TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 16/06/2006 Al via la Campagna di Legambiente. Stop al Mercurio (www.lanuovaecologia.it)

  • Pagina Inquinamento
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Ambiente
  • Pagina Petrolio
  • Ricerca personalizzata

    Il 17 giugno si parte con blitz pacifici agli impianti cloro-soda e fino all'autunno iniziative per riconvertirli con tecnologie pulite. Ogni anno nel mondo si consumano più di 3mila tonnellate di metallo pesante, in Italia si usa in 7 siti industriali
    Ecco la mappa del rischio
    SCARICA:
    il Dossier / Scheda cloro-soda

    Sono 3.200 le tonnellate di mercurio consumato ogni anno nel mondo. Lo si usa per estrarre l’oro dalle miniere, per le otturazioni dentali, negli strumenti di misurazione della temperatura e pressione, ma anche per la produzione delle lampade fluorescenti a basso consumo. Stiamo parlando di un metallo pesante che resta ancora oggi un problema

    stop al mercurio Canale "al mercurio

    ambientale e sanitario, di fatto planetario, che non risparmia nessun paese, in via di sviluppo o industrializzato. Uno degli usi più classici del mercurio è nella cella elettrolitica per la produzione industriale del cloro e della soda.

    In Italia sono 10 gli impianti cloro-soda, per una capacità produttiva complessiva di circa 982.000 tonnellate di cloro all’anno, e che secondo l’Unione europea andranno riconvertiti a tecnologie meno inquinanti. Riconversione che Legambiente auspica entro il 2010. Stando a quanto emerge dall’Eper, il registro europeo sulle emissioni inquinanti, vengono smaltite nell’ambiente ancora quantità veramente spaventose di mercurio. Entrando nel dettaglio degli impianti in territorio italiano, infatti, solo l’Ilva di Taranto, stando a quanto riportato nell’Eper, ha emesso in atmosfera oltre 1 tonnellata di mercurio su 2,9 nel 2001, pari al 36% del totale nazionale. E che lo stesso stabilimento siderurgico tarantino ha sversato in via diretta in acqua 118 kg di mercurio, su un totale nazionale di 660 kg, pari a quasi il 18%.

    "Stop al mercurio", la versione italiana della campagna dell’Eeb, parte con i blitz pacifici agli impianti cloro-soda, organizzati dai circoli locali e dalle sedi regionali di Legambiente a partire dal 17 giugno e che continuerà fino al prossimo autunno. Legambiente per l’occasione ha presentato un Dossier, "Stop al Mercurio", nel quale viene analizzato l’inquinamento di questo pericoloso metallo e lo stato di salute delle zone che ospitano questo tipo di industria chimica. Si parte dunque sabato 17, con i blitz a Pieve Vergonte (Vco), Torviscosa (Ud), Porto Marghera (Ve), Rosignano (Li) e Priolo Gargallo (Sr).

    «Una estate di impegno per promuovere tecnologie pulite – dichiara Stefano Ciafani, coordinatore scientifico di Legambiente - durante la quale Legambiente organizzerà un convegno in ciascuna località interessata dalla presenza degli impianti cloro-soda, dove si cercherà di fare il punto della situazione, e di analizzare i motivi che stanno ritardando le riconversioni e le bonifiche dei siti inquinati dalle lavorazioni pregresse e attuali. L’appuntamento finale, previsto a Roma per fine ottobre, sarà l’occasione per riportare quanto emerso dalle consultazioni fatte durante la campagna “Stop al mercurio”, verificare i tempi del definitivo abbandono della tecnologia al mercurio per la filiera del cloro, per fare il punto sul futuro della chimica in Italia e sullo stato di avanzamento del Programma nazionale di bonifica. Le due questioni, infatti, sono intimamente legate, visto che 5 dei 10 impianti cloro-soda, e più precisamente quelli Syndial di Porto Marghera, Priolo e Porto Torres, Caffaro di Torviscosa, Tessenderlo di Pieve Vergonte, ricadano all’interno di Siti di interesse nazionale da bonificare»


  • Pagina Inquinamento
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Ambiente
  • Pagina Petrolio
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO