TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 28/11/2008 PiùlibriPiùliberi. Mamadou va a morire vince il Premio Di Liegro (http://www.infinitoedizioni.it)

    Ricerca personalizzata

    Comunicato stampa

     

    Infinito edizioni a Piùlibri

     

    Vi aspettiamo, dal 5 all'8 dicembre, alla Fiera del libro di Roma PiùlibriPiùliberi che si tiene al Palazzo dei Congressi (Eur).

     

    Quest'anno abbiamo cambiato...piano! Venite a trovarci al pian terreno, allo STAND C08.

    Segnaliamo la presentazione del nuovo libro di Francesca Bellino dal titolo Il prefisso di Dio. Storie e labirinti di Once, Buenos Aires (prefazione del maestro Luis Bacalov) che si terrà sabato 6 dicembre alle ore 18 in sala Turchese.

    Un’occasione per fare un viaggio in un quartiere ebraico di Buenos Aires alla ricerca dell'Undicesimo Comandamento. Rincorsa dal numero 11, l'autrice si perde in infiniti labirinti di storia antica e contemporanea e si lascia guidare dai personaggi che incontra sulla sua strada. Una strada che parla di immigrazioni, ebraismo, credenze popolari e miracoli, e tango in un diario-reportage che stimola il lettore in una personale ricerca di un nuovo Comandamento per le attuali società plurali.

     

    Comunicato stampa

    Mamadou va a morire vince il Premio Di Liegro

     

    Gabriele Del Grande, autore di Mamadou va a morire. La strage dei clandestini nel Mediterraneo, il libro che per primo in Italia ha documentato le vicende dei migranti che periscono nel duro viaggio verso l’Europa (tradotto in Germania e Spagna) vince la terza edizione del Premio Di Liegro per il giornalismo e la ricerca sociale promosso dalla Fondazione Di Liegro e dalla Provincia di Roma.

     

    Il premio è dedicato quest’anno, in occasione del 60° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, al tema: Diritti senza confini.

     

    Del Grande riceverà il premio per la sezione Giornalismo con la seguente motivazione: “per il suo riconosciuto impegno  nella documentazione della violazione dei diritti umani  nei fenomeni migratori”.

     

    La premiazione si terrà lunedì 1° dicembre alle 17.00, presso il Teatro Argentina di Roma, in Largo di Torre Argentina, 52

    Comunicato stampa

    Scritture di Frontiera, premiato Gian Matteo Apuzzo

     

    Si terrà questa sera la consegna del premio “Scritture di Frontiera” che per la sezione saggistica è stato assegnato a Gian Matteo Apuzzo che ha pubblicato per la Infinito edizioni il libro Le città divise e per gli articoli scritti per la sezione AestOvest di Osservatorio Balcani e Caucaso.

     

    Il "Premio speciale Scritture di Frontiera" è promosso dall'associazione Altamarea e con il sostegno del Centro Interdipartimentale di ricerca sulla pace "IRENE" dell’Università di Udine.

     

    Nelle motivazioni del premio dato ad Apuzzo, professore di Sociologia del Territorio e Progettazione Sociale all’Università di Trieste, coordinatore del Master in Cooperazione con l’Europa Centro-Orientale Balcanica per l’Università di Padova e di Trieste, direttore dell'Istituto Maritain e collaboratore di Osservatorio sui Balcani e Caucaso, si sottolinea l'attività svolta “da anni nel favorire la conoscenza dell’Altro e il dialogo interculturale organizzando e promuovendo conferenze e pubblicando numerosi testi sui temi della povertà urbana e sul problema dell’abitazione in America Latina così come sul dramma delle città divise, studio quest’utlimo di grande attualità anche in ambito accademico, nonché dei progetti socio-territoriali e delle attività di formazione in modo particolare verso i Balcani per conto dell’Istituto Jacques Maritain".

    Tra i riconoscimenti di quest'anno, "Trieste Scritture di Frontiera" ha assegnato due premi alla carriera: uno allo scrittore ungherese Miklos Hubay, riconosciuto come uno dei maestri della drammaturgia contemporanea, e l'altro allo scrittore e autore teatrale triestino, da molti anni trapiantato a Roma, Renzo Rosso, raffinato autore di varie ed apprezzate opere.

    Gli altri premi: per la narrativa al triestino Pino Roveredo (già Premio Campiello nel 2005); per la poesia all'autore e critico milanese Mario Santagostini (già Premio Montale nel 2001, e presente con i suoi versi nella prestigiosa collana dei "Meridiani" di Mondadori); per l'opera prima alla poetessa Carla Saracino (pugliese residente a Milano); per la poesia inedita a Marko Kravos, autore della comunità slovena di Trieste; per la narrativa inedita allo scrittore, giornalista e regista triestino Massimiliano Cocozza; per la Sezione "Giuliani nel Mondo" al goriziano emigrato a Melbourne Luciano Bini, per un suo saggio storico sull'Australia.

    Le premiazioni si terranno oggi pomeriggio, alle 18.30, al Caffè S. Marco di Trieste, in via Battisti 18, nell'ambito della III Conferenza internazionale del Pen Club Trieste. La serata, ad ingresso libero, sarà presentata da Rina Anna Rusconi, presidente dell'associazione Altamarea e promotrice del premio, assieme a Giuliana Dalla Fior e Patrizia Vascotto, con l'intervento dei membri della giuria. Sono inoltre previsti degli intermezzi di musica dixieland con la Trieste Dixie Gang (formazione di sette elementi, con la cantante Judy Moss, Euro Metelli al trombone, Gabriele Metelli alla tromba, Giorgio Valenta al clarinetto, Bruno Iurcev al pianoforte, Luciano Buda alla batteria e Sandro Turello al basso).

     

    Comunicato stampa

    Scritture di Frontiera, premiato Gian Matteo Apuzzo

     

    Si terrà questa sera la consegna del premio “Scritture di Frontiera” che per la sezione saggistica è stato assegnato a Gian Matteo Apuzzo che ha pubblicato per la Infinito edizioni il libro Le città divise e per gli articoli scritti per la sezione AestOvest di Osservatorio Balcani e Caucaso.

     

    Il "Premio speciale Scritture di Frontiera" è promosso dall'associazione Altamarea e con il sostegno del Centro Interdipartimentale di ricerca sulla pace "IRENE" dell’Università di Udine.

     

    Nelle motivazioni del premio dato ad Apuzzo, professore di Sociologia del Territorio e Progettazione Sociale all’Università di Trieste, coordinatore del Master in Cooperazione con l’Europa Centro-Orientale Balcanica per l’Università di Padova e di Trieste, direttore dell'Istituto Maritain e collaboratore di Osservatorio sui Balcani e Caucaso, si sottolinea l'attività svolta “da anni nel favorire la conoscenza dell’Altro e il dialogo interculturale organizzando e promuovendo conferenze e pubblicando numerosi testi sui temi della povertà urbana e sul problema dell’abitazione in America Latina così come sul dramma delle città divise, studio quest’utlimo di grande attualità anche in ambito accademico, nonché dei progetti socio-territoriali e delle attività di formazione in modo particolare verso i Balcani per conto dell’Istituto Jacques Maritain".

    Tra i riconoscimenti di quest'anno, "Trieste Scritture di Frontiera" ha assegnato due premi alla carriera: uno allo scrittore ungherese Miklos Hubay, riconosciuto come uno dei maestri della drammaturgia contemporanea, e l'altro allo scrittore e autore teatrale triestino, da molti anni trapiantato a Roma, Renzo Rosso, raffinato autore di varie ed apprezzate opere.

    Gli altri premi: per la narrativa al triestino Pino Roveredo (già Premio Campiello nel 2005); per la poesia all'autore e critico milanese Mario Santagostini (già Premio Montale nel 2001, e presente con i suoi versi nella prestigiosa collana dei "Meridiani" di Mondadori); per l'opera prima alla poetessa Carla Saracino (pugliese residente a Milano); per la poesia inedita a Marko Kravos, autore della comunità slovena di Trieste; per la narrativa inedita allo scrittore, giornalista e regista triestino Massimiliano Cocozza; per la Sezione "Giuliani nel Mondo" al goriziano emigrato a Melbourne Luciano Bini, per un suo saggio storico sull'Australia.

    Le premiazioni si terranno oggi pomeriggio, alle 18.30, al Caffè S. Marco di Trieste, in via Battisti 18, nell'ambito della III Conferenza internazionale del Pen Club Trieste. La serata, ad ingresso libero, sarà presentata da Rina Anna Rusconi, presidente dell'associazione Altamarea e promotrice del premio, assieme a Giuliana Dalla Fior e Patrizia Vascotto, con l'intervento dei membri della giuria. Sono inoltre previsti degli intermezzi di musica dixieland con la Trieste Dixie Gang (formazione di sette elementi, con la cantante Judy Moss, Euro Metelli al trombone, Gabriele Metelli alla tromba, Giorgio Valenta al clarinetto, Bruno Iurcev al pianoforte, Luciano Buda alla batteria e Sandro Turello al basso).

     



    http://www.infinitoedizioni.it

  • Archivio Informazione
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO