TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 27/02/2007 Fiducia al Senato: Domani diretta Rai dalle 17 (http://www.canisciolti.info)

    Ricerca personalizzata

    La Rai trasmettera' domani su Raidue il dibattito sulla fiducia al governo in diretta dall'aula del Senato, a partire dalle ore 17. "La decisione presa nei giorni scorsi risponde alle esplicite richieste formulate dal Senato. Anche nella circostanza odierna la Rai - si legge in una nota - si è attenuta ad una prassi consolidata secondo quel rapporto di correttezza che ha sempre caratterizzato l'atteggiamento del servizio pubblico nei confronti delle Istituzioni".

    Montezemolo: Bisogna recuperare un forte senso dello Stato

    Gli italiani sono ottimisti sul loro futuro,ma non altrettanto su quello del Paese. Per questo in Italia c'è il rischio si radichi "un modello fai da te che non abbracci una necessaria logica di sistema". E' il presidente di Confindustria Montezemolo ad affermarlo.

    "Come ho detto più volte, non sono preoccupato per il futuro degli italiani ma per il futuro del Paese",ha spiegato. "Basta dunque con mugugni, piccoli interessi corporativi. Bisogna farsi carico di interessi collettivi, recuperando un forte senso dello Stato".

    Mastella: Con il voto di Marini siamo maggioranza al Senato

    Il ministro della Giustizia, Clemente Mastella, durante la presentazione della riforma del diritto societario spiega che a suo avviso ''una maggioranza politica gia' c'e' ed e' doppia, e' quella dell'investitura popolare per la quale Marini non vota ma potrebbe anche votare'':

    ''Non esiste una maggioranza politica o una numerica - ha spiegato il ministro - esiste una maggioranza al Senato secondo il regolamento del Senato. Peraltro voglio ricordare che una maggioranza politica gia' c'e' ed e' doppia, e' quella dell'investitura popolare per la quale Marini non vota ma potrebbe anche votare. E' soltanto una prassi, che secondo me andrebbe cambiata fino a quando rimane questo maledetto bipolarismo all'italiana''.

    Maroni: La Lega rimane temporaneamente nel centrodestra

    "La Lega è nel centrodestra solo temporaneamente, quindi tutto è possibile. Siamo federalisti e autonomisti. Le alleanze e le trattative le facciamo in funzione dei nostri obiettivi". Così si è espresso il presidente dei deputati della Lega, Maroni, a "Play Radio".

    Secondo Maroni, "per la CdL non ci sono scusanti. Faccio fatica a capire perché Fi non ha chiesto con chiarezza il voto subito", mentre "lo ha chiesto solo dopo che Napolitano ha rinviato Prodi alle Camere. Bella forza, dovevano chiederlo prima".

    Pallaro annuncia il suo voto di fiducia a Prodi

    "In giornata avro' ancora incontri. Ma ho sempre votato per sostenere il governo, possibilmente anche questa volta". Cosi' il senatore Pallaro. Lo ha detto questa mattina all'aeroporto di Fiumicino, all'arrivo da Buenos Aires .

    "Non vengo in Italia per far cambiare governo. - ha aggiunto Pallaro - Insomma, se non ci saranno cambiamenti improvvisi, saro' per il si'".

    Berlusconi: Casini esprime giudizi personali sulla Cdl che nessuno condivide

    Da Pier Ferdinando Casini sono arrivati questa sera dei "giudizi personali che non vedo chi possa condividere". Così il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha risposto ai giornalisti che a margine di una cena elettorale a Milano gli hanno chiesto un commento alle parole di Pier Ferdinando Casini che oggi ha detto che se la Cdl andasse ad elezioni con lo stesso schema usato 12 anni fa farebbe "ridere". "Se i sondaggi ci danno al 57% questo vorrà pure dire qualche cosa. Credo che quello di Casini sia un giudizio personale e non vedo chi possa condividerlo".

    La decisione di tenere le primarie per scegliere il leader del centrodestra per le prossime elezioni è stata presa perché "vogliamo tenere unito il centrodestra e quindi ci sembra che la cosa migliore sia non profittare dei sondaggi che pure ci danno al 57%, ma avere conferma dagli elettori". Silvio Berlusconi con queste parole ha spiegato i motivi per cui la Cdl farà le primarie per la scelta del suo leader affermando che si tratta "dell'unica cosa che abbiamo copiato dal centrosinistra" poiché è importante che "si abbia una conferma dagli elettori che con le primarie possono partecipare dando il proprio voto". Il leader di Forza Italia si è poi detto che convinto che "prima o poi bisognerà tornare dagli elettori".

  • Archivio Caduta Governo
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO