TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 21/05/2008 No al reato di immigrazione clandestina (http://www.canisciolti.info)

    Ricerca personalizzata

    Cesa: Il reato di immigrazione clandestina rischia di aggravare il problema piuttosto che risolverlo (http://www.canisciolti.info)

    Introdurre il reato di immigrazione clandestina rischia di aggravare il problema piuttosto che risolverlo". Lo afferma in una nota il segretario dell'Udc, Lorenzo Cesa. "L'approvazione di questo provvedimento manderà in tilt i tribunali e affollerà le carceri italiane", aggiunge. "Non si risolve un problema creandone un altro. Sono molte le voci, anche all'interno del Governo, che denunciano che il reato di immigrazione clandestina non è la soluzione", conclude Cesa.

    Di Pietro: Assolutamente inadeguata l'istituzione del reato di immigrazione clandestina (http://www.canisciolti.info)

    ''Ritengo assolutamente inadeguata l'istituzione del reato di immigrazione clandestina''. Lo ha detto Antonio Di Pietro, leader dell'Italia dei Valori, intervenendo questa mattina ad 'Omnibus' su LA7. Sui suoi rapporti con la maggioranza di governo, Di Pietro ha spiegato: ''Non intendo essere collaborazionista con Berlusconi perche' lo conosco e cerco di evitarlo''.

    Riferendosi infine all'emergenza rifiuti, il leader dell'Idv ha concluso: ''Noi dell'Italia dei Valori rivolgiamo una critica a Bassolino per la questione rifiuti perche' non si e' provveduto a monte a creare le condizioni per smistare la spazzatura. Detto cio', credo che ora sia doveroso collaborare per risolvere il problema''.

    Maroni: Il reato di immigrazione clandestina è previsto in molti Paesi Ue (http://www.canisciolti.info)

    Siamo al governo da una settimana:dire che il governo Berlusconi ha causato la situazione dei campi nomadi in Italia mi sembra ridicolo". Lo dice il ministro dell'Interno Maroni ospite al Tg1. "Noi -spiega Maroni- interveniamo per regolarizzare e chiudere i campi abusivi, a tutela di chi ha diritto a stare in Italia, ma dobbiamo intervenire per tutelare i cittadini italiani". E precisa: il reato di immigrazione clandestina è previsto in molti Paesi Ue.Per Maroni, punto forte del pacchetto sono i "poteri che vengono dati ai sindaci".

    21/05/2005 Commissione europea condanna qualsiasi tipo di violenza nei confronti dei rom (http://www.canisciolti.info)

    La commissione Ue "condanna vivamente qualsiasi tipo di violenza nei confronti dei rom e gli Stati Ue devono garantire la sicurezza delle persone sul loro territorio". E' quanto ha detto il commissario Ue all'occupazione, Vladimir Spidla, durante il dibattito sullo stato dei rom in Italia e in Europa all'Europarlamento.

    Veltroni: Berlusconi è stato premier 4 volte, se l'Italia è in questa situazione è anche colpa sua

    Berlusconi è stato premier 4 volte, se l'Italia è in questa situazione è anche colpa sua", "a Berlusconi è mancato il senso dello Stato". Lo dice il leader del Pd Veltroni ospite a Ballarò. "Se non facessimo un dialogo -aggiungeverrebbero meno le ragioni di fondo e cioè la modifica delle regole del gioco.Sui programmi restano le differenze" Veltroni reputa "un approccio sbagliato" l'introduzione del reato di immigrazione clandestina. Sull'abolizione dell'Ici dice: "Va benissimo", ma è meglio aumentare salari e pensioni.

    21/05/2008 Sicurezza: Carcere per il reato di immigrazione clandestina (http://www.canisciolti.info)

    Il Consiglio dei ministri ha approvato oggi il pacchetto sicurezza, contenente norme di contrasto alla criminalità mafiosa, alla delinquenza comune e all'immigrazione clandestina, che diverrà un reato punibile con il carcere. Il pacchetto si sviluppa in un decreto legge, un disegno di legge e tre decreti legislativi -- questi ultimi rispettivamente su richiesta d'asilo, ricongiungimenti familiari e libera circolazione dei cittadini -- e avrà piena attuazione "entro due mesi", ha assicurato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, durante una conferenza stampa al Palazzo Reale di Napoli, dove oggi in via straordinaria si è svolto il Consiglio. In dettaglio, come elencato dal ministro Maroni nel corso della conferenza stampa, sono inserite nel decreto legge norme per rendere più facili le espulsioni, nuovi poteri ai sindaci -- che potranno emettere ordinanze "contigibili e urgenti" consentendo alla polizia locale la repressione di reati urbani -- e pene più severe per chi guida in strato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti. In particolare, il provvedimento mira a combattere l'immigrazione clandestina "ampliando i casi di espulsione su ordine del giudice, in caso di condanna penale e prevedendo analoga misura per i cittadini comunitari", si legge in una sintesi del dl, distribuita ai giornalisti dal ministero dell'Interno. Sempre nel decreto, sono previsti, inoltre, la confisca degli appartamenti affittati a stranieri irregolari; il rafforzamento della collaborazione tra forze dell'ordine e vigili urbani; l'aumento da 5 a 6 anni della pena massima per l'omicidio "commesso in violazione delle norme sulla circolazione stradale e sugli infortuni sul lavoro"; l'ampliamento dei casi giudicabili per direttissima; misure più efficaci per la lotta alla criminalità di stampo mafioso e il divieto di patteggiamento in appello per i reati di mafia; la semplificazione delle procedure di distruzione delle merci contraffatte.

    21/05/2008 Di Pietro: Ancora una volta Berlusconi si fa una legge a suo uso e consumo (http://www.canisciolti.info)

    "Ancora una volta Berlusconi si fa una legge a suo uso e consumo". Cosi' Antonio Di Pietro, leader dell'Italia dei Valori, commentando la proposta del governo "per salvare Rete 4". Secondo l'ex pm di Mani Pulite l'emendamento dell'esecutivo "aggira la sentenza della Corte di giustizia europea e quella della Corte Costituzionale italiana, che danno ragione a Europa 7". "Berlusconi, quindi - attacca Di Pietro - perde il pelo ma non il vizio e ritorna alla sua vecchia e cara abitudine: fare norme per gli interessi suoi e delle sue aziende. A questo punto, dopo i primi passi mossi da Berlusconi e dalla sua compagine, a noi e' tutto chiaro. Un avviso ai naviganti, ovvero agli amici del Partito Democratico: bisogna fare molta attenzione. Va bene il bon ton e il dialogo, ma con questo lupo gli agnelli rischiano di rimetterci la pelle... e noi dell'Italia dei Valori alla nostra ci siamo affezionati".

    http://www.canisciolti.info

  • Archivio Immigrazione
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO