TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 23/04/2008 25 aprile: per una nuova Liberazione (http://www.antoniodipietro.com)

    Ricerca personalizzata

    25aprileliberazione.jpg

    Il 25 aprile sarò a Milano, alle ore 11:00 in Largo Cairoli, per firmare i tre referendum promossi da Beppe Grillo per una libera informazione.
    L’Italia dei Valori si mobilita in quella che riteniamo sia un’altra battaglia politica importante per assicurare al cittadino il diritto ad essere ben informato, a ben informare e informarsi come la Carta Costituzionale vorrebbe e, in Italia, non è.
    Di seguito il testo di una mia dichiarazione sull’iniziativa.

    "Passato il momento elettorale, noi dell’Italia dei Valori, ed io personalmente vogliamo continuare a portare il nostro contributo in difesa della legalità, della trasparenza, e in questo caso, della trasparenza, indipendenza e pluralità dell’informazione.
    Il 25 aprile ci sarà il Vday, promosso da Beppe Grillo. Molti dicono che questo è un atto di antipolitica: niente di più sciocco, perché non c’è niente di più politicamente corretto che quello dei cittadini, semplici cittadini, che nello stesso giorno, ad una stessa ora, si recano e si mettono insieme davanti a dei banchetti per raccogliere firme per abrogare una legge che ritengono incostituzionale o comunque che abbia fatto il suo tempo, o per presentare una legge d’iniziativa popolare. L’istituto del referendum e l’istituto delle leggi d’iniziativa popolare sono voluti e garantiti dalla Costituzione, e chi lo porta avanti non fa un atto di antipolitica, ma di vera politica. L’antipolitica è quella di chi va nelle istituzioni per farla franca, altrimenti dovrebbe andare in qualche carcere, è quella di chi da dell’eroe ai mafiosi e di chi si candida per trovare un posto al sole per se e i suoi cari.
    Detto questo, il 25 aprile si raccolgono le firme per avere un’informazione più libera, indipendente e trasparente. Eliminare i finanziamenti pubblici all’editoria, perché c’è uno spreco enorme di quasi un miliardo di euro, e soprattutto perché poi, di fatto, l’informazione viene controllata dai sistemi dei partiti e dal sistema dei poteri forti. Vogliamo eliminare l’albo dei giornalisti, perché da che mondo è mondo non ha senso che per scrivere, parlare e far conoscere le proprie idee bisogna essere iscritti ad un albo e rispettare gli organismi della corporazione con la logica del “se stai nel giro buono vieni ammesso a poter parlare, altrimenti no”. Ma questa non è democrazia e non lo dico io, ma lo dicevano, come ha ricordato anche Beppe Grillo, Einaudi e Berlinguer. Questa legge che prevede l’ordine dei giornalisti è ormai antiquata, fuori tempo e fuori luogo, anche perché emanata a suo tempo da Mussolini con ben altro intento: mettere sotto tutela i giornalisti e la libera informazione.
    Infine, vogliamo eliminare la legge Gasparri, perché tanto, ora che ha vinto Berlusconi, nonostante la Corte di Giustizia Europea ha già condannato l’Italia sulla legge che si è fatto per l’assegnazione delle frequenze televisive, nonostante la Corte Costituzionale ha ribadito che questa legge è incostituzionale, state pur certi che con questo governo e con questa maggioranza la legge Gasparri non sarà abolita, ma sarà modificata opportunamente per rendere legittimo quello che è illegittimo. E’ meglio cancellarla totalmente questa legge prima ancora che ci mettano il sigillo di una pretesa legalità.
    Queste tre attività sono le prime uscite dell’Italia dei Valori post elezioni, perché riteniamo che la politica la si debba fare con i cittadini, tra i cittadini, chiedendo il voto ai cittadini. Le strutture dell’Italia dei Valori metteranno a disposizione dei banchetti per poter autenticare le firme, laddove dovessero mancare, e tutti sono invitati consultando la lista dei comuni in cui verranno allestiti i banchetti attraverso il Blog di Grillo di recarsi a firmare.
    Certo, poi bisognerà fare il referendum, ma credo che un passo alla volta dobbiamo portare il nostro Paese verso una democrazia vera e compiuta, ora più che mai.

    http://www.antoniodipietro.it/
    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio V-Day
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO