TuttoTrading.it


  

 Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
  • Scambia link
  • Vota Sito
  • Collabora
  • Pagina Pref.
  • Segnala Sito
  • Disclaimer

     Ec. Finanza
  • TuttoBanche
  • BorsaNews
  • BorsaQuote
  • BorsaGrafici
  • T. Economia
  • TraderNews
  • TraderArch.
  • Tradingonline
  • T. Dividendi
  • Gloss. Fin.
  • Glossario
  • ContoArancio

     Mondo Scuola
  • TuttoScuola
  • La Terra
  • Miss. Salute
  • Salute/Ben.
  • Adolescenza
  • Emergenze
  • T. Sondaggi
  • RaccoltaDiff.

     Mondo Internet
  • TuttoWeb
  • T. Download
  • T. Sicurezza
  • Gl.Sicurezza
  • Emigrazione
  • Quotidiani
  • TuttoMotori
  • T.Ricerche
  • T.Shopping
  • Racc.Diff.
  • Prev.meteo

     Mondo e Problemi
  • Mondo/Probl.
  • I Temi
  • Grandi Temi
  • Archivio Temi
  • T.Emergenze
  • T.Racc.Diff.

     Mondo Partenopeo
  • TuttoNapoli
  • TorreGreco
  • TuttoItalia
  • RaccoltaDiff.



    eXTReMe Tracker




    contatore visite

  • 22/01/2009 Gianni ed Amalia sono i creatori dei bambobimbi. Un modo di fare arte a Torre del Greco abbastanza desueto (http://www.torreomnia.it)

    Ricerca personalizzata




    21/01/2009 Ritagli (Amalia Vernacchia)

    Ritagli di pensieri, di ricordi, che si tramutano per incanto, in ritagli luccicanti di vecchie stoffe che ricoprono corpi inesistenti di piccole bambole in cornice. Ritagli di sogni mai realizzati; ritagli di dolori, di sofferenze che sono in altri tempi sfociati nell'angoscia ed ora, nella maturità, spingono come in un miracolo la mia mente e le mie mani a creare piccoli grandi cose. Bella la mamma che partorisce il suo prezioso bambino, ma bello è anche partorire le cose, quelle fatte da noi, che sono all'interno di noi e spingono al pari di un bambino che sta per vedere il mondo. Innamorata per sempre della vita e del creato...

    Amalia Vernacchia

    Un giorno in piazzetta al mercato delle vecchie stoffe (Amalia Vernacchia)

    Mi reco al mercato con la straordinaria sensazione di trovare sulle bancarelle qualcosa di antico come... la mia infanzia, di luccicante come... la fantasia dei miei pensieri, di ...profumata essenza del vissuto. Affondo le mie mani nell'affascinante mucchio di stoffe ubbidienti e seducenti, ed è qui che si concretizza il sogno: Astraggo... accoppio... prendo... lascio... riprendo... vado via. M'incammino con Lucio nei "Giardini di Marzo", nelle sue "Emozioni", nelle innocenti evasioni...e...disegno le cose. E poi... lavo..., stiro, taglio, stropiccio, incollo le morbide ed ondeggianti stoffe colorate e poi... ancora taglio i ritagli e...ancora taglio i ritagli dei ritagli ed ecco che il sogno diventa realtà: Nasce "la sposa", nasce "la vecchia stella" e poi "la Mata Hari" e poi...e poi... e poi... Ecco il miracolo della rinascita: La vecchia stoffa si rinnova e diventa fanciulla. Cari giovani, figli miei, giunga a voi questo messaggio come stimolante di speranza e di felicità.

    Amalia Vernacchia

    Gianni Vitiello e Amalia Vernacchia torresi da Torre. L'artista onirico (Luigi Mari)

    Gianni ed Amalia sono i creatori dei bambobimbi. Un modo di fare arte a Torre del Greco abbastanza desueto.
    Quando si parla di sogni, da noi, vengono in mente due cose: Freud e la cabala, intesa quest'ultima pure come metodologia del trascendente non disgiunta dal misticismo; e, penso, non solo nella plaga vesuviana. Ma ciò è troppo sommario. Approfondiamo.
    Il fattore onirico non è solo fascinoso, arcano od enigmatico nel senso letterario classico, ma permea, (come discorso planetario), prima nella fisicità, ripartendo dalle sensazioni difensive fetali dell'uomo, ripercorrendo idealmente l'infanzia e via via lungo l'età evolutiva, quindi esplode nella giovinezza, sfocia ad estuario nelle reazioni sensitive della maturità, soggiacendo ad una sorta di sensualità e di fisicità irreversibili che quotidianamente riaffiorano e scompaiono, quindi si rifondono un attimo dopo con l'immateriale.
    In molte persone il sogno e la realtà, nella maturità, proseguono parallelamente per drenare infine come catarsi verso la sublimazione con ogni sorta di attività umana professionale, artigianale, hobbistica, realizzate, per dirla in chiave retorica, con il braccio, con la mente e col cuore.
    Quindi Freud e cabala si si riferiscono allo stesso fenomeno umano che fonde psiche e corpo in tutt'uno: il sogno, cioè realtà e fantasia in un solo concetto.
    Il sogno ricorrente sin da bambina della signora Amalia si manifesta nei personaggi che fuoriescono dalle vecchie foto di famiglia. Un classico, a dire il vero.
    La realizzazione empirica, però, di questo avvenimento con intere famiglie "riciclate", "recuperate" dall'antico, dal vecchio, dal perduto, rivela la catarsi spirituale di una donna estremamente sensibile alle problematiche epocali tra cui l'inquinamento ambientale, quello fisiologico dei paradisi artificiali e quello etico compromesso, in materia di recupero materiale e spirituale. Ella è per di più residente in un Olimpo di artisti qual è la sua abitazione, in prossimità delle Suore Battistine in Torre del Greco.
    Amalia non parla di gruppi familiari, di bamboline, di pupazzetti, ma di personaggi reali vivi e palpitanti.
    Le suggestive composizioni di personaggi che potete osservare nelle foto sono essenzialmente realizzate con cascami di vecchi indumenti o stoffe da macero, da ella detti "RITAGLI". Amalia grida il messaggio del riciclo del vecchio in nuovo. L'apologia del corso e ricorso storico. La continuità materiale e spirituale senza misura e senza tempo, senza intervalli geologici o storici, senza più crolli totali e palingenesi.
    V'è una estrema poesia in questo concetto apparentemente empirico e addirittura pragmatico: il vago l'evanescente, l'indefinibile che si evince dal concetto di bambola statica, inanimata prende corpo e soffio di vita in una sorprendente rinascita. Non solo per la signora Amalia, ma anche per diversi visitatori di questi capolavori di implicità e significanza, questi teneri, enigmatici, prodigiosi soggetti non sembrano animati, ma si lasciano vedere animati.
    Qualcosa che va al di là della suggestione o dell'ubbia. Un recupero fisico vero, reale e non realistico, vivo e palpitante, come è vera l'inesistenza di un confine tra la realtà e la fantasia anche quando si parla di amore. Realtà e fantasia si fondono nel vero e nel metaforico e attingono i lontani puerili candori e le purezze, oggi sotto il giogo di nostalgiche reminiscenze, prigionieri di svigorimento ed inabilità per l'inevitabile dissoluzione di benessere e letizia, destinati a sparire con la lucida, scientifica, devastante consapevolezza del finire delle cose; e soprattutto del nostro inevitabile finire.
    Quindi un messaggio di recupero della materia utile ed attuale, che coinvolge e sottintende, però, il recupero più nobile e sublime della psiche, della felicità come salute mentale, come infinibilità dell'amore.
    Amalia Vernacchia per certi aspetti ha realizzato in oggetti l'assunto del famoso romanzo di Oscar Wild: "Il ritratto di Dorian Gray". L'eterno dilemma della finibilità che può non finire se lo vogliamo?
    Luigi Mari

    Vai alla sezione dedicata su TorreOmnia

    http://www.torreomnia.it

  • Archivio Mondo Nuovo
  • Ricerca personalizzata