TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 23/08/2006 Un Milione di Immigrati Insediati in Dieci Anni (www.aduc.it)

    Ricerca personalizzata

    Oltre un milione di immigrati stranieri si sono insediati in Gran Bretagna dal 1997, da quando il Partito Laburista è salito al potere. Lo riporta oggi il quotidiano britannico The Times, basandosi su dati resi noti ieri.
    Il numero di cittadini stranieri che si è insedianto nel Paese è triplicato dall'ascesa al governo del leader socialista Tont Blair. Nell'ultimo anno il numero ha registrato una improvvisa impennata, con una crescità del 30 per cento.
    Sir Andrew Green, presidente di Migrationwatch, ha detto: "Queste sono cifre enormi. E' l'inevitabile conseguenza delle politiche in favore dell'immigrazione attuate dal governo negli ultimi anni". Oltre il 70 per cento degli immigrati a cui è stato accordato il diritto di residenza provengono dall'Africa, dall'Asia e dal sub-continente indiano.
    Secondo quanto riporta l'Independent, il flusso di immigrati in Gran Bretagna proveniente dai Paesi dell'Europa Orientale ha permesso al cancelliere dello Scacchiere Gordon Brown di centrare i suoi obiettivi di crescita economica.
    Un nuovo studio, citato dal quotidiano britannico, rivela che il ministro delle Finanze non avrebbe potuto centrare i suoi obiettivi se non vi fosse stato il contributo di 600mila lavoratori provenienti da otto Paesi dell'ex Unione Sovietica, giunti in Gran Bretagna negli ultimi due anni, da quando i loro Paesi di origine sono entrati nell'Unione Europea.
    Questi immigrati rappresentano il due per cento della forza lavoro del Paese, e garantiscono un contributo di 2,5 miliardi di sterline l'anno all'economia britannica. Per questo gli industriali britannici sono favorevoli al mantenimento di questa politica della porta aperta per alcuni gruppi di lavoratori stranieri "chiave".

  • Archivio Immigrazione
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO