TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 12/08/2011 Manovra economica tappabuchi. Che succedera' la prossima volta che, sicuramente, e' dietro l'angolo? Gli Stati Uniti d'Europa (Vincenzo Donvito, http://www.aduc.it)

    Ricerca personalizzata

    Manovra economica tappabuchi, quella varata dal consiglio dei ministri. Manovra che se forse risolvera' qualche problema immediato di liquidita' e di soldi sprecati, lasciera' in piedi, sostanzialmente, un sistema e un'organizzazione dello Stato in cui al primo posto c'e' sempre il mantenimento della casta e delle corporazioni ad essa funzionali.


    Al di la' delle ridicole disquisizioni sul menu' e sui prezzi del ristorante del Senato che, al di la' del carattere presunto simbolico, non vuol dire nulla di diverso se non una mensa in cui si mangia bene per dei “lavoratori” che sono stati scelti dagli elettori a rappresentarli nelle istituzioni, la sostanza e' stata solo minimamente intaccata.
    Per quanto riguarda i costi della politica l'accorpamento di alcune province e di alcuni Comuni e' un buon segnale, ma timido, molto timido e, viste le reazioni da parte soprattutto dei partner della maggioranza, non destinato ad espandersi. Ok per l'accorpamento dei Comuni con meno di mille abitanti, ma perche' non abolire le province? Inoltre, perche' non abolire il finanziamento pubblico a partiti, giornali e sindacati?


    Per quanto riguarda l'economia e le cosiddette liberalizzazioni:


    - perche' Stato e Pubblica Amministrazione devono essere nelle aziende partecipate e non imporre solo le regole per la gestione dei servizi di pubblica utilita'?


    - perche' le corporazioni devono continuare a fiaccare le professioni e la loro apertura a tutti coloro che hanno qualcosa da proporre al mercato dopo che hanno dimostrato, coi necessari titoli di studio (quando ci vogliono) che sono a conoscenza della materia?


    Ci domandiamo cosa succedera' una prossima volta, che' sicuramente ci sara', o forse qualcuno crede che le crisi in atto si concluderanno coi provvedimenti presi che, se non danno una svolta radicale all'economia e all'organizzazione degli Stati, si dimostreranno solo l'inizio di una lunga sofferenza? Svolte radicali che a nostro avviso devono mettere al centro non tanto i prelievi fiscali ma l'organizzazione dello Stato rispetto ad un mondo le cui sfide economiche non sono piu' contenute entro i confini nazionali... e se cosi' e', come ci ha dimostrato la situazione attuale, dobbiamo continuare a far governare queste crisi dai banchieri dell'Ue piuttosto che da un governo dell'Ue eletto dai cittadini e non dagli Stati nazionali?

    A nostro avviso o si mette al centro il cittadino utente e consumatore, portatore di diritti individuali economici, sociali e umani, con un governo federale dell'Ue, o staremo a rincorrere cittadini e contribuenti che, anche per sopravvivere, non avranno di meglio che continuare ad evadere il fisco e a sentirsi estranei al sistema.

    12/08/2011 Manovra economica. Non siamo concorrenziali (Primo Mastrantoni, http://www.aduc.it)

    Non siamo concorrenziali, per questo arranchiamo. La mancata competitivita' porta all'inefficienza e al debito. In questa situazione si sono create molteplici nicchie di interessi, le corporazioni o caste. Le varie caste (politica, sindacale e imprenditoriale) continuano a succhiare dalla mammella dello Stato incolpando le altre dei danni al Paese.

    Come si suol dire, ogni casta si butta avanti per non cadere indietro. Eppure, basterebbe promuovere la competitivita' a partire dalle liberalizzazioni (non privatizzazioni). Liberalizzare i servizi pubblici, cioe' mettere in concorrenza pubblico e privato, servirebbe, perlomeno, a migliorare la qualita' dei servizi.

    La liberalizzazione della distribuzione commerciale ci porterebbe ad un risparmio complessivo di 23 miliardi di euro (1), non e' poco. Dobbiamo decidere se continuare ad affondare nella palude o uscire e liberarci dai mille lacci e laccioli che impediscono a questo Paese di decollare. Le misure che in questi giorni il Governo varera' ci daranno la risposta. Vedremo.

    (1) Roberto Ravazzoni - Liberare la concorrenza. Ed. Egea

    http://www.aduc.it

  • Archivio Finanziaria
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO