanto, con tre soldati uccisi nel giorno di Natale e altri tre dilaniati da un'esplosione in quello di Santo Stefano, l'esercito americano deve fare i conti con quello che si e' rivelato il nemico piu' terribile di questa guerra: le bombe rudimentali e le mine modificate.

    Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti

    Clicca qui!

    VAI ALLA MAPPA DEL SITO