TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 22/02/2006 Mezzogiorno, prima si cambia meglio e' (Claudio Virno, www.disinformazione.it)

    Ricerca personalizzata

    Un bilancio impietoso ma realistico della politica di sviluppo a favore del Mezzogiorno è stato recentemente tracciato da Nicola Rossi nel libro Mediterraneo del Nord. La sua conclusione è che il nuovo disegno di "programmazione e riqualificazione degli investimenti pubblici" avviato nel 1998 ha prodotto scarsi o nulli benefici a fronte di costi elevatissimi, con un evidente spreco di risorse proprio laddove il loro impiego avrebbe dovuto essere più selettivo per garantire una maggiore efficacia della spesa. (1)

    L’autodifesa del dipartimento

    Anche per rispondere alle critiche mosse da più parti, il dipartimento per le Politiche di sviluppo del ministero dell’Economia ha presentato di recente un Documento strategico preliminare nazionale 2007-2013. Contiene alcune spiegazioni dei risultati negativi registrati, riassumibili in tre punti.
    a) Vi sarebbe stato un volume di spesa in conto capitale inferiore al previsto a causa della scarsa attivazione delle cosiddette risorse ordinarie destinate alle aree depresse e, per questa via (addizionalità solo parziale tra risorse ordinarie e aggiuntive destinate al Mezzogiorno), si spiegherebbe il minore sviluppo.
    b) La qualità degli interventi finanziati sarebbe stata del tutto inadeguata, scontando errori nella fase iniziale della programmazione, per quanto riguarda sia l’individuazione delle priorità e degli obiettivi che la selezione dei progetti.
    c) Vi sarebbe stata, infine, una sottovalutazione dei tempi necessari a conseguire gli obiettivi.
    Comunque, sempre secondo il documento, l’impianto della politica adottata nel 2000-2006 è stato sufficientemente solido e coerente, e può essere riproposto anche per il nuovo ciclo di programma, a condizione di introdurre alcuni aggiustamenti, tra cui l’unificazione in un’unica programmazione delle componenti comunitaria e nazionale della politica regionale; maggiori garanzie in merito all’addizionalità del programma (più risorse ordinarie); una più attenta selezione delle priorità; l’identificazione degli obiettivi da perseguire per molti servizi collettivi.
    Tutto semplice allora? Un piccolo aggiustamento, un’operazione di maquillage e tutto è risolto? Non proprio, perché restano alcune fondamentali questioni irrisolte.

    Le risorse non c’entrano

    Ogni volta che compare lo spettro del fallimento dell’azione pubblica a favore del Mezzogiorno s’invoca la questione delle insufficienti risorse. Il ritornello è sempre lo stesso. Ma le risorse non c’entrano nulla. Non si riesce a spendere quelle che ci sono e maggiori risorse non si sarebbero comunque tradotte in maggiori erogazioni. Manca una seria programmazione, mancano i progetti. La capacità di impegnare le risorse è limitata. Non solo, ma un più elevato volume di spesa non garantisce certo una maggiore efficacia della stessa.
    E veniamo così al cuore del problema.
    La cattiva qualità degli interventi e la loro scarsa utilità è in buona misura imputabile proprio alla Nuova programmazione (e non al destino cinico e baro), che ha interpretato l’attività di programmazione essenzialmente come una procedura burocratica e formale priva di reali contenuti e di una strumentazione analitica adeguata, attribuendo un ruolo decisionale decisivo all’attività di negoziazione e agli accordi tra i soggetti coinvolti, ai mille coordinamenti e ai cento tavoli istituzionali creati per l’occasione.
    Quando nel documento del Dps, a pagina 112, si afferma che "le priorità dovranno essere identificate con più coraggio del passato nei programmi delle amministrazioni attuatrici" e che tali priorità dovranno essere sostenute "da una più coraggiosa diffusione nel processo decisionale di una cultura della valutazione", si ammette implicitamente che finora non sono stati attivati gli strumenti propri della programmazione. L’assenza di analisi e valutazioni ha svuotato di contenuto i piani, favorendo scelte distorte e opportunistiche nella individuazione dei progetti. (2)
    Si pone ora il seguente interrogativo: come è possibile restituire "qualità" alla spesa senza rovesciare l’intera impostazione data dal Dps ai programmi e alle procedure di assunzione delle decisioni? L’aver sviluppato una capacità concertativa-negoziale funzionale ad assicurare determinati livelli di spesa non consente un’automatica riconversione nella diffusione di strumenti di analisi di piano e di valutazione degli interventi. Anzi, è proprio la superfetazione burocratica-concertativa messa in atto a impedire quel processo e a favorire la scarsa efficacia e qualità della spesa.
    È dunque una colpa (grave) del Dps aver omesso di intervenire sulle sole cose rilevanti nell’ambito del processo di programmazione, lasciando credere che fosse ammissibile predisporre piani vuoti e ricorrere ai progetti sponda, perché altri e più importanti erano comunque i reali "luoghi delle decisioni". E proprio ciò ha determinato il fatto che, nella sostanza, non vi sia stata alcuna soluzione di continuità con i cicli di programmazione precedenti alla Nuova programmazione: stessi progetti frammentati, spesso inutili, stessa sovrapposizione tra progetti finanziati con risorse ordinarie e quelli finanziati risorse comunitarie; stessi ritardi nella spesa.
    Insomma, un fallimento. E non da poco visto le forze le energie e i soldi investiti nell’impresa.
    E sebbene il Dps consideri il proprio documento come un esercizio di autovalutazione, troppe domande restano inevase. Perché non è stata fatta inizialmente un’analisi dei fabbisogni infrastrutturali a livello nazionale e locale? Se come si sostiene sono stati individuati fin dall’inizio obiettivi specifici correttamente quantificati perché non si riporta il confronto tra le previsione iniziali e quelle finali (o i risultati attesi ad oggi)? Quali sono state le procedure di identificazione delle priorità e di selezione degli interventi? Perché non sono stati individuati parametri e standard nazionali relativamente a tipologie di servizi e a specifiche infrastrutture? Quante valutazioni sono state fatte dalle unità di valutazione centrale e da quelle regionali? Perché non è stato presentato un quadro che consentisse di verificare le variazioni apportate nella programmazione finanziaria nel corso del tempo con le relative cause? Quanti e quali interventi sono stati inseriti nei piani in forma di overbooking al solo scopo di sostituire iniziative che non partivano e per accelerare la spesa, con chiare conseguenze negative sull’addizionalità della spesa stessa? (3) Perché non sono state messe a punto grandi iniziative a regia nazionale o regionale concentrando sforzi e risorse anziché disperdere i finanziamenti disponibili in mille rivoli? (4)
    E proprio la mancanza di risposte a questi interrogativi e la mancata ammissione di colpe ed errori da parte di chi è stato maggiormente responsabile dell’intero processo di pianificazione non fa intravedere niente di buono e prelude alla reiterazione degli stessi errori nel nuovo ciclo di programma.

    (1) Mediterraneo del Nord, Laterza, 2005. Scrive Rossi: "le politiche regionali degli ultimi anni non hanno generato ‘sviluppo e occupazione’, come nelle originarie nobili intenzioni ma, molto più semplicemente, hanno dato luogo a un utilizzo altamente inefficiente delle risorse. Per essere franchi: a un imperdonabile spreco. Per chi ama gli slogan, l’esperienza della ‘nuova programmazione’ potrebbe essere riassunta in una frase: prendi uno e paghi sei". (p. 46).
    (2) Tra le scelte "tragiche" avallate dal Dps va ricordata la decisione di inserire nei piani comunitari quei progetti (cosiddetti "sponda") già finanziati con risorse ordinarie, al solo scopo di aumentare il livello di spesa, ma a scapito dell’addizionalità della spesa.
    (3) Il problema dell’addizionalità non riguarda solo o tanto lo scarso impegno finanziario delle politica ordinaria, ma soprattutto il non aver regolamentato l’uso dei progetti sponda che sono un’importante causa della mancata aggiuntività della spesa nei tempi previsti.
    (4) Come per tutti i quiz che si rispettano, si riportano di seguito le risposte esatte: l’analisi dei fabbisogni è stata considerata poco rilevante rispetto alle richieste da parte di amministrazioni e lobby; gli obiettivi iniziali sono stati mal formulati e quindi sono poco significativi; procedure assiomatiche di individuazione delle priorità; parametri e standard sono stati considerati troppo vincolanti; nessuna valutazione è stata fatta dalle unità di valutazione; le continue variazioni della programmazione finanziaria, se pubblicizzate, avrebbero messo in discussione la capacità programmatoria del Dps; nei primi anni sono stati finanziati quasi esclusivamente "progetti sponda" a dimostrazione che la mancata programmazione equivale a mancata addizionalità; come sempre, è meglio accontentare un po’ tutti attraverso una distribuzione delle risorse "equilibrata".

  • Archivio Mezzogiorno
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO