TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 28/02/2007 Sanremo 2007: con Pippo e Michelle ritorna il Festival di un tempo (Francesco Silvestri, http://www.korazym.org)

    Ricerca personalizzata

    Tanta musica, garbo e simpatia nella prima serata del 57esimo Festival di Sanremo che vede il grande ritorno di Pippo Baudo alla conduzione. La Hunziker parte molto emozionata, ma si dimostra completamente a suo agio sul palco dell'Ariston.

    Anche quest’anno è Festival! Ci siamo avvicinati con più tranquillità e con meno polemiche del solito, ma ora ci siamo. Edizioni numero 57 per Sanremo, questa incredibile macchina musicale che ha il potere di catalizzare, per una settimana intera, l’attenzione di milioni di italiani. Pippo Baudo ci ha fatto riassaporare il gusto di guardare il Festival, costruendo una serata ricca di garbo e soprattutto di canzoni, scelte con la grande esperienza e con il grande intuito del presentatore siciliano. Non delude la dolcissima Michelle Hunziker che dimostra ancora una volta tutte le sue doti di presentatrice e la sua grande spontaneità nello stare su un palco così bollente come quello dell’Ariston. L’inizio è sicuramente commovente e ad effetto con le lacrime – c’è chi dice finte – di Michelle Hunziker emozionata per il suo debutto al Festival. La voce della show-girl ha qualche problema per tutta la serata e si sente subito quando dedica, con problemi di intonazione, “Adesso tu” all’ex marito Eros Ramazzotti, con il quale ha fatto "l’unica cosa veramente belle della sua vita", la figlia Aurora.

    Al centro della serata ci sono veramente le canzoni e finalmente i giovani non vengono costretti ad esibirsi a notte inoltrata. Tra i big convincono gli Zero Assoluto, con una canzone orecchiabile e delicata come sanno fare loro, Piero Mazzocchetti, che coinvolge con una voce poderosa, Daniele Silvestri, con un brano ritmato, e Milva, grazie ad una interpretazione esemplare e una canzone gioiello di Giorgio Faletti. Atmosfera toccante durante la performance di Antonella Ruggiero che, con la sua inconfondibile voce, dedica un inno ai tanti bambini costretti a vivere in mezzo alle guerre che devastano tanti paesi nel mondo. Canzone malinconica, ma molto poetica per Simone Cristicchi che abbandona definitivamente i tempi di “Vorrei cantare come Biagio”. Molti i consensi da giornalisti e critici per il ritorno di Nada che ha portato una canzone coinvolgente e suggestiva. Francesco e Roby Facchinetti hanno cantato il rapporto tra padre e figlio con momenti di forte emozione che forse hanno un po’ ‘sporcato’ l’esibizione e l’unisono tra i due. Tra i giovani, i più convincenti sono stati proprio i quattro promossi alla finalissima di venerdì: i Pquadro, con una canzone che sarà sicuramente apprezzata dai giovanissimi, Marco Baroni, che ricorda lo stile dei grandi cantautori italiani, Jasmine, una voce importante e una canzone coinvolgente, e Stefano Centomo, grande voce e perfetta interpretazione che lo colloca tra i grandi favoriti per la vittoria finale. Non passano alla fase finale i Khorakhanè, i Grandi Animali Marini e Mariangela, che hanno portato al Festival canzoni meno dirette al primo ascolto, ma che sicuramente avranno modo di crescere col tempo.
    Sono quasi passati inosservati i super ospiti internazionali: Scissor Sisters e Norah Jones, che si sono limitati ad eseguire i loro brani. Bel momento di spettacolo grazie a Michelle Hunziker e a un gruppo di ragazzini in una rivisitazione moderna di "Do re mi", famosissimo brano tratto dalla colonna sonora di "Tutti insieme appassionatamente".

    Incursione comica della serata è stata quella di Antonio Cornacchione che ha esordito come direttore d’orchestra cercando di far suonare l’inno di Forza Italia, ma avendo come risultato un caotico sovrapporsi di strumenti: ''Qui sono tutti comunisti, le canzoni le ha scelte Veltroni, tranne te Fabrizio - ha detto rivolto al direttore di Raiuno Del Noce seduto in platea - perché con tutto quello che Silvio ha fatto per te sei rimasto dalla nostra parte''. Il comico di Zelig, famoso per la sua “amicizia” con Berlusconi parla anche dell’attuale situazione politica sostenendo che al Senato i numeri il governo non ce li avrà neppure ora “perché i senatori a vita non lo votano: ad Andreotti gli hanno tassato le pere cotte, Rita Levi Montalcini è andata dal parrucchiere una settimana fa e non è ancora tornata, Scalfaro ha la tosse, Pininfarina sta lavando la macchina e De Gregorio costa tanto perché mangia troppo”. Durante lo sketch è entrato, con grande sorpresa di tutti, anche un sosia molto somigliante di Prodi – era l’imitatore Roberto Valentino – con il quale Cornacchione ha duettato per ottenere un finto accordo di governo. Proprio in questa occasione c’è stato l’unico episodio di poca eleganza della serata che farà sicuramente parlare di se’. Il secondo intervento del comico è stato annullato a causa del troppo prolungarsi del primo (19 minuti contro i 5 previsti); Cornacchione avrebbe dovuto cantare un brano di Bruno Lauzi, “Ritornerai”.

    La serata si è chiusa con un tributo a Claudio Villa, a vent’anni dalla sua scomparsa. L’appuntamento è per la seconda serata che vedrà l’esibizione di altri dieci big e altri sette giovani - tre dei quali verranno eliminati. I voti ottenuti resteranno segreti fino a sabato!

  • Archivio Sanremo
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO