TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 22/02/2006 Perchè non li ammazza lui? (Claudio Giusti, www.disinformazione.it)

  • Muro del Pianto
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Denunce
  • Pagina Farmacologia
  • Ricerca personalizzata

    California. L’uccisione di Morales è stata fermata all’ultimo momento. Succede abbastanza spesso, ma questa volta a fermare il boia non è stato un giudice, bensì un anestesista, anzi due. E’ accaduto che i due medici che dovevano presiedere alla sua “messa a nanna” si siano rifiutati per motivi di coscienza.
    [scoprire che negli Stati Uniti qualcuno possa avere problemi di coscienza è una cosa che mi riempie il cuore di speranza.] In ogni modo il fermo “tecnico” dell’esecuzione di Morales ha riproposto vecchie questioni.
    In America, a partire dal 1608, più di 22.000 persone sono state strozzate, sparate, gasare, cotte alla fiamma o al sangue, e avvelenate [intendo dire che lo hanno fatto legalmente, poi ci sono stati anche 10.000 linciaggi], ma ora sembra che l’opinione pubblica americana abbia paura di fare male alle persone che ammazza a sangue freddo.

    Sembra quasi che gli americani vogliano la pena di morte, ma che la vogliano indolore, inodore, asettica e mascherata da intervento chirurgico. [evito di entrare in questa incredibile ipocrisia] L’iniezione letale venne proposta dall’allora governatore della California Ronald Regan. Costui, da bravo allevatore di cavalli propose due metodi per disfarsi dei condannati: il colpo di pistola o la siringa.

    Per il noto desiderio di sterilizzare la morte i suoi concittadini preferirono l’ago alla pistola e il veleno alla pallottola nella nuca, ma ora sono in molti a riproporre la seconda soluzione. Infatti in molte occasioni è accaduto che ci fossero delle difficoltà nel trovare le vene adatte a reggere i due aghi previsti dal protocollo e che si dovessero compiere veri e propri interventi chirurgici per inserire un catetere nel collo o nell’inguine o che addirittura si rendesse necessaria la collaborazione del condannato che in alcune occasioni è stato così gentile da stringere il pugno, in modo da facilitare la ricerca della vena da parte del boia.

    Sono stati casi come questi a convincere molti a chiedere che si passi dalla somministrazione di sostanze velenose a quella di un proiettile nel cervello. Si è anche proposto che a somministrare il proiettile non sia più un anonimo esecutore, ma il governatore in persona (o in caso di esecuzione federale il Presidente).

    Visto che sono loro quelli che ricavano vantaggi politici dalle esecuzioni e che giustificano con argomenti assurdi la bontà della pena di morte, si ritiene giusto che siano loro ad ammazzare la gente, magari aiutati dai giurati che hanno, in nome di tutta la società, emesso la condanna a morte.
    Questo ci darebbe una splendida sceneggiatura:
    Carcere di San Quintino
    Interno notte.
    Carrellata lungo il corridoio all’inseguimento del governatore che va a compiere il suo dovere.
    Il governatore entra nella stanza delle esecuzioni.
    Panoramica totale
    Il condannato è già bendato e legato alla sedia.
    Primo piano del condannato con il governatore sullo sfondo.
    Il governatore si toglie la giacca e fa un breve discorso sull’eticità della pena di morte.
    Panoramica sugli astanti commossi.
    Il governatore impugna la pistola e spara in rapida successione e a distanza ravvicinata due colpi alla testa del condannato
    Primo piano sulla sua mano che non trema
    Il governatore si pulisce la camicia da alcuni pezzi di cervello ed esce fra gli applausi.
    Panoramica sulla stanza con il cadavere accasciato sulla sedia.

    Claudio Giusti


  • Muro del Pianto
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Denunce
  • Pagina Farmacologia
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO