TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 28/11/2006 I conti correnti dedicati non sono obbligatori (Primo Mastrantoni, www.aduc.it)

    Ricerca personalizzata

    Non sono obbligatori i conti correnti bancari o postali specificamente dedicati alle attivita' di artigiani e professionisti, vale a dire che queste categorie di persone non sono tenute ad aprire un conto corrente dedicato nel quale far affluire o prelevare somme di denaro inerenti la propria attivita'. La legge, prescrive che "I soggetti... sono obbligati a tenere uno o piu' conti correnti bancari o postali ai quali affluiscono, obbligatoriamente, le somme riscosse nell'esercizio dell'attivita' e dai quali sono effettuati i prelevamenti per il pagamento delle spese." (L. 248/2006, art.35, comma 12). Alcune banche hanno inteso il dispositivo legislativo come un obbligo per professionisti ed artigiani di aprire un altro conto, appositamente dedicato, in aggiunta a quello personale. Ovvio che cio' comporterebbe nuovi oneri che confluirebbero nelle grasse casse bancarie. Non e' cosi'. Anche una recente circolare (n.28/E/2006) dell'Agenzia delle entrate ribadisce che il conto corrente non deve necessariamente essere dedicato ma che puo' essere usato anche quello personale. Insomma l'importante e' che si lasci traccia di entrate e uscite. Quanto alle banche vale sempre il vecchio detto: il lupo perde il pelo ma non il vizio.

    Archivio

  • 29/09/2006 Varata la Finanziaria
    Archivio

  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO