TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 03/10/2007 Evitare la fiducia sulla Finanziaria. Incandidabilità temporanea per amministratori inquisiti (http://www.canisciolti.info)

    Ricerca personalizzata

    03/10/2007 Padoa Schioppa: Sarebbe meglio evitare la fiducia sulla Finanziaria

    Ringrazia gli italiani perché «hanno fatto uscire il Paese dall'emergenza dei conti». Rivendica i «successi straordinari» ottenuti in poco più di un anno dal governo Prodi. Afferma che la «pressione fiscale non è più alta che in altri Paesi europei». Attacca le scelte della passata legislatura che «hanno incoraggiato l'evasione fiscale». E spiega che è arrivato il momento di «restituire risorse ai contribuenti». Tommaso Padoa-Schioppa presenta così al Senato la Finanziaria, per la quale, dice, «sarebbe meglio evitare la fiducia».

    «Una manovra molto diversa da quella passata - spiega il ministro dell'Economia - Per la prima volta da molto tempo abbiamo una riduzione del disavanzo senza dover effettuare una manovra correttiva e disponiamo anche di risorse aggiuntive per iniziare a ridurre le imposte, partendo come giusto da quelle gravanti sulle categorie più deboli; per garantire gli investimenti in infrastrutture per lo sviluppo nei prossimi anni; per attuare in toto il protocollo di intesa su welfare; per onorare gli impegni internazionali di aiuto allo sviluppo».

    03/10/2007Prodi: L'antipolitica si contrasta con la buona politica

    Nell'intervista al Tg1 alla richiesta di un parere sull'operato di Beppe Grillo e il rigurgito di antipolitica che sta attraversando il Paese, il presidente del Consiglio ha osservato che «l'antipolitica non c'è nessuna possibilità di contrastarla se non con la buona politica». E ha aggiunto: «O riusciremo a dimostrare che facciamo qualcosa al servizio degli altri, o vincerà l'ondata populista».

    Prodi ha anche risposto sul tema dei costi eccessicvi della politica, dopo le polemiche sollevate dalle ultime dichiarazioni del presidente della Camera Fausto Bertinotti sulla norma della finanziaria che pèrevede il blocco degli aumenti automatici per le indennitá parlamentari: «Quando si parla di costi della politica significa tener conto di tutti i costi: quelli della politica, del governo, del Parlamento, ma anche delle regioni, delle province... Ormai, la maggior parte della spesa pubblica non è più fatta centralmente. E noi, come governo, abbiamo proposto di agire in tutte queste direzioni». Come governo, insiste il Professore, abbiamo proposto di «diminuire anche i membri dei consigli di amministrazione delle imprese pubbliche e di diminuire proprio le imprese: in particolare abbiamo proposto di ridurle e accorparle. Ma a questo dovremmo aggiungere anche l'attenzione alla spesa della pubblica amministrazione. Altrimenti - avverte Prodi - riducendo una cosa e non l'altra, non si fa altro che litigare senza però ottenere risultati».

    03/10/2007Prodi: Per il Welfare approvazione in Consiglio dei ministri e poi il Parlamento farà le sue modifiche

    Sul Protocollo per il Welfare "avremo l'approvazione in Consiglio dei ministri e poi è chiaro che il Parlamento farà le sue modifiche. Non c'è nulla di particolare in questa procedura". Lo ha detto al Tg1 il presidente del consiglio Romano Prodi. "Bisogna dare al Paese la continuità di cui ha bisogno. Se in Italia ci fossero sempre stati Governi di intera legislatura i risultati sarebbero migliori. E' uno sforzo che sto facendo e che continuerò a fare", ha anche dichiarato il premier. Contro l'antipolitica e il suo derivato populista, ha concluso, "serve la buona politica" al servizio "degli altri".

    03/10/2007 Fassino: Le primarie del 14 ottobre saranno un successo

    Tutti coloro che hanno profetizzato in questi mesi un insuccesso per le primarie del 14 ottobre e, più in generale, per il futuro del Pd saranno smentiti da quello che "si rivelerà il più grande evento democratico degli ultimi anni". Ne è convinto il segretario dei Ds, Piero Fassino, secondo il quale "tutti i profeti di sventura il 14 ottobre saranno smentiti. Tutti coloro che per mesi l'hanno menata con il fatto che il Pd sarebbe stato un incontro di nomenclature si metteranno la cenere sul capo perché sarà un grandissimo evento democratico".

    Intervenendo ad un dibattito sulla buona politica a Milano, organizzato a sostegno della candidatura a leader del Pd di Walter Veltroni, Fassino ha a sua volta profetizzato che "il 14 ottobre si capirà che questo evento è molto più grande e importante di quanto fatto capire finora. Noi - ha detto - partiamo dai cittadini rovesciando il normale percorso di nascita di un partito". Il leader dei Ds ha quindi elencato le quattro grandi risposte date dal Pd rispetto alle esigenze che emergono dalla società: la prima è il fatto che "in tempi di antipolitica noi diamo una risposta di buona politica. Poi noi inneschiamo con il Pd una riforma del sistema politico che va al di là della stessa creazione del Partito democratico. E ancora - ha proseguito - è la prima volta che si cerca di dare un'unica rappresentanza politica ad un riformismo culturalmente plurale, dando infine anche risposta alla divaricazione esistente tra le cose che il Governo fa e la percezione che di questo Governo si ha".

    Secondo Fassino, alla resa dei conti, il Pd servirà infatti a sostenere l'attuale maggioranza e il Governo Prodi perché "quando si ha come punto di forza un partito del 30-35% o più si vede una differenza qualitativa e non solo quantitativa. Il Pd risponde alle esigenze di stabilizzazione della maggioranzadi Governo e dell'Esecutivo, esigenze che avvertiamo ogni giorno perché la percezione di questa maggioranza - ha concluso - è di una maggioranza fragile che rischia ogni giorno di sfaldarsi, sempre sull'orlo di una crisi di nervi nonostante le cose che faccia siano molte a partire dalla politica economica e finanziaria".

    03/10/2007Amato: Incandidabilità temporanea per amministratori inquisiti e non ancora condannati

    Il ministro dell'Interno Giuliano Amato ha proposto oggi l'adozione di nuove misure per combattere l'infiltrazione delle organizzazioni mafiose nelle amministrazioni locali e nell'economia, come la possibilità di sospendere e allontanare dipendenti pubblici sotto processo ma anche di impedire temporaneamente la candidatura di politici inquisiti. Nel corso di un'audizione oggi alla Commissione parlamentare antimafia, il ministro ha detto che la lotta alla criminalità organizzata rappresenta il primo capitolo del "pacchetto-sicurezza" che il Consiglio dei ministri dovrebbe discutere il prossimo 12 ottobre.

    "I comuni sono una delle mie angosce quotidiane. Io mi trovo amministrazioni tutte infiltrate come un terreno in cui è entrata la diossina, e io lavoro sui 'pilastrini' che ci stanno sopra, gli eletti", ha detto Amato, riferendosi alla normativa che consente lo scioglimento delle amministrazioni locali che risultano infiltrate dalla criminalità organizzata. Una misura, quella dello scioglimento, che però per il ministro è parziale: "Così non riusciamo a raggiungere le radici e le manifestazioni effettive delle infiltrazioni".

    Amato ha affermato che occorre trovare "qualche spazio in più oltre che nel penale e nella prevenzione, nel diritto latu sensu" per combattere la mafia.Per contrastare le infiltrazioni in Comuni ed enti locali, per esempio il ministro ha ipotizzato la "sospensione con allontanamento" per i dipendenti, "fermo restando che c'è sempre il provvedimento disciplinare e c'è poi la sentenza".

    "Ci sono dei margini che devono essere esplorati evitando che il ginepraio delle norme che proteggono il pubblico impiego risulti nella sua interezza invalicabile in presenza di infiltrazioni mafiose". Ma Amato ha anche proposto la incandidabilità temporanea per amministratori inquisiti e non ancora condannati in via definitiva: "l'incandidabilità temporanea ad alcune cariche per gli amministratori di consigli infiltrati, in assenza di una sentenza passata in giudicato, potrebbe magari superare il vaglio di legittimità costituzionale e rappresentare un'arma in più".

    D'accordo con le proposte del ministro anche il presidente della Commissione Antimafia, Francesco Forgione:"C'è un disegno di legge che abbiamo mandato alla Commissione Affari Costituzionali della Camera che interviene in materia di infiltrazioni nei consigli comunali e provinciali che affronta come nodo cruciale, lo ha detto anche il ministro, non solo i problemi della rimozione dei consigli comunali ma anche i problemi che riguardano la burocrazia, la pubblica amministrazione e alla tornata successiva anche l'incandidabilità per quei soggetti (coinvolti in) atti tali da portare allo scioglimento dei consigli".

    "Mi pare che una esigenza di bonifica dei livelli politici ma anche dei livelli della burocrazia sia fondamentale -- ha detto ancora Forgione -- perché il livello di pervasività delle mafie nel loro complesso al livello di consigli comunali e provinciali ormai è un problema che non ha a che fare solo col rapporto tra mafia e politica ma con la democrazia nel Paese".

    http://www.canisciolti.info

  • Archivio Finanziaria
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO