TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 23/02/2007 Sostegno a Prodi (www.verdi.it)

    Ricerca personalizzata

    Pecoraro sui 12 punti: "Sulla Tav non c'è via libera al mega-tunnel". Il leader dei Verdi risponde in video sul suo blog ai cittadini

    L’accordo in 12 punti proposto da Romano Prodi e accettato dai leader del centrosinistra non parla di mega tunnel per il collegamento Tav Torino Lione. Lo sottolinea il presidente dei Verdi e ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio.

    Con l’accordo, ha detto Pecoraro in un’intervista al Messaggero di giovedì scorso, "si resta dentro le intese programmatiche e si rilanciano alcuni punti per noi importanti: mobilità sostenibile, fonti energetiche e rinnovabili".

    “Sulla Tav – precisa il leader dei Verdi - c'è un impegno a velocizzare le procedure dell'osservatorio, al fine di trovare una rapida soluzione, ma non un via libera al mega-tunnel. La modalità resta quella della ricerca del consenso con la popolazione”.

    Nel documento programmatico mancano i Dico, ma lo stesso Prodi ha ricordato che il provvedimento varato ufficialmente dal Governo, cioè il disegno di legge, è “già incardinato in Parlamento”. “Il ddl il governo lo ha già votato.  A questo punto l'impegno riguarda la maggioranza in Parlamento”, ribadisce Pecoraro.

    Il leader dei Verdi risponde con un video sul suo blog, alle domande e alle preoccupazioni degli elettori del centrosinistra sulla situazione politica e sui "risultati importanti" ottenuti dal Sole che ride con il governo Prodi, come "cancellare il ponte sullo stretto, riuscire a svoltare verso le energie e le fonti rinnovabili ed il solare, riportare Rubbia in Italia, fare in modo che i soldi del famigerato Cip6 da adesso in poi vadano comunque alle fonti rinnovabili", dice tra l'altro nel video Pecoraro. 

    Quanto alla crisi il presidente dei Verdi sottolinea che bisogna “recuperare uno spirito in cui al centro ci siano soprattutto l'Unione e il sostegno a Prodi”, come peraltro ribadito dall’Esecutivo del partito che si è svolto ieri. “E basta – aggiunge Pecoraro - con i distinguo tra i più riformisti e i più radicali. Peraltro, noi Verdi non ci siamo mai sentititi parte di una sinistra radicale: ci sentiamo componenti di un'intera coalizione".

    "Le nostre difficoltà sono dovute innanzitutto a un cambio di casacca stimolato dal centrodestra - afferma ancora il ministro dell'ambiente - che, grazie al gesto inaccettabile di un ribaltonista, sta alterando il mandato degli elettori. Dire che manca la maggioranza dopo essersi presi il voto del ribaltonista De Gregorio, è una cosa un po' discutibile".

    "Nell'esecutivo del nostro partito – aggiunge Pecoraro Scanio - abbiamo deciso, e lo chiediamo a tutti, di far prevalere ora il principale degli impegni: garantire un governo di centrosinistra e non consentire il ritorno della destra. Serve una svolta che stabilisca più collegialità e riduca il livello di differenziazione esterna che ha danneggiato la coalizione".

    Il leader dei Verdi ammonisce ricordando che anche gli “elettori più pacifisti ci chiedono di tenere in piedi Prodi". E sull'eventuale allargamento in Parlamento, "nulla da dire se si tratta di sostegni che puntano al bene del Paese e alla realizzazione del programma senza stravolgerlo", dice, avvertendo poi che "deve essere chiaro che ci può sostenere solo chi crede almeno a quella parte del programma che vuole superare i conflitti d'interesse e lo strapotere di Berlusconi".

    Posizione ribadita dal capogruppo dei Verdi alla Camera Angelo Bonelli. “I Verdi confermano il sostegno a Prodi, il governo continui. Non abbiamo nessuna pregiudiziale all'allargamento che però deve far salvo il programma, che a sua volta, può anche accettare dei punti innovativi. Abbiamo un'etica della responsabilità – conclude Bonelli - e un patto morale prima che politico con gli elettori”.

  • Archivio Caduta Governo
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO